sabato 21 settembre 2019

Un Massacro.

Mentre le ultime intenzioni di voto, sempre inferiori al vero, vedono, grazie all'ultimo regalo governativo, il Truce del Papeete viaggiare verso il 40% di renziana memoria, a Rimini, in scandaloso ritardo, riscoppia una vicenda, nata 4 anni addietro. L'uscita dal Palazzo del Sindaco con gli scatoloni pieni di Triangoloni e Parchi del Mare dovrebbe essere filmata per le notti d'estate al Castello. La conferenza stampa di Biagini e relativo terremoto giornalistico, rilevato al 2,5, quasi inavvertibile, si sta trasformando in un massacro politico per il signore della città e..giunta, per quanto possa valere. Il consigliere-avvocato Pecci della Lega ha finalmente detto quello che la stranissima ma finta opposizione riminese, avrebbe dovuto "urlare" subito dopo le prime notizie di reati a ..bizzeffe. Sono alle minacce di querele. I giornali, come affermo tutti i giorni, sono scandalosamente di parte, una sola. Erano preoccupati non per quello che usciva ma per la paura che il padrone fosse implicato. Non tengono la piscia come si dice da noi volgarmente. Dettano tempi e giochi. L'avvocato Biagini li ha spiazzati. Il responsabile della propaganda, per la stampa non ci sono problemi, il bravissimo Bronzetti ha clamorosamente toppato. Sempre sia lui il ghost writer del momento infelice. Tranquillo Fabrizio passa anche questa mattinata dei ricordi pericolosi. Vi potrete sempre rifare con i grillini. Con due poltrone li accontentate. La Petitti vince?

La Pentola Bolle

Molto bolle in pentola su scala locale e nazionale questi giorni ma visto che.... è terminata oggi l'estate diciamo volevo un attimino trattare questioni non contingenti e di stretta attualità politica e GIUDIZIARIA e altro non dico! Allora Sgarbi saprà il lettore che segue le vicende riminesi Sgarbi fra serio e faceto forse 'mbriago non sappiamo durante una magnata riminese ha proposto Gnassi Ministro dei Beni culturali. Ricordo al lettore che Sgarbi oggi è amico di tutti si fa fotografare sulla tazzza del cesso ma ha iniziato la propria carriera come una belva sbavando in tv e invocando la morte proprio di un esperto d'arte l'insigne professor Zeri passato a miglior vita che si è visto "utilizzare" per catturare l'attenzione di pubblico e media da questo strano professore di scuola media che si affacciava sulla scena mediatica che poi ha avuto una carriera come pochi, uomo di talento certamente, coraggioso, amico personale di Berlusconi, deputato, diventato molto facoltoso etc.etc.etc. E ora dice bene di Gnassi dopo aver stramaledetto per anni ed anni il pds prima il pd dopo ed i suoi esponenti. Ma non è questo di cui voglio parlare e chiedo max attenzione per seguire il filo dell'argomentazione. Allora esempio se voi vi cavate un occhio della testa per comprarvi una Ferrari per fare gli sboroni, come status symbol, perché siete realmente appassionati di auto e motori cosa fate ci mettete come prima cosa... diciamo un impianto stereo galattico e su quello vi concentrate!? Un cosa insensata! Ecco questo ha fatto questa Giunta in particolare il sindaco in particolare nel suo secondo mandato attenzione. Ha democraticamente ricevuto la chiavi di una città che a parte tante criticità è quantomeno come Comune il primo in Italia per presenze turistiche balneari. Ora chiedo che senso ha incaponirsi a spendere milioni per trasformare una città che ha già un nome come meta balneare e di fiere in città d'arte? Chi visita le città d'arte? Escursionisti! Ossia pensionati in gita sociale parrocchiale, scolaresche, singoli fissati d'arte etc. E quanto ci resta? "Due settimane a... Firenze" che pure doppia triplica decuplica Rimini come città d'arte? No, ci resta un giorno, mezza giornata etc. Su questo voglio insistere sulla miopia come si dice di non aver capito che trasformare una meta di vacanze in una meta di escursionisti è stata pura follia pagata decine di milioni d'euro ultimo intervento tirare fuori una porta urbica medievale piuttosto bruttina invero elemento non artistico ma funziomale per la modica cifra di un milione a mio parere poi solo perché si trova sul tracciato che dalla zona dove girano quattrini G. Hotel e limitrofi al Borgo San Giuliano. Sarebbe come se il sindaco di Roma volesse lanciarla come meta mondiale di canotaggio sul Tevere che pure ha una certa tradizione e tralasciasse l'aspetto di storia, arte etc. ok?? Poi: l'archeologia non può finire sulle spalle dei comuni: la fa lo Stato, quando ci siano gli estremi! In ragione di ciò tutti i milioni che Gnassi e colleghi hanno speso per rendere Rimini città d'arte con supporter palesi e occulti sono un clamoroso autogol di cui nessuno si è accorto! L'escursionista non spende una lira in mezza giornata qui: una follia inseguire quel tipo di turismo abbandonando il turismo vero tradizionale "la vacanza", mi spiego!? Rimini è diventata attrattiva per chi abita nei dintorni, per i gitanti e ha perso appeal turistico: questo il peccato inemendabile di Gnassi di cui nessuno si è accorto e gli ha chiesto conto soprattutto in considerazione dei deludenti dati turistici 2019 di aver trascurato l'unica cosa per cui Rimini era nota rispetto a Abbiategrasso, Abbasanta, Abbateggio... la sua natura bicenteria di meta di mare! Ciò a favore della chimera Città d'arte, spinto da suggeritori e consiglieri sciocchi nonché per altre questioni che non menziono altrimenti cado in zona dietrologia e "complottismo". Qui mi fermo per ora perché ostia ho sonno ho dovuto trattare per sommi capi una questione complessa sottaciuta dirimente... ma stay tuned tornerò su questa tematica ora vado a letto ho fatto le ore piccole, un saluto ai mie lettori. 
In foto l'immenso Federico Zeri.
 Zobeta 

venerdì 20 settembre 2019

Riziero: Un Maghetto

Perché il presidente della Provincia non ha mostrato il contenuto del “nulla osta” del Mit? Un'altra domanda senza risposta. Abbiamo la certezza che per una stronzata colossale come il Trc hanno trovato il conducente politico (?) giusto. Meglio prenderla ironicamente se non fosse che stanno giocando con i nostri soldi come fosse Aquarena. Hanno messo l'autista con il berretto di Gnassi per l'inaugurazione della prima corsa a debito pubblico. Sono passati decenni dal primo tentativo di progetto. Decine di milioni sprecati in tentativi falliti. L'unica ragione plausibile per continuare la folle idea di coniugare due città che non hanno in comune nemmeno i sindaci. L'inaugurazione avverrà con i Bonaccini ed il Ministro dei Trasporti alla piddina. Toninelli era più in sintonia con l'opera. Il movimento a 5 stelle, aveva occupato il cantiere con Camporesi prima versione e perfino la Sarti non ancora vocata al silenzio. Quando si dice la coerenza. Non conoscono il termine ma hanno imparato le coordinate del conto corrente. La linea sarà attivata con normali tram ibridi e a metano, Cosa rimane di strategico? il costo annuale. Perché il presidente della Provincia non ha mostrato il contenuto della lettera del ministero dei Trasporti che ha sbandierato su Facebook due giorni fa? Le accuse di Biagini hanno creato un piccolo movimento tellurico in un palazzo abituato a scale Ritter potenti. Tutte finite in piccoli sciami..prescritti. La strategia è quella di De Filippo: a da passa' la..mattinata di Biagini e tutto tornerà come prima. 

Le Accuse

Era prevedibile volassero gli stracci (sporchi) in una vicenda piena di domande con risposte penalmente rilevanti. Comunque la si voglia girare la vicenda Tecnopolo e Aquarena può finire con un processone alla politica riminese oppure alla..Aeradria. La risposta del Sindaco ha solo riacceso il dibattito che la pletora dei giornalisti presenti invece voleva spegnere o trasformarlo nel solito focherello. Succede (forse) oggi quello che "doveva" succedere in vista delle passate elezioni. Siete sicuri che il Principe della Città avrebbe vinto alla grande? Passerà qualche giorno e si dimenticheranno anche della piscina che non c'è, tanto ci sono gli appartamenti e poi che ca..è sto' tecnopolo? Abbiamo il Teatro. Le ancelle dell'informazione sono state costrette a scrivere, seppellite dalla montagna di documenti ed intercettazioni, difficilmente "confutabili", come dice il Signore di Rimini. Puoi fare finta di niente come è stato fatto quasi sempre nel passato, ma le prove rimangono. Ero sicuro che avrebbero spostato il tiro sul perchè Biagini abbia voluto indire la conferenza. I bravi giornalisti riminesi erano e sono preoccupati. E' andata bene una volta, due, può durare? 
PS Confermato accordo regionale tra i due "resti" politici. Petitti in vantaggio su Jamil. 

Parola di Duca

Stamani riflettevo ad alta voce, ruminavo il passato. Ci pensate che l'ultimo programma sul quale è sceso il voto è quello redatto in favore della candidatura di Bersani alla Presidenza del Consiglio. Quella tornata terminata nella "quasi vittoria". Quello dello streaming con i recalcitranti allora muli Grillini, oggi ridotti al Signor Si sissignori. I rivoltosi della poltrona. Per fortuna che nella mia curiosità ho incontrato il grillo (a)pensante per antonomasia dotato di gadgets come big Gim: sigaro di marca alla Rockefeller e amaro del capo. Un tale Ghinelli. Come la Panda se non ci fosse sarebbe stato meglio... Non ne avremmo sentito la mancanza, altro che pagare lauti dividendi per inventarli. Uno vale uno (sic!). Per forza viene da dire se quello è il livello. Spero disboschino anche gli ultimi bambù di talche' siano consegnati all'oblio e siano materia da WWF. Certo che è davvero ingrato il destino... Dovevano aprire il Parlamento come scatolette di tonno e sono finiti all'amo del toscano. Il quale in un colpo, girando la ruota, ha fatto cinquina. L'unico che si è slamato è Salvini. Alla lenza del rignanese pare sia rimasta pure una dentiera. Se interrogata, con accento lumbard, chiama a gran voce un tal Ghidini. E mentre il mulinello gira affiora alla superficie, tronfio come cefalo poco digesto, uno che condivide con Giovanotti la chiarezza dell'esposizione. Senza A e senza Z possono stare sereni, nessuno li potrà mai criticare, come è capitato a me quando una leader sindacale mi ha affibbiato l'attico della zeppola con veduta, a mia insaputa ovviamente, sul Colosseo. Io mi chiedo perché non abbia frequentato il DAMS, non abbia seguito le orme del fratello. Nell'amministrazione c'è posto per tutti! Vice commissari del resto servono come il pane. Sarebbe tutto divertente se non esistesse il telefono. Quando squilla il terrore corre sul filo finché non si legge non trattarsi del commercialista. Il gabelliere di Stato spaventa eccome, porta sventura e mai liete novelle. Altro che Salvini. Sulla rubrica del telefono, per non sbagliare, l'ho identificato come il marchigiano. Anche se devo essere stato un urbinate avevano ragione i nonni, eccome. Meglio un morto in casa! Parola di Duca. P. S. Il problema è che sono rimasto ormai solo.
R.Urbinati

giovedì 19 settembre 2019

Tanto non succede niente

Ho scelto, accuratamente, il titolo del pezzo che voglio dedicare ad una mattinata spesa per conoscere l'esistenza di un Sistema Rimini che Fila Dritto. Sono stato invitato, come responsabile di un blog artigianale, che tira più delle ancelle giornalistiche, alla conferenza stampa (?) indetta dall'Avv. Roberto Biagini, già assessore della giunta Ravaioli e non bastasse anche di quella (vecchia) dell'attuale Principe. Il tema era lo stato delle indagini che si sono concluse dopo la "sua" denuncia alla Procura di strani personaggi che giravano per gli uffici. Uno in particolare sembrava fosse in possesso di entrature importanti. Oggi vengono chiamati elegantemente "facilitatori". In seguito alla denuncia ed indagini, il segretario particolare del sindaco, alcuni dirigenti comunali e diversi professionisti sono stati iscritti nel registro degli indagati ed altri colpiti da richiesta di rinvio a giudizio dei..posteri. I temi e gli appalti incriminati erano il Tecnopolo e lo strano connubio tra una piscina che non c'è e 200 appartamenti subito realizzati. Niente di nuovo. Ci avevano provato anche con il nuovo Stadio. La cosa che (non) mi ha meravigliato è la conferma di quello che scrivo tutti i giorni, alle volte di sera: la stampa locale è al servizio del Pd di Gnassi. La denuncia dell'assessore risale all'agosto 2015. Le indagini svolte brillantemente dalla Guardia di Finanza, corredate da intercettazioni inoppugnabili, alcune anche scurrili, avrebbero portato ad una "retata" all'ingrosso, I presupposti, inziando dalla possibile reiterazione, c'erano tutti. Insomma saremmo arrivati alle ultime elezioni con la domanda che aleggiava anche nella conferenza: il Sindaco sapeva? Quello che è successo di certo è che l'assessore ed anche avvocato Biagini, non è stato riconfermato. Gli altri sono tutti al loro posto. Una storia simile l'avevamo già vista con Aeradria...prescritta, quasi.

Meno Conte

Nel Pd, il partito con più democristiani in squadra, nessuno si è sorpreso per la mossa del ducetto fiorentino. Gnassi questa volta non ha mandato il piccione al giornale amico per condividere un'altro cambio di sponsor. Ha capito che sono arrivati alla fine della commedia. Si tratta di aspettare qualche mese e due regioni. Conte, uomo molto conosciuto nello stato senza un porto sicuro, c'è rimasto male. Pensava che la sua giravolta lo avesse collocato sul gradino più alto. Comanda meno della Bellanova, ardente ed elegante donnona di Renzi. Qualche prelato però lo poteva avvertire, in confessione puoi conoscere tante cose, anche orribili. Zingaretti e Di Maio contano come prima: niente. Al giallorosso, colore poco vincente, si è aggiunto un viola poco amato dagli attori e juventini. Un amico mi ha detto che sembra il ritorno ai tre classici forni: destra, centro e..sinistra. Non ho voluto essere scortese ed interrompere i suoi sogni senili. Liberi&Belli sono la sinistra? Il Senatore di Scandicci sarà l'ago della bilancia e la punta delle richieste. Nella sua lunghissima carriera ha dato numerose prove di cinismo ed opportunismo. Un curriculum che ha diversi  imitatori. Solo alla mandria grillina impediranno di diventare dei politici di lungo corso. La loro apparizione è stata fin troppo tollerata dai cittadini presi per il fanculo. Questa sarà la prima notizia rallegrante. Anche l'arbitro è in scadenza ed i pretendenti sono sempre del partito perdente. L'ultimo regalo che ci vogliono lasciare per rallentare la sparizione è il ritorno al proporzionale...puro. Salvini adesso ha tempo, fa bene a raccogliere milioni di firme (mia) per il maggioritario. Dobbiamo essere governati da parlamentari scelti dai cittadini. Renzi è troppo furbo per fare cadere il governo. Intascherà le nomine importanti, difenderà Atlantia, farà due Tav e tre Tap. Nominerà il nuovo Presidente. Non andrà a Mosca.
M.Lugaresi

mercoledì 18 settembre 2019

Botta e Risposta

Inutile girarci intorno: la Tosi è il bersaglio del Pd. Le ragioni sono semplici. Anche Santi ha capito e le ha portate su pista protetta. Per non sbagliare. Nelle scorse settimane il Comitato di Coordinamento (piddino) aveva dato il via libera alla fase di sperimentazione con mezzi alternativi in attesa dell’arrivo (in ritardo) di quelli ufficiali. C’era però stato il voto negativo del sindaco di Riccione. Da qui la diffida. “Non si può bloccare tutto perché solo uno non è d’accordo” dice Riziero Santi. Potresti affermare: ci sei o fai? L'uno in disaccordo è il sindaco (rieletto) di Riccione che, sfortunatamente, rappresenta l'altra stazione di sosta del Trc, scusa Riziero, ..Metromare. E' vero come sostiene l'ardito presidente della Provincia di Gnassi che puoi portare anche la bike sulla sgangherata carrozza ma questo non c'entra niente. Rom e nigeriani nelle vesti di privilegiati passeggeri, di solito non usano le loro. Visto il successo della prima uscita, Santi ripete alcuni concetti che permettono risate più convinte ma amare. La burocrazia o il pregiudizio non possono fermare tutto. Siamo agli applausi a Metromare aperto. La Renata Tosi, non vuole la stronzata piddina su pista protetta e mette una zeppa che solo Croatti sarà in grado di risolvere. Santi ha qualificato quella striscia di asfalto come strada pubblica, ma ne Riccione ne Rimini l’hanno definita così nei propri strumenti urbanistici e non è mai stata finanziata o concessionata per essere una strada. Se succede qualcosa, a gestirla devono essere i miei vigili o quelli riminesi? E come entrano? Gli enti pubblici devono rispettare le norme. Sembra il riecheggiare della guerra dei batteri, per cui a Rimini hanno sversato ma viene chiusa la spiaggia di Riccione. Cari lettori,. ci vorrebbe un Santi tutti i giorni. Continua...
PS Il Carlino dice che Gnassi rimane con Zingaretti. Sarebbe la prima volta.
M.Lugaresi

Il Perdono

Salvini ottiene a Pontida il perdono dei leghisti: “Torneremo a vincere” Questo era uno dei titoli anzi il "titolo" principale dell'edizione di Repubblica.. on line. Il Truce si sarebbe presentato con cenere (verde) sulla testa e chiesto perdono a Giorgetti. Non farò più una crisi di governo senza dirtelo. Il prossimo sarà tutto mio. Per fare un esempio alla riminese, sarebbe come se Gnassi chiedesse scusa a Jamil dopo aver fatto di testa sua ed il Carlino lo scrivesse. La guerra è arrivata a questi esempi di presunta stupidità dei lettori? I giornali non li legge più nessuno. E' partito il nuovo partito di Renzi. Finalmente. Stanno spartendosi quello che resta del potere. Ha bruciato il "vaticanista" Conte. Nel periodo necessario per le nomine importanti il governo non corre pericoli. Prodi o meglio Draghi sono ancora candidati al Quirinale. Tutto procederà tranquillo permettendo ai geni grillini di controllare il saldo del conto. Le previsioni elettorali li stanno portando al loro valore politico. Una operazione quella del Bulletto partita con la sua adesione al governo giallorosso. Concede 40...parlamentari come l'amico Berlusconi concesse a lui 40 Pizzolante. La presenza del Premier è diventata superflua. Decide lui. I rapporti con Mattarella non sono mai stati idilliaci. Il governo Macron andrà avanti, sfogliando la margherita delle regioni, ma terminerà con il fiore spolpato da Salvini. 

martedì 17 settembre 2019

Finalmente

Finalmente. Al gioco delle tre carte è uscito il jocker. Detta volgarmente "la matta", perché fa gioco con tutto e la puoi strusciare con chiunque sia liscia, brillante e ben vestita, o, d'alto e altissimo bordo. Il jolly, quasi facesse parte delle carte di Napoleone, è Conte, un emerito sconosciuto amico di Bonafede, invece, assai noto si vocifera nel mondo degli sgomitatori seriali a 5 stelle. Insieme hanno fatto all in e si sono presi il piatto. Mentre di fianco gli altri commensali giocavano a risiko, cambiando eserciti e posizioni, tanto che l'invitato Calenda si chiamava fuori e abbandonava l'abbuffata scortato per timore dal deus delle serate condite a popcorn e gassosa. Renzi se ne va! Dopo aver cenato, bevuto e vinto, porta via il companatico, le posate e taluni amici. Gli altri che per farlo giocare avevano addiruttara cambiato le regole, saltato come canguri, turato il naso come Montanelli e votato di tutto: sacrificato padre, madre e famiglia, valori e valigie incluse, tirano un respiro di sollievo. Come quei Faust, derubati dell'anima, che si trovano ancora a sedere su scranni ben pagati a giocare agli statisti insieme ad una squadra di sbandati. Direi che il connubio è perfetto! Sono ancora lì e tirano un respiro di sollievo battendosi le spalle e sghignazzando all'unisono: poteva andare peggio. Potevano tornare a votare. 
P. S. l'ultimo spenga la luce 
R.Urbinati

Il Piave

Mi stavo godendo i caldi raggi del sole settembrino in giardino con la schiena appoggiata al muro della canonica, e assaporavo un buon sigaro toscano. Tanto per ingannare il tempo, leggevo una di quelle cose che hanno sostituito i giornali, cioè una considerazione che circolava su Rimini 2.0. In un’intervista su un quotidiano nazionale il Vespone, tenutario della terza Camera del nostro strano e povero Paese, riportava: “Lo snodo regionale quale disastro irreparabile in Emilia e in Romagna. Oggi una sconfitta in questa regione equivarrebbe allo sfondamento austriaco del Piave: un disastro irreparabile”. Già una volta avevo suonato il Piave al compagno Peppone, quando aveva esagerato in un comizio nella piazza di Brescello. Altri tempi ed altri compagni che si confrontavano a viso aperto con la vecchia DC, nelle cui scuderie abbondavano “cavalli di razza”, mentre ora bisogna accontentarsi di “sfiatati bardotti” rappresentati da Casini, Franceschini, Gentiloni, Renzi… Poveri noi!!! Ora è il tempo di suonare il Piave anche ai neoKompagnucci della parrocchietta: Bornaccini di sinistra proprio non ha nulla, appartiene a quella pletora di Kompagni tipo il nostro Niassi XIV lo Splendente, Signore nudo e crudo del borgo di Tiberio, tipo Tutankagnon, faraone della Fiera, tipo zio Melucci, artefice del TRC… con tutti i miracoli (miracolati) che girano loro intorno, che a sinistra tengono solo il cuore “forse”, ma il portafoglio ben stretto a destra in una tasca ben chiusa. Ora, dire che se cadono l’Emilia e la Romagna equivarrebbe allo sfondamento degli Austriaci sul Piave, mi sembra un paragone alquanto forzato ed azzardato. Si commette un errore di fondo: sul Piave hanno resistito gli Italiani che si sono opposti al “barbaro nemico austro – tedesco”. Il PD e i neoaggregati Pentastelluti, guidati “apparentemente” dal curiale “Monti – Conte 2 la vendetta”, sono sempre stati dalla parte dei Tedeschi e non dalla parte degli Italiani. Sulla linea di ultima resistenza del Piave sono schierate quelle forze che hanno denunciato il patto scellerato per svendere il nostro Paese, i nostri giovani e il nostro futuro alla politica franco – tedesca, che in Italia fa shopping di aziende ed intelligenze pagandole due lire. Ora il “Re è nudo” e anche Forza Italia deve uscire dall’ambiguità di Taiani. I porti sono aperti e la carità pelosa può ricominciare ad accogliere i “muscolosi rifugiati” scampati ai campi di sterminio libici. Forse il “Conte 2” non andrà come sperato e come cento anni fa gli Italiani, disincantati e liberi, fermeranno le orde PENTA-PD-CURIAL BARBARICHE e il Piave ri – comincerà a mormorare: “Non passa lo straniero franco – tedesco e nemmeno la politica di questo sciagurato governo”. W l’Italia, W la Repubblica!!!!
 Don Camillo

Leggete Santi

Non è un incitamento religioso ma un sorridente invito a leggere cosa dice Santi Riziero, presidente della Provincia (ancora) di Gnassi. Usate pure i due giornali ed i blog curiali e piddini. Non avendo molto da fare gli hanno affidato il Metromare. Al pari delle Drag Queen, l'innominabileTrc ha cambiato nome all'anagrafe di Rimini. Una sigla pomposa per l'opera più stupida della nostra ricca storia. Ancora non abbiamo i costi del monumento alla me..sparata. Nel vecchio partito nessuno lo voleva, ma allora comandava Chicchi che in realtà pensava molto più in grande. Il bus su pista protetta, doveva partire da Ravenna e sconfinare a Pesaro. Erano i tempi dei mondiali 90 ed i soldi giravano come avete potuto apprendere dalle tante (?) inchieste. Lasciamo stare, tanto le prescivono. Torniamo al nostro eroe della risata. L'ordine del Capo è perentorio: il Metromare deve partire in ottobre anche con qualche carrozza scalcagnata. La Tosi sindaca (rieletta) di Riccione, grazie alla sua battaglia contro la devastazione del territorio, non ha apprezzato l'umorismo di Riziero. Ha combattuto dal primo giorno contro la ciclonica stronzata, ovviamente protetta dal Pd.Torniamo al nostro umorista per sbaglio. Santi Riziero è riuscito ad affermare, senza udire strani suoni dal pubblico che uno può salire sul Metromare e poi con la bici andare al mare. Si dimentica o forse non glielo hanno suggerito che il tracciato è di soli 9,5 chilometri, tutti o quasi in territorio riminese. Non ha detto però che la Linea 11 viene cancellata. Questa non faceva ridere nessuno. 
M.Lugaresi

lunedì 16 settembre 2019

Da Viserbella con Furore

E' molto interessante per noi del settore turistico l'intervista che Giorgio Mussoni Presidente dell'associazione "Oasi Confartigianato" ha rilasciato a Stern o no so comunque a un giornale e che si suppone vedremo prossimi giorni sui giornali italiani e che ho avuto il privilegio di leggere in anteprima. Mussoni Presidente... "nazionale" di "Oasi" articolazione di Confartifianato e leader dei bagnini di Viserbella che ricordiamo comunque a titolo informativo è stato uno dei pochi forse l'unico titolare di bagno a ricevere un non insignificante finanziamento dalla Regione di euro 350mla mi pare; e sebbene sia cifra molto lontana da quelle di cui siamo abituati a sentire da decenni quando lo Stato sostiene l'industria, le grandi famiglie del capitalismo, svende concessioni e imprese pubbliche, "cartolarizza" sempre ai soliti noti scena italiana etc.etc.etc. questo finanziamento "ad personam" sembra insensato. Comunque sia Mussoni dice quello che tutti hanno visto e che dovrebbe essere colto come inquietante segnale: la stagione turistica è andata piuttosto male, la peggiore degli ultimi anni. Ma non solo: afferma cose molto interessanti e talora di difficile interpretazione. Afferma che "enti" vorrebbero mettere le mani sulla spiaggia, non privati, sfruttando la Bolkestein e lascia il quesito aperto su chi sarebbero questi enti-non-privati. Ma nel parzialmente celare all'intervistatore le proprie fattezze dietro scuri occhialoni e candidi baffetti Mussoni evidenzia anche per me come gli interessi dei titolari di Bagno non coincidano sempre con il settore alberghiero e ovviamente viceversa. Chiarisce che la Fiera suo dire quando fa manifestazioni a luglio danneggia il turismo che egli chiama "vacanziero". Ed in effetti chi ha un albergo non ha interesse che ci sia necessariamente il "vacanziero", è sufficiente che l'albergo sia pieno, non interessa se c'è molto turn over, l'importante è che le camere siano state "vendute". Una cosa che non collima con l'interesse dei bagnini che necessitano del "villeggianete" che prende ombrelloni e lettini per 15 giorni. E ancora afferma in modo sfumato perché non può dirla tutta allora lo interpreto io: "sono stati spesi un'enormità di quattrini per il centro, l'arte, l'archeologia e si dimentica il core business di Rimini: il turismo". Come l'ha presa la marina quasi 10 anni fa Gnassi la lascia, non c'è stata riqualificazione ma nemmeno manutenzione ordinaria, guardare la zona Tripoli, Pascoli in passato storicamente centralissime per il turismo riminese, perché i quattrini sono quelli e se li spendi tutti nel borgo San Giuliano (che Mussoni cita), nel teatro, nella rocca, soldi che non tornano, per il turismo restano le briciole e ovviamente favorisci altre mete, vicine e lontante. "Tutto appare invecchiato" si azzardò a dire anni fa il Vescovo, poi non aprì più bocca in materia. Ecco: adesso che sono passati altri 5 anni a riqualificazione zero è ancora peggio sembra riecheggiare Mussoni! 
 Zobeta 

Fine dell'Inganno.

Il grande inganno di un governo composto da forze che devono il loro bottino all'odiarsi ferocemente, è in scena. Il grillismo è nato come rimedio popolare al regime piddino. Senza il nemico che Grillo insultava in ogni piazza non ci sarebbero stati 333 portavoce di Casaleggio. Nessuno avrebbe conosciuto la Sarti, Sensoli e pensate..Croatti. Negli altri collegi dicono sia anche peggio. La Taverna invece è romana verace come una vongola. Occorre riconoscere che questa alleanza quasi incestuosa ha messo la Virginia nelle condizioni di uscire dalle scene e dalle buche. Va tutto bene nella Città di Mezzo. Importante continuare a rifornire le curie di migranti con smartphone da sbarco e cuffiette da ascolto. Un processo di inserimento davvero originale. Questa à la cultura della Gretina. Il Pd sta divorando i resti del movimento. Lo sostengo da sempre: se uno deve votare Ghinelli alle prossime elezioni comunali, nel dubbio tragico, credo sia giusto dirottare su Jamil. Sa che "dietro" c'è Gnassi. Una fine meritata da quando Grillo ha pensato di fare meglio di Bersani. Ve lo ricordate il movimento della prima ora, che mi incuriosì al punto di conoscerlo? Una potenzialità enorme che si dispiegò alla prima tornata elettorale. Dopo pochi anni siamo allo scambio di figurine doppie. Non è solo un voltafaccia per interessi vomitevoli ma molto peggio. Milioni di cittadini presi prima con il vaffa per poi usare il loro nell'alleanza con il Pd. L'identità grillina che vi ha permesso di beffare milioni di cittadini + il sottoscritto con il voto, è rimasta nel conto corrente? Avete rianimato bocca a bocca un partito finito. Permettete a Renzi con il suo partitello del 10% di diventare il padrone del governo. La Boschi non ha voluto un ministero, diventerà molto più potente, anche addobbata come la Bellanova. 
M.Lugaresi


domenica 15 settembre 2019

Liste Civiche

Due date ci diranno cosa pensano i cittadini di un governo di pentiti e poltronari. Il 27 ottobre si voterà per il rinnovo del consiglio regionale umbro e il 24 novembre (o un giorno di inizio gennaio) si voterà per le amministrative dell’Emilia Romagna. Bonaccini, lo Zingaretti de noiatri, vuole assumere i grillini come porta voti. Ha ragione, non si sente sicuro di quelli che la Petitti potrà donare. Stiamo assistendo inermi ad una insistente campagna di promesse e riqualificazioni. Il Psbo non rende. Ieri ho aspettato 11 minuti e 30 secondi che le sbarre si alzassero. Una volta nella mia via avevamo la grande distribuzione, forse sarebbe arrivato il necessario ..buco. Ho letto che Gnassi pedonalizzerà tutti i lungomari. Saranno ca..del successore. E' vero che c'è sempre il Metromare di Santi. Con il modesto costo di due euro e qualche spicciolo possiamo andare a Riccione per vedere una località turistica. Il ritorno sarà triste anche allo stesso prezzo. L'esito di queste regioni storicamente rosse (vero) graverà come un macigno sul governo, ammettendo ci sia ancora. Repubblica lo sostiene a singhiozzo. Avevano preparato anche delle casalinghe previsioni. Lo sconosciuto Conte è in rialzo mentre il Truce grazie allo sbarco di Lampedusa, ha riguadagnato solo 4 punti. Con la prossima Ong fa il pieno. Il leader leghista si è già trasferito in Umbria. Deve ancora scegliere la sede per la battaglia contro il Pd emiliano-romagnolo. Ormai molte città si sono dipinte di verde, rimangono alcune fortezze. Rimini è una di quelle. Ho il sospetto che sia la più difficile da conquistare. Suggerisco come manifesto elettorale una oscena struttura che ha trasformato in soli cinque anni di lavori una antica piazza di Rimini nel monumento allo staffilococco. Salvini sfida Pd e Cinquestelle: “Facciano pure l’alleanza anche in Umbria, tanto qui si vince e si cambia, la sinistra ne ha combinate troppe”. La vittoria nelle ultime regioni che Sky colora ancora di rosso, sarà importante per la definitiva battaglia a chi prende più voti ed il nuovo Presidente. Faranno una corsa parlamentare per introdurre il proporzionale. Croatti è d'accordo a prescindere. Nel caso (insolito) che i cinque stelle rifiutino, ci sono sempre le Liste Civiche. A Rimini siamo dei maestri di vita.
M.Lugaresi

sabato 14 settembre 2019

Donald Trump

La nuova Commissione Europea odora di vecchio. Il quartetto dominante, al di là di qualche sfarfallio, è composto dai potenti di prima. L'olandese Timmermans, la danese Vestager, il lettone (sic!) Dombrovskis e la Von der Leyen, pupilla della Merkel, eletta con i voti determinanti dei grillini. Quelli che volevano referendare per uscire dalla gabbia. Il Cardinal Conte, nel suo risibile discorsetto, ha chiesto la modifica del patto di stabilità. I duri dell'europeismo e dell'antisovranismo stanno ancora ridendo. L'Italia contava poco prima, niente adesso, con la inutile delega (decurtata) a Gentiloni. Rimarrà però il punto d'approdo preferito per i falsi migranti. Il rapporto con l'America di Trump sarà l'inesplorato tema del quinquennio europeo. Lo accennavo in un precedente articolo, spinto dalla lettura di un intervento di Bruno Sacchini. Una delle (poche) menti scomode rimaste in città. Le altre le sparano con il Psbo. Non sarà Putin o la Cina o la fuga del Regno Unito, questioni importanti ma che, alla fin fine, hanno ottenuto il risultato di compattare i ranghi della Ue. Bensì il rapporto con gli Stati Uniti di Donald Trump, che ha ancora un anno e mezzo di presidenza, a cui sicuramente ne aggiungerà altri quattro. America First non è la traduzione yankee del Prima gli Italiani? Dove è finito l'imperante slogan, dopo il dramma delle Torri Gemelle, del siamo tutti americani? Diciotto anni sono una enormità per la politica moderna. Ve lo ricordate come la stampa "democratica" ha accolto la vittoria di Donaldone? Non vi sembra assonante con la vittoria del Truce? La differenza la fa il sistema americano. Chi vince piglia tutto. I nostri reazionari vogliono ritornare al proporzionale dopo decenni di dibattiti. La vittoria spudorata dell'antico regime. Chi ha proposto Conte? 
M.Lugaresi

S.Giuliano Mare

 Ho letto lo sfogo chiamiamolo così di un'albergatrice storica di San Giuliamo Mare che lamenta su un giornale digitale locale il continuo ridimensionamento turistico della frazione, scrivo due parole in fretta scusate sto uscendo in merito. San Giuliano è sempre stata una spiaggia sui generis come si sa, intrappolata fra porto e Deviatore, ebbe successo anni passati quando gente veniva da voi a Rimini a camionate senza necessità di notti colorate o eventi a raffica unica o quasi spiaggia d'Italia. SGM era molto più rustica che ora eppure era molto viva e frequentata da riminesi e turisti. Ad oggi la Darsena non ha dato i frutti sperati è una landa desolata tagliata fuori da tutto... un mondo a parte, una frazione fantasma che neppure il turista sa esista sebbene con strutture oggi "di sicuro interesse" come la straordinaria passeggiata in mare che è stata realizzata e che è un unicum sottoapprezzato e tutto quello che è stato realizzato contestualmente alla Darsena stessa con limiti ma anche con potenzialità enormi. Lamentano gli SGM il disinteresse dell'Amminstrazione; ma questo è scontato in quanto essa diciamo fa il vaso di coccio a metà strada fra due vasi di ferro: il triangolone della movida al Porto che ha santi potenti, e San Giuliano Borgo che pure qualche protezione l'ha diciamo, eh! Per questo sostanzialmente non c'è interesse che cresca turisticamente ed è invero sempre peggio il parco Briolini che ricordo bellissimo negli '80 secolo scorso oggi è una schifezza ricettacolo delle sacche di disagio cittadino, privo di cure, si allaga sempre, fontanelle chiuse, nessuna cura del verde, sporco, pericoloso, gente si infratta ci dorme etc. Turismo: ovvio, se sei fra un canale che porta di tutto, un porticciolo, un porto non hai grosse chanches come mare da bagni. Puoi proporti però sotto altri profili in primis le grandi potenzialità inespresse della Darsena una promessa non mantenuta. E neppure sono state fatte o adeguate strutture viarie per inglobare SGM nel tessuto urbano pertanto la Darsena è la proverbiale cattedrale nel deserto, la strada che vi ci mena (nel senso "ti ci porta" non che ti riempiono di botte ho usato una sintassi e un lessico arcaico se passate la leziosità) è la stessa Lucio Lando dei '70: possibile!? Turismo SGM come già ricordato nasce lato Ravenna in quanto vi si accedeva solo da Zavagli non esistendo ancora via Coletti. Oggi il baricentro si è spostato lato Riccione per la Darsena: da lì occorre partire, 'azzo! Il lungomare degli artisti mi spiace ma io non lo non lo amo, è luogo di ratti, topi, pantegane, vedo incuria, letti, brandine, alcove, non luogo incontaminato, selvatico come si evoca: necessita di cure serie fattive diuturne, ma roba dal deviatore arriverà sempre. Navette: come si ricorda una linea TPL che smette il servizio alle 8 di sera anche ad agosto: e come può un Comitato turistico se esiste non lo so accettare una cosa simile?? La frazione per rilanciarsi deve in primis essere integrata nella viabilità cittadina non essere una... barafonda: mi spiego!? Se non la vedi, non esiste, ok? Laggiù... 'tla Barafonda! Eppure ha avuto un passato fulgido '70-'80: discoteche, locali, eserczi, gente ma occorre un'amministrazione amica, non che ti consideri un competitor da annientare!
 In foto vedesi una rara immagine che mostra com'era la foce del Deviatore appena fu fatta prima che materiale si sedimentasse.
 A.S. 

venerdì 13 settembre 2019

Le Olimpiadi del Pd

Solo Croatti esulta. Per mostrare l'esistenza parlamentare, il Cardone di turno si "incazza" con una collega leghista. Il nuovo copione: lo vedremo presto abbracciato al sindaco. Cosa si fa per non morire nell'anonimato. La trattativa che ha portato alla nascita del governo giallo-rosso, è stata estenuante per Zingaretti. Un altro che nella vita ha sempre fatto politica, facilitato da Montalbano. Per capire come stanno le cose cliccate su Repubblica on line. Hanno forse ricevuto le previsioni che dicono cosa accadrà nel caso di elezioni oppure l'inciucio voluto da Macron e Merkel è davvero indigesto anche per colon abituati a tutto. La Von der Leyen e quindi anche tutti gli altri sono lì grazie ai voti del Movimento Cinque Stelle. Questo è il Rubicone varcato dal precedente governo. Il personaggio Conte però si rivelato dopo. Le sue entrature vaticane, la confidenza con cardinali potenti con o senza attico, la frequentazione dei salotti piddini sono gossip usciti grazie alla caduta gialloverde. Per il momento si sono sbarazzati del Truce, faranno anche i sottosegrerari, magari nominando la Petitti. Sarebbe un successo per Chiamami Melucci ma uno sgarbo al Principe del Psbo. Il neo-premier bis Conte ha incontrato la Von der Leyen per parlarle di superamento del patto di stabilità, riforma del Trattato di Dublino, migranti da redistribuire. I taxi del mare, con tassametro pagato da noi cittadini europei, sono in una fase di dubbiosa scelta. Sodddisfare tutte le chiamate dai lidi libici e riempire di nuovo gli immobili curiali e le sagrestie, oppure cessare il giochino che porterebbe il Capitano a numeri tali da cancellare anche il compagno Berlusconi? Questo è il dilemma. Intanto Draghi ha smesso la giostra dello spread ed apre i forzieri della Bce promettendo soldi per tutti. La Lituania conta più dell'Italia. Una constatazione perfino benevola. Rimane la questione dirimente: Donaldone comanderà l'impero americano per altri 18 mesi, con la certezza di essere riconfermato. Dallo sbarco in Sicilia noi siamo fedeli sudditi, con la scusa dell'atlantismo. La Dc anche nella moderna versione chiamata Pd, ha sempre scelto premier e soprattutto presidenti indicati oltre oceano. L'unico a ribellarsi è stato inseguito fino ad Hammamet. Ho l'impressione che il rapporto Europa-America sia destinato a diventare conflittuale. Per non sbagliare però abbiamo rinnovato le sanzioni alla Russia. 
PS. Il Pd a Rimini si propone per le Olimpiadi del..2032. Specialità: lancio..in mare
M.Lugaresi

giovedì 12 settembre 2019

Hanno Ucciso L'Uomo Ragno

La cantavano i piddini in coro con gli invitati a 5 stelle alla Festa del Nazareno. Conte nelle vesti di Max Spezzali sembrava a suo agio nella parrocchia. Non occorre rivelare chi interpreta secondo i festanti la scomoda parte dell'Uomo Ragno  Ho letto, inviata da un amico, l'intervista rilasciata da Alberto Bagnai, accademico (vero) e senatore della Lega. Una ricostruzione, quasi questurina, delle vicende che hanno indotto Salvini a chiedere le dimissioni del (quasi) piddino. Gli avvenimenti dopo la straordinaria vittoria elettorale alle europee sono stati la miccia della rivolta dei potenti. Le figure italiane sono semplici comparse o perfidi portavoce dei Macron. Hanno assoldato anche Trump. Un altro, fino ad ieri, insultato e sbeffeggiato. Aumenta il forte imbarazzo di Repubblica. La lotta al sovranismo condona tutte le colpe. Indulgenza speciale. Il senatore inizia rilevando che pur essendo la Lega il maggior partito della coalizione di centrodestra, largamente vincitrice nel marzo 2018, non ricevette l'incarico di formare il governo. Iniziò quindi la più lunga crisi, durata 88 giorni. Occorre rilevare che risolta (?) si sono svolte le elezioni europee, più importanti per i nostri padroni. Era meglio se la Lega avesse racimolato un modesto e rassicurante 20%. Sembrava fosse un assaggio del piatto suicculento che doveva arrivare. Una portata da 40. E' scattato l'allarme. Il Conte che dicevano scelto dalla sbadata piattaforma, capace solo di sfornare il peggio, si è dimostrato il cavallo di..
L'arroganza del non eletto è vergognosa. Quasi come la partecipazione di Beppe Grillo alla pantomima. Quanti voti avrebbe preso il movimento se il capo spirituale avesse espresso prima questa innata volontà? Le spiegazioni di Bagnai sono circostanziate e credibili. Se il quadro è quello occorre cantare che l'Uomo Ragno si è suicidato. 
m.lugaresi

Ordinaria Follia

Dico lammerda quella è non ci puoi fare niente puzza perdio... fa schifo! Hera ci ha promesso la luna 5 anni fa ha preteso un casino di soldi che non sappiamo neanche quanti e non ha risolto una cippa di niente in più fa lavori in continuazioni che gravano su turismo e viabilità, la puzza è aumentata, la balneabilità mutatis mutandis è sempre quella; quindi io oggi sono persuaso, attenzione a questo passaggio!, sono persuaso che diversi anni fa ormai fu creato un caso ad hoc dei surfisti (non da loro) che si ammalorono alla foce dell'Ausa per il solo scopo di dire "è ora di metterci una pezza alla balneazione non si va avanti!": c'è Hera per fortuna. Ed Hera era lì pronta e noi come cocali abbiamo beccato: il PSBO non serve a Rimini perché la sua incisività è minima serve a Hera per far quattrini nella scia di tutte le grandi opere da che mondo e mondo da che paese paese ma l'avete visto "Un giorno di ordinaria follia" film con un cast della madonna di due decenni fa almeno con il grandissimo Michael Douglas e l'ormai quasi 90enne Robert Duvall?? "Chi ci mangia qui?" dice Douglas agli operai che stanno rifacendo una strada? Tutte o quasi le piccole grandi opere pubbliche muovono da un esigenza di "chi ci mangerà" dopo viene l'utilità, più il paese è corrotto, peggio è: signori sveglia a Rimini ci sono esempi recenti ecaltanti in tal senso! Questo è, perbacco! Pensate che giù a Santa Monica (CA) per dire che sparano lammerda dei californiani a 10 km al largo nel Pacifico e non a un km nell'Adriatico si preoccuppano di non rovinanre con i reflui l'habitat sottomarino ocenaico pensate come siamo ancora al livello larvale come idee rispetto agli amici californiani noi che pretendiamo di risolvere il problema sparando schizzi di merda a un km figuriamoci se si curano dell'habitat questi di hera! Allora dico: via, hanno fallito l'obbiettivo, si vada a bando europeo, si trovi un soggetto competente in grado di mitigare mai risolvere un problema che non ha soluzione come smaltire i resti dell'attività antropica della Riviera e dell'entroterra i mari belli sono quelli di posti non abitati: il problema non ha soluzioni chi promette la luna spara cazzate per mangiarti soldi! 
In foto di qualche anno fa vedesi Gnassi look alla Fabio Fazio modalità "istrioniche" che presenta questa grossa presa per il culo a effetti zero del PSBO! 
Nemo Pascale (Professor)

mercoledì 11 settembre 2019

Enterococchi alla Riccionese

Ho letto il comunicato con cui l'Arpae stabilisce che nel Porto di Riccione, famoso per il numero di bagnanti quotidiani, i famigerati enterococchi hanno superato (di poco) lunedi scorso, in assenza di sversamenti, il limite consentito. Sembra la guerra dei batteri. Prima di sollevare altre polemiche, sarebbe corretto ci fosse un incontro chiarificatore sulla vicenda. Il prologo non è stato felice. A Rimini in agosto avevano sversato tutto il possibile, ma hanno trovato le acque della Perla inquinate. Sono in forte polemnica sulle modalità con cui vengono affissi cartelli quasi invisibili e bandiere biancorosse per i divieti di balneazione, che nessuno fa rispettare. I comunicati però sono cannonate anche a stagione chiusa. Fanno male, ingenerano sospetti. La risposta di Arpae non è la migliore.
m.lugaresi

Gli Alberi del Sindaco





Sono un attento lettore della stampa radical chic. La sottile vena masochista costringe alla lettura poi mi spinge a scrivere l'esatto contrario. E' il momento del funerale (politico) di Salvini e non solo. La Lega è tornata ai fasti di Maroni ed anche il truce Capitano che insulta le povere miliardarie corre il rischio di essere esonerato come Montella. Hanno preparato il predestinato. Giorgetti, debitore di Salvini, viene indicato come il successore al trono della Padania. Si cari lettori, la Lega ha ristretto i confini, come i ragazzi nel famoso film. Ritorna mestamente al Nord. Il trionfo giallorosso è una festa sudista. Sono in trepidante attesa della terza legge assistenziale. Tanto paga l'Europa. Sembrano tifosi interisti. Sognano il sorpasso. Avete capito qual'è il leit motive secondo le ancelle del nuovo regime? Non sono diverse dalle altre. Repubblica ed il giornaletto di Travaglio fanno scuola. Quelli leggermente più seri, devono vendere nelle regioni senza anello al naso ed escono più prudenti. Vogliono farci credere che la crisi sia stata uno sbaglio di Salvini. Sono sempre più convinto che il governo gialloverde sia stato un grande errore strategico. Il senno di poi o quello che critica il gioco delle carte da sopra? Certo, ma non prendeteci in giro con le ricostruzioni. Tutte le stragi o i grandi delitti ogni tanto hanno dei sussulti investigativi. Lasciate perdere, sono state commesse dai professionisti del crimine politico. Nel nostro insignificante puntino sull'Adriatico non sappiamo ancora se dilapidare 60 milioni sia un reato. A me basterebbe signor sindaco, dopo avere terminato la strage di alberi, che lei rifondesse quello che ho speso per tutelarmi (da solo) dall'infamante accusa, in combutta con altri, di avere costruito una scuola alle Celle.
PS Donaldone è diventato l'eroe della nuova Dc al governo?
m.lugaresi

La Bugia

Ho appena sentito Sabino Cassese, ospite su La7 della trasmissione "L'aria che tira" porre retoricamente questa domanda: "In Italia ci sono 60 milioni di cittadini, 50 milioni dei quali hanno diritto di votare, ebbene possono questi cittadini governare direttamente tutti i giorni il pase?" poi ha sorriso ( ...significando che la risposta era "NO") e ha continuato "... la rappresentanza politica è indispensabile...il potere appartiene al popolo che però lo può esercitare solo entro i limiti posti dalla Costituzione...In Italia si deve votare solo ogni 5 anni...non ogni volta che c'è una crisi di governo, siamo una repubblica parlamentare.... ". Ho spento la tv, ne avevo sentito abbastanza. Ecco la bugia ( millenaria) che viene ripetuta (consapevoli che una bugia ripetuta e ripetuta e ripetuta, viene ..creduta). Sarebbe necessaria, imprescindibile, naturale, evidente, giusta, sacra, la classe dei "decisori", ergo, i pol(l)litici, che sarebbero "i nostri legittimi rappresentanti"; ovviamente sono indispensabili anche se non citati, i "sapienti" (i cosiddetti "aristo" i "migliori") spacciati come "intellettuali, i "padri costituenti". Tutta questa "casta" di "aristo" (dai ministri primi e secondi, ai parlamentari, ai boiardi di stato, ai funzionari che vivono di politica e alla messe dei loro beneficiari nel mondo della burocrazia pubblica, nel mondo dei funzionari sindacali, della dirigenza di imprese pubbliche e private assistite e favorite ope legis e amministrativamente), autoreferenziale, che decide e non risponde degli errori compiuti (debito pubblico, carenze strutturali, scolastiche, squilibri territoriali, malavita e mafia nelle istituzioni,ecc.) da "sempre" è la vera responsabile del degrado dell'Italia, degrado prima culturale, poi civile, poi sociale e solo alla fine economico. Ebbene la bugia è che noi, il popolo, siamo da sempre "sotto le amorevoli cure di costoro", ovviamente "per il nostro bene"...e non possiamo usare la testa, perché siamo "deficienti" (di capacità, conoscenze, cultura ecc.) e possiamo solo tracciare una "x " su schede contenenti "nomi"( ovviamente scelti dagli "aristo" tra gli "aristo"),quando lor signori ci chiedono di fare i tifosi, ogni 5 anni, per eleggere i "nostri" rappresentanti. Questa è la bugia, questo è il primo tema da porre sotto attenzione: è questo "sistema della democrazia indiretta, della rappresentanza indiretta" che è causa di corruzione, di spreco di risorse, di ineficcienze, di clientelismo, di mancata crescita culturale e civile ed economica. La verità è che non è né sacro, né l'unico, né il migliore (per quanto ne scrivesse l'aristo Churchill!). Nel 2019 ci sono i mezzi per cui 50 milioni (20 dei quali hanno capito la fregatura e nemmeno ci vanno a mettere la stupida "x") possono governare senza la "rappresentanza politica" come intesa e difesa. Discutere di questo è il primo passo per cambiare l'Italia, non fare il tifo per i Salvini o i Di Maio (AHAHAHAH) per i piddini o i berluschini. Essere consapevoli della bugia e di chi la propina e costruire un modo diverso e possibile per fare governare i gorvernati. Si può fare. Facciamolo. ... Ivan Paolo Bolognesi

martedì 10 settembre 2019

Meglio Perdere

Il Pd ha perso le Europee ma ha conquistato l'Europa. La Lega ha incassato un abbondante 34, ma Gentiloni occuperà uno degli scranni più importanti del giochino affidato a Macron, in attesa che la Merkel esca dalla recessione. Salvini ha trionfato in Italia promettendo la rivoluzione nell'Unione. Dopo soli due mesi di Papeete è all'opposizione, costretto ad occupare le piazze come un Grillo qualsiasi. Il rapporto con l’Europa e tutti i ruoli più importanti a Bruxelles riservati all’Italia sono in mano al Partito Democratico. Hanno riesumato Renzi, depurato dell'Etruria, gli permettono di avere ancora una parvenza d'importanza nei problemini all'italiana. Le cose che contano le decidono sempre gli antisovranisti. La congiura è iniziata con l'elezione di David Sassoli. Il suo curriculum era chiaro. Si andava alla guerra. Hanno proposto un governo di profughi del voto. In poco tempo tutto era pronto. Perfino un programma da supermercato della politica. Una delle ragioni per cui i grillini scelti dalla piattaforma hanno condiviso il voltafaccia di Grillo risiede nella consapevolzza che per loro si trattava dell'ultima estrazione controllata. Di Maio in missione estera assomiglia ad una caricatura del ministero. Cosa ci guadagnano i portavoce lo hanno capito (quasi) tutti, ma cosa ci ha guadagnato Grillo? I giornali cesseranno la caccia autorizzata in questi anni, si sono già viste le prime assoluzioni familiari. Pensa di girare ancora per le piazze o si trincererà in teatrini per intimi e piddini? Quello di Rimini gli spetta. Il regalo al Pd qui lo ha già fatto. 
PS Il famoso ventriloquo Cardone dove lo metto? Alla prossima intervista a Croatti mettete i sottotitoli.
m.lugaresi

Green Card

Com'è che si chiama già il capo dei buddisti del Tibet quello pelato che viene spesso in Italia che era anche amico del grandissimo Pavarotti che molto tempo fa venne a Bologna e scese al Baglioni e non avete un'idea che corteo di auto di lusso lo accompagnava tipo Osho ai suoi tempi in Rolls per capirci?? Bon, lui non mi viene in mente il nome avrete capito cmq si chiama tipo... tipo capra... vabbé: sapete cos'ha detto dall'alto della sua saggezza? "l'Europa è degli europei...gli africani devono costruire il loro futuro in Africa" e non parliamo di uno sciovinista, di un razzista ma di un signorino che scusate se è poco ha vinto il Nobel per la pace. Dunque c'è stata la manifestazione contro l’ennesimo inciucio a Roma dicono tanta gente non sappiamo qualcuno dice 4 gatti, Salvini osannato, pare, in tandem con i post fascisti FdI e la Meloni diventata per me inaspettatamente figura di riferimento delle Destre dopo essere stata militante fin da giovanissima in partiti di Destra II fila di AN e ministro di Berlusconi che la chiamava "la piccolina" perché... era più bassa di lui visto che Silvio per me ha un po' il complesso della bassa statura anche perché come si sa frequentava tutte supergnocche sopra i 180 cm. Allora dico : il "salvinismo" tornerà, forse sotto altre spoglie ma le prossime consultazioni amministrative previste in alcune regioni ne daranno conto anche se questo governo reggesse. Tornerà per la questione dell'immigrazione in grado di muovere molti voti a partire dal 30% in su parlando grossolanamente. Il Nazionalismo, il "sovranismo" sono accessori che possono attecchire sull'elettorato storico di destra che in Italia non è mai andato sopra il 15% neppure con l’MSI neppure con AN e neppure mi pare quando la destra con i suoi valori, i suoi simboli, le sue idiosincrasie (gay...), le sue origini, la sua eredità, la sua concezione tipica dell'uomo e della società era la controparte della Sinistra vera. Albergano concretamente oggi in piccola parte di persone in Italia e non solo diciamo qualche punto percentuale: è il Mondo che non è di Destra, per dirla. Anzi, dirò di più: va decisamente in direzione opposta e contraria su tutti i temi. Però però l'immigrazione sulla pelle degli abitanti di una nazione è altra cosa che con la destra e con il razzismo c'entra poco. Esempio per immigrare stabilmente in USA a meno di essere un Nobel per la Fisica c'è un iter lunghissimo come si sa ed esiste una specie di lotteria come viene chiamata. Qualcun altro assimilabile al tibetano citato sopra ha affermato che dovrebbe essere un diritto NON tanto lasciare il proprio Paese come demagogicamente si dice ma NON DOVERLO LASCIARE! Oggi si sta cercando di trasbordare un pezzo d'Africa in Europa per motivi di demografia, di sopravvivenza delle Vecchia Europa e delle imprese spacciando la cosa per fuga da guerre, fame etc. E almeno un terzo della popolazione, specie degli strati sociali più bassi, di negri con telefonino e cuffiette che chiama oggi negri e non "neri" non ne può più non capisce perché un Paese miserabile come l'Italia che non ne ha per gli italiani debba riempirsi di negri in nome della Solidarietà quando per vivere in USA come detto devi "vincere" quella specie di lotteria un tot all'anno non uno di più. E la gente che vede tutti questi negri cazzeggiare in attesa di sostituire gli italiani, agricoltura industria terziario, non sa che è l'Italia ad aver bisogno di loro molto più di quanto gli africani che vengono qui, che non sono quelli che muoiono di fame, abbiano necessità di emigrare. E il colore della pelle c'entra davvero nulla: fossero milioni di... finlandesi sarebbe stato lo stesso. E Salvini è finito su posizioni troppo di destra e flirta con la destra pur non avendo quelle origini e quei valori caratteristici delle forze di destra anche se ricordiamo parte da un linguaggio violento evocando le ruspe contro i rom. Ma come detto se non sarà lui ci sarà un altro soggetto che intercetterà il voto anti-immigrazione e non saranno più sufficienti le foto di bimbi morti in mare, vere o false siano, a meno che la cosa continui sottotraccia in modo meno appariscente ma tanto la gente s’accorge la percentuale indicata sopra che può arrivare anche a oltre il 50% e che esprimeva la precedente maggioranza resterà come una Spada di Damocle su qualsiasi Governo o Partito o coalizione che intenda proseguire a testa bassa la linea dell'immigrazione secondo i desiderata europei e del potere economico senza provvedere di curarsi delle conseguenze di questo neoschiavismo mascherato da solidarietà di cui abbiamo necessità come nazione e come continente per mere ragioni demografiche ma che mette in difficoltà gli italiani che te lo mostrano poi nella bossiana “gabina” elettorale a cui come si è visto non si va e non si andrà perché mostrerebbe il re nudo: un Paese che s’è rotto le balle dell’immigrazione in questi termini che chi vive nelle torri eburnee e decide manco vede mentre l’operaio se la ritrova in veste di atletici ventenni che lavorano secondo standard africani come competitor in fabbrica.
 In foto la Green Card USA. 
M.S. 

lunedì 9 settembre 2019

Il Vangelo di Repubblica

Presto verrà proposto nelle parrocchie al posto delle domandine catetistiche che abbiamo imparato a memoria. Sto parlando del Vangelo (politico) di Repubblica. "Quella che doveva essere l'estate dei potenti si è trasformata nella stagione del crollo. Salvini esce dalla crisi d'agosto ridimensionato dai numeri: netto calo della fiducia in lui da parte degli italiani e flessione dei consensi per la Lega. È quello che i sondaggisti chiamano "effetto Papeete", ovvero il risultato delle decisioni prese dall'ex ministro dai giorni della vacanza a Milano Marittima in poi" Non finisce quì l'annuncio funebre della testata piddina. Le ultime rilevazioni dicono che le percentuali della coalizione di governo sono più o meno analoghe a quelle dell'opposizione. Avete capito, un disastro per il Truce. Come mai al cospetto di un sogno elettorale di questa portata non siete andati al Colle e chiesto elezioni anticipate? Macron non voleva? La Brigitte non ha ammiratori in Brasile. Non la vogliono al carnevale. Non c'entra niente, ma riempie il pezzo. Il nuovo strabiliante centrosinistra è in crescita, gli altri scendono. Eccetto il Banana che può sempre servire. Il misterioso Conte mostra un antico pedigree da Nazareno. Escono alcune Verità che permettono di conoscere meglio il personaggio e capire le vere ragioni della crisi programmata. Tutto previsto, anche i troppi Niet della banda pentastellata. Oggi sono contenti, Autostrade ha stravinto. 
m.lugaresi

domenica 8 settembre 2019

A Parole

A parole son capaci tutti sapete quante tonnellate/anno di CO2 Anidride Carbonica in più ci costa la... la "deforestazione" operata per allargare il nuovo asse viario parallelo alla line ferroviaria Rimini-Ravenna-Ferrara a Rimini nord??? Allora ho fatto una botta di conti circa 500.000,112 tonnellate di schifosissima anidride carbonica che gli alberi abbattuti non potranno più aliminare. Per non dire del biossido di azoto, dell'ozono, del Pm10, del Pm2,5 e compagnia bella che un asse di scorrimento veloce comporta e che ridurrà i porazzi che ivi abitano simili agli Affumicati di Santa Giustina in periodo di fiere: dunque!? "[...] Investire sulla rete e sui servizi ferroviari, così come nella riqualificazione delle stazioni è uno degli elementi che può contribuire alla crescita del Paese... Rimini su questo fronte ha già avviato in questi anni un percorso serio e chiaro, frutto di una programmazione strategica che la città sta portando avanti con forza [...] ci sono investimenti importanti a carico di RFI, c’è un progetto di riqualificazione urbana condiviso con Sistemi Urbani e il Gruppo FS, la realizzazione di nuove infrastrutture per il trasporto rapido collettivo, che a mio parere rappresenta una tra le priorità per dare al sistema pubblico una vera svolta in chiave di sostenibilità e appetibilità”. Così la Frisoni-Mobilità ier l'altro che galvanizzata dal nuovo governo Pd ha ricominciato a esternare e ad agitare ("nooooooo!") lo spettro Trc Stazione-Fiera. Per questo dico parole vs fatti: fai una strada e parli di ferrovia. Una strada che ha costi e costi ambientali altissimi considerati gli alberi abbattuti e la spesa di milioni per un paio di chilometri che non sarà incisiva sulla viabilità ma porterà solo le auto in zona c.d. "La Fonte". Ma andava fatta a tutti i costi evidentemente si è fatto un cantiere in piena estate c'è fretta la legislatura sta per finire. E nessun ambientalista che abbia detto mezza parola. E si va ad occupare lo spazio lasciato un secolo fa nella prospettiva di fare il binario doppio una cosa di cui si parla ogni tanto su Rimini-Ravenna mentre si caldeggia a parole il traporto collettivo. 
In foto vedesi a sinistra la Frisoni, mi scuso, parzialmente tagliata, e lo scempio ambientale operato. 
S.A. 

Dieci, Cento, Mille..Grillo

Dieci, cento, mille, Beppe Grillo. Come lo giudicate? Incoerente, opportunista, oppure il rivoluzionario di un sistema bloccato? Il vincitore della più squallida gara al facciamo un governo, è lui. Il Bulletto la vuole giocare all'interno del partito che ha goduto di un risultato elettorale irripetibile. L'idea di una sua lista per il momento è accantonata. Ha tante pedine da muovere ma è rimasto fuori assieme alla "bolzanina". Segnale che anche per il Pd esiste un limite alla decenza rappresentativa. Sono convinto che la crisi nei due partiti di governo sia destinata ad accentuarsi. Ci vuole una prova elettorale per esserne sicuri. Difficile prevedere cosa succederà nel magma pentastellato. Un movimento d'opinione senza una struttura organizzativa è volubile qual piuma al vento. Ho notato che i pochi ultrà rimasti tentano di difendere una porcata senza precedenti. I portavoce, anche quella riminese afona, possono tranquillamente dedicarsi al lavoro preferito: controllo del saldo corrente. La ragione del disinvolto successo di un esperimento voluto dall'Ursula. Siamo ufficialmente un paese a sovranità inesistente. Gentiloni lo testimonia. Andrà ad occupare una delle deleghe europee importanti. Sarà, pensate, il garante della Bolkestein. Mattaralla chiede (oggi) la revisione dei criteri di stabilità. Solo in Grecia è successa un'azione simile. Faccio finta di sorprendermi per la disinvoltura con cui tante persone giustificano la porcheria. Non penso ai piddini, hanno avuto modo di allenarsi in questi anni. ma a quelli che si proclamano duri e puri grillini. Ma andate a fanc... Per sempre.
m.lugaresi

sabato 7 settembre 2019

Et Voilà

Occorre riconoscere che il Pd possiede una fantasia sorprendente. Ha riportato al governo una mandria di sconosciuti perfino in famiglia, scelti con un meccanismo tra il ridicolo e l'offensivo, condotta dal pastore comico, che ha girato le piazze d'Italia sfanculando tutti, in particolare il regime che ha salvato. Le ancelle giornalistiche e quelle radiotelevisive sono in preda ad un orgasmo da sette pillole blu. i due conduttori di Caterpillar sprizzano il renzismo represso nei 18 mesi tormentati.  Il Carlino però continua imperterrito nel suo gnassismo militante. Una scelta corretta, in attesa (spasmodica) che Bronzetti compili il discorso del suo futuro in giallorosso. Salvini viene descritto in crisi d'astinenza da falsi migranti. Intanto la giustizia (in silenzio) segnala il cambiamento. Il Truce viene indagato per insulti a Carola, ormai sulla soglia pontificia. Anche il sindaco di Riace viene liberato. Siamo solo agli inizi. Una rivoluzione al contrario si chiama restaurazione. Anche il centrodestra, secondo i giornali, viene descritto allo sbaraglio. Hanno già vinto le elezioni senza premurarsi di farle. Si è fatta chiarezza senza che nessuno faccia ammenda. Perchè Salvini ha interrotto un matrimonio non consumato? Volete farci credere che il governo di Macron è nato all'improvviso? Una vittoria di Grillo. Ha salvato la sua creatura per qualche mese. Garantita la vertiginosa crescita del paese, spread e titoli di stato. Per l'iva ci penserà la Ursula. Avremo il permesso di sfondare il debito. L'istat continuerà a regalare i decimi come fanno con il nostro turismo scomparso. Navi, barchette, pedalò potranno attraccare senza essere sequestrati, ma con la pantomima del salvamento..per caso. Curie, parrocchie e le migliaia di immobili vuoti ma esenti da imu si riempiranno di solidarietà. Il trionfo della democrazia ..francese. Et Voilà il nuovo centrosinistra.
m.lugaresi

CS Città Viva Santarcangelo

Il centro di Santarcangelo diventa un “Borgo Poetico” grazie ai commercianti di Città Viva Gli immortali versi di Tonino Guerra, Raffaello Baldini, Giuliana Rocchi, Nino Pedretti, Gianni Fucci e Annalisa Teodorani sono i protagonisti di quello che possiamo definire un vero e proprio “Borgo Poetico” a Santarcangelo”, dalla mattina di venerdì, infatti, tantissimi negozi dell’Associazione Città Viva, espongono poesie, o brani di essi, per onorare i grandi Poeti di Santarcangelo nei giorni del Cantiere Poetico. Matteo Venturi, segretario di Città Viva, spiega così la ragioni dell’iniziativa: “Con questo piccolo, ma significativo, gesto abbiamo voluto dare peso e rilievo al Cantiere Poetico che in questi giorni, e fino al 15 settembre, si terrà a Santarcangelo, e che ci vede tra i collaboratori. Il nostro pensiero è che la Città debba puntare sui propri punti di forza e di eccellenza, e la Poesia è sicuramente uno di quelli più importanti. Esaltando quanto c’è di bello e unico nel nostro Paese possiamo attrarre un maggior numero di visitatori e dare grandi stimoli al nostro centro commerciale naturale. Per questo, le persone che in questi giorni passeranno per il centro potranno leggere, appesi sulle vetrine, i versi più belli della poesia di Santarcangelo e camminare, piacevolmente, di verso in verso.”

venerdì 6 settembre 2019

CS AiRiminum

Agosto: mese record di traffico voli con 67.064 passeggeri E’ aumentato il traffico sia dall’Area Extra Schengen (+29%) che Schengen (+95%) registrando rispetto agosto 2018 una crescita complessiva del 41,5% Rimini, 6 settembre 2019 – Agosto è un altro mese con segno + per l’aeroporto Fellini. Il volume passeggeri complessivo, infatti, si è assestato a 67.064 passeggeri, con un delta rispetto al 2018 nello stesso periodo del 41,5%. Di questi, i viaggiatori provenienti dalla Federazione Russa rappresentano il 52% (+ 31,9% in rapporto al 2018), per un totale di oltre 34mila passeggeri, di cui 25.499 da Mosca (circa il 38% del traffico totale), 6.077 da San Pietroburgo (circa il 9% del traffico totale) e il resto dagli aeroporti russi regionali. L’area Extra Schengen nel complesso registra 48.315 passeggeri (+ 28,9% in rapporto al 2018), pari al 72,4% del traffico complessivo. In riferimento all’Area Schengen, invece, nel mese di agosto i voli con più passeggeri sono stati quelli da e per la Polonia - da Rimini partono i voli per Cracovia tramite Ryanair e per Varsavia con Ryanair e Smartwings - con 8.142 passeggeri (pari a circa il 12% del traffico totale), con un aumento rispetto al 2018 del 169,2%. A seguire le mete più frequentate sono: Lussemburgo con 3.243 passeggeri (4,9% del totale) e la nuova tratta per l’Ungheria con 3.177 passeggeri, che rappresenta il 4,8% dei passeggeri totali. L’area Schengen nel complesso registra 18.373 passeggeri (+ 95,5% in rapporto al 2018), pari al 27,6% del traffico complessivo. Dall’inizio dell’anno i passeggeri complessivi che hanno transitato all’aeroporto Fellini sono stati 272.655, con un aumento in percentuale del 24,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. “Agosto conferma il trend di crescita avviato a inizio estate, che continuerà anche a settembre, registrando il record del traffico mensile della gestione AIRiminum” dichiara soddisfatto Leonardo Corbucci AD di AIRiminum 2014, che prosegue ammettendo che “Il lavoro da realizzare per posizionare l’aeroporto Fellini ai livelli che merita è ancora imponente. I dati di questa estate, però, ci confermano di aver intrapreso la strada corretta e ci motivano ancora di più a impegnarci nello sviluppo dello scalo, percependo finalmente la sensazione che non saremo soli in questa impresa. I turisti provenienti dai mercati che l’aeroporto collega oramai si fanno notare nelle statistiche e dagli operatori e questo sta facendo crescere l’interesse verso l’aeroporto. A parte il costante supporto della Regione - che dall’inizio ha affiancato AIRiminum sul fronte infrastrutturale e ora anche nelle politiche di promo-commercializzazione del territorio - percepiamo ora un maggiore coinvolgimento e salutiamo con estremo favore le recenti dichiarazioni di attenzione verso i nostri risultati da parte di alcune importanti amministrazioni e operatori del territorio. Sarà nostro compito, con il raggiungimento degli ambiziosi risultati che ci siamo posti, far sì che nel futuro tali attestati di stima divengano corali”. In allegato la tabella con il traffico di agosto