mercoledì 21 aprile 2021

CS Marinai di Salvataggio Prov. Rimini


Comunicato Stampa "i Salvataggi + Rimini Cuore"
L’Associazione Marinai di Salvataggio fin dalla sua nascita collabora attivamente con il progetto “Rimini Cuore” nato per promuovere la cultura del soccorso cardiaco. Un'attività che passo dopo passo ha portato Rimini ad essere una città con un alto numero di defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) posizionati, ma soprattutto a formare all'utilizzo con corsi formativi e abilitanti tantissimi cittadini riminesi e dell'intera provincia. I salvataggi in servizio sul litorale, in qualità di esperti di primo soccorso, partecipano numerosi ai corsi specifici a loro dedicati e nati da questa proficua collaborazione. Si stima che circa il 60% dei decessi secondari ad attacco cardiaco avviene PRIMA che il paziente raggiunga l’ospedale. Le manovre immediate sono essenziali poiché dopo pochissimi minuti dall'arresto cardiaco il cervello subisce danni irreversibili che possono portare alla morte cerebrale. Sino al 2001 Rimini Cuore ha diffuso e promosso l'applicazione della “Catena della Sopravvivenza” (allarme precoce, pronto inizio di massaggio cardiaco e respirazione artificiale) poi la seguente introduzione dei Defibrillatori semiAutomatici Esterni (DAE) ha reso ancor più facile e utile l'insegnamento di Rimini Cuore, che da allora è stato chiamato “Riminicuore D” (D = "Defibrillazione Precoce”). Dal 2014 grazie a questa battaglia condivisa con l'Associazione Marinai di Salvataggio, l'ordinanza balneare regionale dell'Emilia Romagna ha introdotto l'obbligatorietà dei Defibrillatori Semiautomatici Esterni (DAE) nelle nostre spiagge. Anche quest'anno i salvataggi impiegati sul litorale riminese si aggiorneranno alle linee guida di soccorso in sicurezza per Covid-19, allenandosi per ore al primo soccorso guidati dal personale sanitario e utilizzando strumentazione all'avanguardia; spesso i rianimatori professionisti che tengono i corsi sono poi gli stessi che a bordo delle ambulanze e delle auto mediche accorrono direttamente in riva al mare alle nostre richieste di soccorso. Cogliamo l'occasione per ringraziare sentitamente il progetto Rimini Cuore e tutte le persone fantastiche che promuovono appassionatamente la cultura della salvaguardia della vita. ** Fine Comunicato ** > versione RTF in allegato 
"La Vostra Sicurezza, la Nostra Passione"
Stefano "Steve" Simoni Referente Comunicazione con i Media Associazione Marinai di Salvataggio della Provincia di Rimini                                                                                     

La Provincia Polifemo

La Provincia "POLIFEMO", ed il Signor ...NESSUNO! Mi tornano alla memoria le "pataccate" cui in troppi, come paganelli, abbiamo " abboccato". Vi ricordate ??? Le province sono uno spreco!!! ABOLIAMOLE !!!! E così.. in maniera strisciante.. L'unica cosa eliminata son state, le elezioni provinciali, le funzioni provinciali, ed i servizi ai cittadini.... NON I COSTI! Tant'è.. Che arrivo un momento in cui divenne Presidente uno sconosciuto funzionario di partito. TALE RINZIERO SANTI. La provincia "Polifemo" orbata del consiglio provinciale urlo furiosa:" chi sei tu che fai il presidente senza essere stato eletto?" E lui rispose "Sono NESSUNO!" Ma .. aggiunse.." però, 5000 al mese...NON SI NEGANO A NESSUNO...". Fu così che lo.mandarono a tagliare il nastro del vecchio metro mare, in fondo un SELFIE CON BONACCINI..NON SI NEGA A ...A NESSUNO! Lui subito dopo il selfie interruppe il servizio..per mancanza di vagoni( o di turisti? Non ricordo), e riprese il suo "lavoro". Tra i suoi compiti il trasporto pubblico. OGGI DOPO 15 MESI DI PANDEMIA E DUE ANNI SCOLASTICI PERSI, il signor NESSUNO, si è accorto di non avere uomini e mezzi... Ma come? Nelle proposte che l'amico CORRADO DELLA VISTA, rappresentante regionale di " PARTITE IVA", fece, c'era anche l' utilizzo salvifico delle aziende private di trasporto, ferme al palo e condannate al fallimento... Ma IL PRIVATO NO! Perché secondo il sinistro SPERANZA " la pandemia è l' occasione per creare un nuovo MODELLO SOCIALE"... ODDIO ..NUOVO NON DIREI .. SI CHIAMA COMUNISMO! Santi, la questione non è lo stipendio. Per me puoi prendere anche 20000 euro al mese... La questione è la CAPACITÀ! Aver usato la movida per mascherare l' incapacità non evita al nodo di venire al pettine . Per questo dovresti dimetterti..PER INCAPACITÀ, e per il fatto che gestisci un aspetto tanto importante per la vita delle famiglie riminesi, senza che nessuno sappia CHI SEI E CHI TI CI HA MESSO! Il problema dei 5000 euro semmai, è rappresentato dal fatto che ci si potrebbero assumere, rendendo miglior servigio alla collettività, 3 autisti per il trasporto dei nostri ragazzi!
 Noi❤️RIMINI Lucio Paesani

martedì 20 aprile 2021

La Superlega di Draghi

La stranezza del misero (per ora) dibattito sulla nascita della Superlega, segna l'inversione dei ruoli, come la "sbroccata" di Grillo. I sovranisti e populisti sono i Ceferin, Gravina e l'immensa mandria che si nutre da un secolo, dentro le federazioni, Gli innovatori sono i tre "delinquenti" che vogliono fare sparire il tifo calcistico. A dire il vero, il Giuda è solo uno, come sempre. Il comico, inventore di micidiali formule politiche, è scivolato sulla più difficile interpretazione: il padre. Inguardabile esibizione del garantismo ad uso familiare. Brutta vicenda che ha avuto finora aspetti discutibili proprio per la sua figura di censore. Nella presentazione del futuro calcio, la cosa che infastidisce è (al solito) la propaganda. I saltatori sul carro, si sono già social esibiti. Esaltano le curve come unica espressione del tifo, da casa sei uno sciocco e pigro sostenitore di Sky o Dazn. Rubano il loro tifo, il calcio è un semplice gioco che però arriva a pagare 60 milioni per un solo interprete. Gli altri sarebbero solo amatori o dilettanti. Poi ci sono gli affaristi, presidenti che speculano e perfino qualche sindaco che ha tentato di salire sugli spalti. Il calcio è una industria da (quasi) sempre. In Italia siamo rimasti al dopoguerra. Per mantenere in vita la squadra cittadina, nel quarta/quinta serie, ci vogliono "cordate" milionarie, naturalmente senza Paesani, poi li mandi a giocare contro sconosciuti paeselli. Discutiamo rozzamente, che la crisi pandemica ci presenterà un mondo nuovo. Lo accogliamo così? Solo il calcio induce a dimenticare la disperata situazione del paese. Si metteranno d'accordo i giuda ed i bugiardi. Tre hanno scelto la strada della impopolarità per non morire. Lo spettacolo calcistico ha le stesse condizioni degli altri scenari: cinema, teatro, musica. Guardiamo sempre l'America, il professionismo in ogni campo è un dogma. Non sarà un percorso facile, ci saranno ultrà ed i soloni di Sky che si vedono rubare il giochino costoso. Non mi ha sorpreso Draghi, non è diverso dagli altri. Ha fatto un "saltino" con ghigno sul carro, per il momento vincente. Poi ci offrono la Transizione Ecologica. Una volta, ai miei tempi, il calcio era in presenza o per radio. Oggi "campa" con i diritti televisivi. La Superlega è lo spettacolo migliore che possono offrire. Stanno litigando i registi. La passione sportiva evolve, cambia come i costumi. L'aspetto più ridicolo ed urticante è il cambio di casacche politiche. Draghi, il populista del calcio. 

Sempre Lucio

Machiavelli scriveva che se si vuole lanciare una freccia lontano si deve "mirare" il cielo. Vasti settori della sinistra le frecce le hanno sparate sui piedi delle imprese, dei privati cittadini, e nella fattispecie su un rapporto con l' Antica Repubblica, svilito di ogni potenzialità virtuosa, fino ad arrivare a parlare di "migranti della tagliatella". A tanto " nanismo", che ha come sistema metrico la mediocrazia che ci vede fermi al palo da 30 anni, NOI vogliamo rispondere con una vera cooperazione tra i territori, trasformando la politica "bologna centrica" della sinistra, che ci costringe per fare un solo esempio alla guerra dei cieli con Forlì, ad una visione del territorio che abbia il suo baricentro sulla superstrada di SAN MARINO. Parlando di San Marino tornano inoltre alla mente i racconti drammatici dei nonni. Il mio ci entrò a 28 anni con mio padre di 3 anni e mio zio in fasce. Mesi nelle gallerie in cui San Marino dimostrò solidarietà ed umanità. In quel periodo mi raccontano, anche i NAZISTI, lasciavano passare i convogli della croce Rossa che partivano dalla Svizzera... SPERANZA, dopo aver abbandonato RSM non garantendo la percentuale che doveva, ipotizzo di confiscare lo SPUTNIK, non appena questo avesse toccato il suolo italiano.... SPERANZA, nel suo libro MESCHINO, si rallegrava del fatto che la SINISTRA AVREBBE POTUTO GRAZIE ALLA PANDEMIA IMPORRE UN NUOVO MODELLO SOCIALE.... SPERANZA È, OLTRE CHE UN "NANISTA", UN NAZISTA ROSSO! W LA LIBERTA! W L' ANTICA REPUBBLICA! W L' ITALIA SPERIAMO PRESTO LIBERATA!
 Noi❤️RIMINI Lucio Paesani

lunedì 19 aprile 2021

Fazio&Vespa

Il piano del governo di Mario Draghi a partire dal 26 aprile, grazie ai pochi Paesani di tutta Italia, lo si può definire Promesse&Vaccini. L'Unione Europea, consorella del fallimento, tiene bordone alla propaganda. Le televisioni, sempre di governo e quelle del Banana, 
rasentano l'orgasmo delle olgettine. Questo è il piano del governo guidato da Mario Draghi a partire dal prossimo 26 aprile. I dettagli del decreto verranno messi a punto nei prossimi giorni con il Comitato tecnico scientifico, sentito il Galli di Milano. Hanno costretto il povero Santi, controfigura, venuta male, di Gnassi, a confessare che non siamo in grado di provvedere al distanziamento sul mezzo pubblico. Il Metromare non riesce a fare le curve stradali, sempre pieno. Cinquantaquattro milioni di dosi  arrivano (giuro) in Italia nei prossimi tre mesi. Il mio bagnino sta attrezzando una cabina per le punture della salvezza. La Fiera però dal primo luglio riaprirà all'antica funzione, quella dei bilanci miracolosi. Il Palas è sparito dalle curiosità giornalistiche, finirà come le nostre colonie. Il "rischio ragionato" sarà il tema delle prossime settimane. Avrete notato (spero) che infetti e morti sono in sintonia perfetta con Desideri e Speranze. L'intenzione è dimenticare il passato con i regali del futuro. A Rimini, i candidati piddini sono costretti a giocare sul terreno ostile. Jamil chiede incontri con le "tagliatelle " di S. Marino. La Petitti palleggia solo sul terreno spianato da Melucci. Per la prima volta i sicuri di vincere rincorrono l'elettorato. Il figlio di Letta, con il piglio del duro ha detto che le primarie le scelgono i territori. Pilato era un decisionista. Fabio Fazio è l'alter ego di Vespa, notoriamente più a destra, con la sua informazione. Non dimenticate però che anche Draghi ha iniziato la sua ascesa ai cieli della finanza con Berlusconi. Non trovano più procuratori che vanno a caccia del Cavaliere. Rimane, per i Palamara, solo Salvini. Ho l'impressione che chiuderanno presto anche quell'attività venatoria. La Cartabia? Il silenzio assoluto si può interpretare positivamente. Per fortuna Agnelli, per nascondere i fallimenti juventini, ha costruito la migliore "distrazione" delle masse: il calcio per gli eletti. Il successore (?) di Gnassi si è gettato sul tema. Non l'avevo mai visto in uno stadio. 

Come Gnassi

Il presidente del Consiglio "sussurrato" ha annunciato l’apertura di 57 cantieri, però con date verificabili su Repubblica. Le stesse promesse sono state annunciate da Gnassi nei dieci anni del suo regno cittadino, mai interrotto, solo prescritto. Le date sono certificate dall'ammiraglia. Prosegue implacabile la liaision tra il Pd e Draghi. Bisogna ammettere che dopo la "cotta" per Conte 2, il pur anziano seduttore è una scelta ponderata, sempre disperata. Avrete anche notato che il Pd si attacca morbosamente a tutti quelli che li mantengono al governo. La vedo brutta per il compagno Speranza. Ho l'impressione che il rinvio a giudizio di Salvini, oltre ad essere un sicuro regalo elettorale, sia una maggiore libertà d'azione nel governo, fino a sfociare nel..ritorno con la Meloni. Lasceranno il Banana come ricordo. Le motivazioni del Gup parlemitano sono un chiarissimo esempio dello stato comatoso della giustizia. Lo stesso presunto reato viene capovolto per ragioni diverse, sempre politiche. Palamara non era un caso. Draghi come Gnassi? Allegorico paragone, nel settore promesse e feste, il nostro sindaco rimane un professionista. Le liste che accompagneranno, forse per la prima volta, il Pd alla sconfitta settembrina (?) si vergognano però di dire che sono con il..Pd. Ci sarà una ragione, oltre al cambio di segretario e denominazione. La propaganda ha cambiato i temi. Dopo fallimenti tragicomici come il camion gelati, le mascherine di Arcuri e quelle laziali, accompagnate dall'assunzione di impiegati con tessera giusta, stanno copiando S.Marino. Non parlo dell'Inghilterra, Israele o Stati Uniti. Perfino la Harris, ha continuato furbescamente, al posto di Biden, l'opera che aveva iniziato Trump. Il corrispondente Di Bella non si è accorto. La vicenda Sputnik ci proietta nella doverosa considerazione: la Russia serve solo per immaginare, paventare spie o trappole finanziarie? E' sparita dalle cronache la vicenda del militare pagato a spiata. Continuano invece le pubblicazioni a titoli cubitali delle indagini che fanno rumore. Molto meno quando toccano il Pd..toscano. Abbiamo i colori "rinforzati", la novità draghiana. Il coprifuoco invece rimane intatto. Un esperto ha detto che di sera, come le donnine del vario genere, il virus trova più clienti. E' sempre lineare, perfino troppo, il tema delle prossime consultazioni. Ho appurato che i sostenitori della cura Speranza hanno goduto dello stesso stipendio anche da casa. Allora che cosa significa aprire un ristorante solo se ha posti all'aperto o tenere chiusa una palestra solo perchè non è un supermercato? Le spiagge sono ancora luoghi per droni? Avete paura della conta. Un altro governo non votato. Siamo all'aberrazione della democrazia. Si usava una giornata con qualche fila distanziata, perdevi una mezz'oretta non tre come per la vaccinazione fieristica ed eleggevi una maggioranza. Consegnavi la guida ai rappresentanti del popolo. Avete voluto la strategia del terrore, in mancanza dell'occorrente. Lo ammetto, è riuscita. Con Draghi siamo già al New Deal. Eravamo messi male davvero. 
PS Un amichevole suggerimento a Jamil, copiare Gnassi è impossibile. Ti mancherà il Carlino. 

domenica 18 aprile 2021

I Peripatetici

I boriosi eruditi, i pale-ambientalisti, i difensori del genere con utero in prestito, i sovvenzionati dalla pubblicità amica, sono come i Peripatetici, discepoli di Aristotele. Si soffermano, semel in anno, a discutere al Nazareno, del loro prossimo partito. Potete però, social osservare che i difensori sono quelli che mangiano e si abbeverano ancora alla antica greppia. Non ci sono più le grandi cooperative edili, rimangono quelle della solidarietà e distribuzione. Falsi migranti e supermercati però non infettano. E' cessata anche la favola dei Festival che foraggiavano, cambiate abitudini e tesorieri, ma il tubo dell'ossigeno è quello. Hanno provato ad infestare il mare, con inutili pale senza vento. Aumenta la plastica, è più figo raccoglierla. Posso dire che Draghi lo credevo migliore? Il raffronto con Giuseppi è sempre impietoso, però è un giocatore sopravvalutato dalla Merkel. La Meloni si è dimostrata esperta di mercato. Il professore del debito, in poche settimane è diventato l'idolo del Pd e del Banana, sempre in attesa di un processo. Questa volta non hanno fretta, lo hanno rimandato per la decima volta, ma Travaglio acconsente. Hanno assolto Salvini, tentano di pareggiare a Palermo. Ho ascoltato l'ultima arringa della Buongiorno, grande. acqua fresca per il Tribunale. La stampa, naturalmente chic, adora l'ultimo premier mai eletto. Le annunciate aperture a go go, molto spesso a ca..sono il sintomo della resa alle richieste avanzate dalla Lega e.. Paesani. Aprire bar e ristoranti solo all'aperto, significa non conoscere la realtà ed il meteo. E' vero che Jamil in Gnassi ha concesso spazi aggiuntivi, ma è una possibilità per pochi eletti. Gli altri si demoliscono. Si pranza solo a mezzo giorno. Palestre chiuse..per sempre. Piscine in estate, europei di calcio in presenza. Ma andate a.. con D'Alema, il migliore suggeritore degli acquisti. Lucio Paesani è stato l'eroe della politica riminese. Lo so, non è un titolo invidiabile, però ha rotto l'incantesimo piddino della chiusura perpetua, agitando gli Indino e Rinaldis. La campagna della Petitti sconfina nel patetico, con le antiche usanze ed incontri in famiglia ristretta. Sarà difficile trovare undici liste, tutte rivolte al Pd. Molti si vergognano a dirlo e mostrarlo, anche se il sussidio familiare è quello. In settembre ci sarà un referendum semplicissimo: Garantiti Vs Reclusi. Dovete andare a votare, anche per quello che vi piace solo un pò, ma votatelo. Questa volta, meno gente si reca alle urne, più possibilità hanno di cavarsela.