giovedì 16 agosto 2018

Il Paradosso

Più la canea giornalistica si accanisce contro il cambiamento, usando spread e ..Erdogan per alimentare la paura dei mercati e più i cittadini voteranno il governo. Anche gli esperti delle tragedie annunciate, mai fermate, sono sicuri che sarà questo il viatico dei prossimi mesi, tramutabili in anni. Le prossime elezioni, anche locali e limitate alle passerelle di Gnassi, vedranno giustamente un trionfo verdegiallastro. I cittadini al cospetto dell'allettante alternativa se morire di Quantitative Easing oppure scegliere il migliore movimento per la celebrazione del funerale, voteranno Salvini. La tutela ci arriva stranamente dalla "nemica" Europa. Pensate cosa potrebbe succedere se volessero trattarci come fossimo una grande Grecia. Sono in scadenza, iniziando da quella bella fi.. di Tajani. Le prossime elezioni europee segneranno il definitivo tramonto di una operazione sognata per essere la democrazia dei popoli, finita per diventare una prigione sorvegliata dai carcerieri franco-tedeschi. I partiti simil piddini scompariranno. Una virata che è molto chic definirla destrorsa e perfino fascista, come se il volere dei cittadini valesse solo se voti ..Renzi. Il nostro paese non ha la forte cultura nordica, da loro tutto funziona talmente bene che molti pensano al suicidio come unica novità. Al contrario, da noi, uno è spinto all'omicidio, in fila in un qualsiasi ufficio. Secondo Saviano la Lega non avrebbe capito niente della mafia. Al sud non esiste più, si è rifugiata al Nord. Ammazzano sulla spiaggia di Nicotera per deviare le indagini. Ma va a scrivere su..Repubblica
PS Revoca concessione autostrade: applausi. Ho ascoltato l'intervento del giornalista del Sole e ..purtroppo Zerbini. Il cambiamento c'è. 

Chicago

Ieri Ferragosto c'è stato il secondo in due anni (davvero troppi non siamo nella Chicago Anni Venti) il secondo accoltellamento al Beky Bay fra ragazzini: una cosa inaudita, io stesso avevo già messo in guardia su queste pagine sulle caratteristiche di questo locale dove tutto inneggia all'abuso di alcolici ed ha un target preciso, specifico di giovanissimi dei dintorni o dell'entroterra ed ha come "sponsor" una nota marca di rum e ovunque ci sono slogan che inneggiano all'abuso di alcol del tenore "il problema del mondo è che le persone sono sempre indietro di qualche drink" o qualcosa del genere e un bar che si chiana Bar Ella (!). E' chiaro che in barella se ci vai ci finisci ed infatti una ragazzina implume appena 15enne ivi è finita pochi giorni addietro in coma etilico e si potrebbe dire (parlando in senso fantasioso, metaforico, analogico) che davanti vi sia parcheggiata un'autoclave da cui si spilla la birra si spera per adulti ma il vero business sembrerebbero i superalcolici e comunque un locale che si propone per giovanissimi con tanto di "segreteria" sulla falsariga di una scuola ma poi quando si fa 'na cert'ora ma anche di giorno fiumi di alcol. 2015: ragazzino accoltellato alla schiena. 3 anni dopo stanotte altro accoltellamento. Proteste per musica alta. Una chiusura da parte del questore, diversi casi di coma etilico possibile che nessuno dica nulla?? Che il Comune di Bellaria venda l'anima della propria gioventù al diavolo per un pugno di dollari esattamente la non disprezzabile cifra di 600.000 euro davvero un bel gruzzolo per una ex spiaggia libera che rendeva zero anzi dovevi tenerla pulita! Possibile che una spiaggia libera con annesso campo da calcio, parco e camping sia diventata un luogo di movida notturna per giovanissimi senza alcun controllo e ogni tanto qualcuno finisca all'ospedale? Ora io non sono dell'Esercito della Salvezza m'importa 'na sega se ragazzini o adulti si ubriacano (anzi vedo favorevolmente anche l'aspetto di sviluppo della zona di Igea) l'ho fatto anch'io, anche spesso, anche molto, ma questo posto deve essere o chiuso o messo sotto stretta sorveglianza o cambiare da così a così come target di età e come tipologia di bevande. Anni fa aprì a Rimini credo uno dei pochi locali salutisti dove si servivano rigorosamente analcolici: non ebbe vita lunga ballo & sballo (legale: da alcolici) sono un mix inscindibile ma questo posto supera ogni ragionevole limite come i fatti dimostrano!
 A.S.

mercoledì 15 agosto 2018

CS Riccione Alba

Comunicato Stampa Associazione Riccione Alba Giovedì 16 Agosto ore 21.30
 MASH MACHINE in concerto gratuito ai Giardini Dell'alba, Viale Dante - Riccione L'evento più atteso dell'estate di Riccione Alba è finalmente arrivato con la spettacolare performance dei Mash Machine! La band, fondata nel 2006, è capitanata da Danny Losito, mitico cantante e produttore, Disco di Platino con il brano “Found Love” a nome Double Dee nel 1990 e nel 2004 a Sanremo con il brano “Single” (presentato con le Las Ketchup). I Mash si muovono attraverso vari generi, creando continui mash-up fra pezzi presi dal grande repertorio black dei '70 e '80, dalla musica italiana e dalla dance. Al basso Cico Cicognani, sicuramente uno dei più grandi bassisti ora in circolazione in Italia, che si muove con disinvoltura dal jazz al funk più spinto.. Ha contribuito a creare il gruppo dei JESTOFUNK official webside, ha suonato con tutte le più grandi pop-star italiane ed ha accompagnato in tour la divina Whitney Houston. Alla batteria la drum machine Matteo Monti, puntuale come un orologio, ha suonato con Cesare Cremonini, Mario Biondi, Gem Boy, Cristina D'Avena, Percussion Voyager e More. Agli effetti Mattia Dallara aka Matta Rhymast che lavora stabilmente con Mario Biondi. Mash Machine è dal 2011 la band ufficiale del Blue Marlin Ibiza e Dubai. Attualmente lavorano per il marchio IRIS CLUB di Dubai, Abu Dhabi e Beirut. In collaborazione con il nuovo brand di abbigliamento di origine riccionese 4Foil Evento organizzato dall'Associazione Riccione Alba con il patrocinio del Comune Città di Riccione all'interno della rassegna Alba Street Party In allegato alcune foto della band. L'occasione ci è gradita per porgervi cordiali saluti ed augurarvi un Buon Ferragosto.
 Daniele Tomassini Cell. 389 8968896 (Presidente Associazione Riccione Alba) -- ASSOCIAZIONE RICCIONE ALBA

Triste Ferragosto

Per il resto c'è la Lega. Perfino Croatti si era cimentato nella difesa dell'operato del senato che ha emendato una delle tante balle renziane. Le bugie piddine stanno cascando come le mele di Newton, eppure la propaganda giornalistica insiste. Il Ferragosto più triste del dopoguerra, viene dipinto come un "quasi" pieno. Sarebbero da sculacciare per quello che riescono a scrivere, costretti. Non li invitiamo ad andare sul lungomare di notte, potrebbero nascere equivoci e brutti incontri, ma durante il giorno una visitina (in bici) ai resti del nostro comparto turistico, senza la fermata (obbligatoria) Rinaldis, sarebbe utile. Sono i momenti di Gnassi, con l'elegia a Rimini e ci mancherebbe, la città lo ha reso tanto famoso che ha "rischiato" di diventare ministro del turismo. Poi si sono accorti che mancava la delega e perfino il turismo. Il suo futuro è tutto in passerella. Rimane uno dei migliori interpreti della carica anche se gli spettacoli sono vuoti. Il publiphono serve per il suo messaggio, i bambini si trovano da soli, solo i vecchi si perdono. Non ho mai sentito il delfino Jamil avventurarsi in una pur modesta prolusione politica. Al contrario la Petitti grazie all'antica scuola melucciana, ogni tanto si lancia. I pentastellati meno parlano e più voti prendono. La politica alle volte assume strane pieghe. Chi sarà il candidato/a della Lega? Abbiamo fretta, questa manfrina amministrativa, puzza di vecchio, stantio, deja vu e sperimentato. Le passerelle sono finite prima del processo per tutti...Gnassi può dirsi contento, aveva cercato il colpo con la periferia da sempre destino delle elezioni. Gli è rimasto il buco della ferrovia. Anche quello sbagliato. Non credo, pur potendo, si strappi i capelli. I falsi migranti sono stati, però la più grande truffa navale. Una colossale messinscena che ha permesso l'uso di tutte le note della solidarietà umana. Navi talmente "rabdomanti" da trovare minuscole imbarcazioni in un oceano. Aquarius è largamente la migliore. Trova sempre l'imbarcazione che ha prenotato il trasbordo. Per rendere più amara la festa estiva ci colpisce la solita tragedia dell'incuria. Siamo il paese delle competenze plurime. Non riescono mai a capire di chi sono le responsabilità. Sarebbe sufficiente fosse un avvertimento per il futuro. Buon Ferragosto, anche agli ex amici. Piove, ma è quasi pieno. 

martedì 14 agosto 2018

CS Gatteo Mare

A causa delle pessime previsioni meteo il Comune di Gatteo si vede costretto a rimandare di qualche giorno lo spettacolo di Gene Gnocchi e Moka Club previsti per questa sera, ai Giardini Don Guanella. La serata verrà recuperata giovedì 16 agosto sempre dalle 21. Gatteo, 14 agosto 2018 - E’ stata rimandata, a causa delle pessime previsioni meteo, la serata Ferragosto Live. L’evento con il comico Gene Gnocchi e di seguito lo spettacolo live dei Moka Club e Fuochi Artificiali, programmato per questa sera è stato rimandato a giovedì 16 agosto, sempre dalle 21 presso i Giardini Don Guanella. Il programma anche per il 16 agosto rimane il medesimo: musica e tanto divertimento per una serata che sarà aperta da Sconcerto Rock un esilante spettacolo che vede il comico e scrittore Gene Gnocchi indossare le vesti di The Legend, un’anziana rockstar tornata sul palco dopo anni di silenzio, nella speranza di risolvere i suoi problemi economici. Il ritorno sulle scene si trasforma ben presto in un calvario. Gnocchi sarà accompagnato in queste scorribande musicali dalla chitarra di Diego Cassani. In chiusura il tradizionale appuntamento con i fuochi d'artificio alla foce del Rubicone. Presenta la serata il conduttore Andrea Prada. Inalterato, per il momento, il programma del 15 agosto: si parte dal mattino, quando alle 10.30 si aprono le danze sul Molo del Rubicone con il gruppo d’animazione del Gatteo Mare Summer Village che nel pomeriggio proseguirà a far ballare tutti nel Pala G con il Sangria Party. Mentre la serata del 15 agosto si divide su due location per accontentare tutti i gusti musicali. Si incomincia con la cover band di Joe Coker “Le Origini” dalle 21 e 30 in Piazza della Libertà, mentre dalle 22 presso i Giardini Don Guanella si “Balla coi Miti”, grazie alla notte dance di Radio Sabbia che approda a Gatteo. Luigi Del Bianco in consolle accompagnato dalla voce di Monica Kiss, regalerà a tutti gli amanti del genere, una selezione di musica dance dagli anni 70 ad oggi.
 Per informazioni: Ufficio Iat Piazza della Libertà 10, 47043 Gatteo a Mare (FC) tel 0547 86083 E-mail: iat@comune.gatteo.fc.it Ufficio Stampa Laura Ravasio – Nuova Comunicazione cell. 348 9330574 – email ravasio@nuovacomunicazione.com www.nuovacomunicazione.com https://www.facebook.com/NuovacomunicazioneRimini/ -- Laura Maria Elena Ravasio cell. 348.9330574 e-mail ravasio@nuovacomunicazione.com 

Il Partito del Nazareno

Chi credeva di avere finalmente cancellato le orme pesanti del Bulletto consegnandoli l'incarico di "guida" ufficiale della Città di Firenze, si dovrà (presto) ricredere. A dispetto delle tante iniziative giudiziarie che arrivano, dopo anni di (usuale) ritardo sulla sua famiglia allargata, sembra che Renzi stia pensando in società con Calenda e ..Martina di riprendersi le ceneri di un partito portato al 40% di suffragi inutili. Gnassi sarà felice, se fa presto, potrà portare il candidato segretario del Partito del Nazareno ad attraversare il Lago di Tiberio, una location da poche settimane inserita nel tour di Rimini. Può arrivare ai ristoranti da tutte le parti in attesa della chiusura del Ponte. Non l'avevate capita la fine strategia? I social saccenti impiegati a difesa del regime locale, hanno ancora dei dubbi sulle intenzioni commerciali e.. culinarie. Vogliono stravincere, fino a quando decidono loro. Un buco a Viserba e siamo a posto. Dove ca.. passeranno gli abitanti, a loro non interessa. Sei costretto a fare la spesa, se vuoi mangiare. Questo conta. Sto scivolando, torniamo alla nascita del nuovo partito renziano. E' chiaro che l'unione di fatto ed interessi con le spoglie berlusconiane, diventerà permanente. Il cemento ideologico è lo stesso: potere. I resti di due partiti, arrivati a numeri importanti si..fondono per arrivare alla costituzione di una formazione, in un'area di centrodestra, già molto frequentata. A chi portano via voti? Gli incazzati che non vogliono sottilizzare, pensare, hanno nel movimento, apparentemente ancora di Grillo, una scelta costretta. Sono rappresentati tutti nello zoo. Destra estrema e sinistra molotov. Di Maio da un lato e Fico dall'altro, in mezzo la truppa delle scie  con/senza vaccini. Una folcloristica rappresentazione, poco adatta per governare. Per quello c'è Salvini. E' altra cosa. Sta suonando tutti i tasti della sensibilità elettorale. Getta di continuo ami ed esche. poi ritira la canna e milioni di pesciolini hanno abboccato, famelici per il cambiamento. L'ultima trovata del militare, come toccasana per i giovani, è davvero stupefacente. Aspettatevi di peggio. Non ha ancora raggiunto il fondo dell'incazzatura italiana. Rimane nitido il cavallo di battaglia che porta la maggioranza dei voti e consensi: prima gli italiani. Alla sinistra rimane Scalfari. Non è mai stato catalogato in passato come tale, anzi era annoverato tra i nemici illeggibili del Pci. Secondo la maga Boschi che ha sempre presagito cosa sarebbe accaduto al Principe di Firenze, presto ci sarà un ritorno al governo del Pd con Berlusconi, la marmaglia gialloverde, secondo anche Saviano, verrà spazzata. Non possono contare però su Trump e sembra nemmeno sul nemico Putin. Li farebbe cadere Tajani?

PS Ho l'impressione che il Premier Conte, finora elegante complemento di governo, diventerà il leader (democristiano) necessario


Comparazione

Sono molto diversi i "discorsi" di Ferragosto dei sindaci di Rimini e Riccione le località più importanti della provincia. Rivelano due sensibilità molto diverse pur essendo poche righe estemporanee e non il discorso del Capo dello Stato a fine anno o... quello del Che alle Nazioni Unite. Gnassi commette a mio parere un errore abbastanza grave e una svista non meno grave. Si dimentica il ringraziamento alle forze dell'ordine e parlando a turisti cattolici e non, avendo un vicesindaco che quasi gira con la Vandea al collo NON cita nemmeno en passant la festività cattolica dell'Assunzione della Vergine. Certo, a differenza della Tosi che la menziona per benino, Gnassi è un ateo ma un accenno appena avrebbe potuto e dovuto farlo. Poi il discorso della Tosi ha una lieve maggiore sfumatura politica mentre quello del sindaco di Rimini ha un carattere più promozionale, diciamo che è quasi superfluo leggerlo perché dice esattamente le cose che uno si aspetta egli dica. Che sono le cose che ripete sempre che siamo gente vera (come quelli dell'Amaro), cita la piadina forse un suggerimento chissà, elogia la publiphono che recentemente molti hanno criticato anche con qualche ragione, ripete che Rimini è la Capitale del turismo ed elogia non le forze dell'ordine o medici etc. ma bagnini, albergatori etc. La Tosi si rivolge sia ai suoi riccionesi sia ai turisti, Gnassi parla esclusivamente ai turisti: uno spot, approfitta per promuovere Rimini, si parla un po' addosso etc. Nel complesso lo dico con molta sincerità, mi sembra molto meglio e molto più autentico, semplice, sentito quello della Tosi, sebbene Gnassi ammicchi al fine con una chiusa che allude al fatto "sono uno di voi" esprimendosi in vernacolo locale: "av salut", nonostante per ragioni anagrafiche, di istruzione e di origini egli non si esprime mai in dialetto come dire... mio nonno.
 (in foto, curiosità, vedesi la c.d. "nuvola dei tag" delle due prolusioni)
AA

lunedì 13 agosto 2018

CS Gatteo Mare

1000 PERSONE HANNO REALIZZATO LA SCRITTA UMANA “GATTEO MARE 2018 ”. BATTUTO IL RECORD DEL 2017 100 metri di spiaggia occupati. Coinvolti i Bagni 20 e 21 Gatteo, 13 Agosto 2018 – Obiettivo raggiunto per la scritta umana realizzata sulla spiaggia. Erano infatti mille le persone che questa mattina si sono date appuntamento ai Bagni 20 Olimpia e 21 Paganelli di Gatteo Mare per realizzare la scritta umana da record lunga 100 metri. Coordinati dall'equipe di oltre 25 animatori del Gatteo Mare Summer Village, turisti e cittadini gattesi hanno scelto di scrivere GATTEO MARE 2018. Come l’anno scorso un drone ha realizzato un video che è pubblicato sui social. La mattinata si è chiusa, visto il caldo di questi giorni, con un grande tuffo collettivo nel mare Adriatico. “E’ stata una edizione eccezionale. – ha raccontato Stefano Benossa, capo animatore del Gatteo Mare Summer Village 2018, l'originale progetto turistico che riunisce operatori turistici e Comune di Gatteo in una offerta integrata di intrattenimento, sport ed animazione per tutti gli ospiti della località balneare – Quest’anno c’è stato un grande coinvolgimento. Oltre le aspettative. Le persone accorse questa mattina erano felici di poter contribuire al buon esito dell’iniziativa. Tutti molto collaborativi. Ci siamo proprio divertiti!” Appuntamento all’edizione 2019, quando si tenterà di battere un nuovo record.
 Per informazioni: Ufficio Iat Piazza della Libertà 10, 47043 Gatteo a Mare (FC) tel 0547 86083 E-mail: iat@comune.gatteo.fc.it Ufficio Stampa Laura Ravasio – Nuova Comunicazione cell. 348 9330574 – email ravasio@nuovacomunicazione.com www.nuovacomunicazione.com https://www.facebook.com/NuovacomunicazioneRimini/

Salvini a Sud

Salvini è stato eletto in Senato, come Croatti, però in Calabria. Passerà da quelle parti il Ferragosto, avendo letto sui due giornali riminesi che quì è tutto (quasi) pieno. Il decreto sicurezza non poteva trovare culla migliore per il lancio. E' vero che oggi sono molte le regioni che ambiscono ad una concorrenza imprenditoriale, leggermente malavitosa. Gli stereotipi di una volta, con coppola e lupara, sono stati sostituiti da moderne vestizioni e..tatuaggi. Intanto registro una piccola vittoria personale nella incitazione alla Lega a correre (sempre) da sola, scegliendo gli alleati disponibili. Il movimento è quello più appetibile, sempre che continui a fornire quel numero impressionante di portavoce. Gli orfani del Pd ancora parlano e scrivono, possiedono inspiegabilmente le fonti della stampa e propaganda. Occorre che Salvini dedichi più tempo a questo aspetto. Una maggioranza così schiacciante decisa dal voto non esisteva da decenni, eppure abbiamo la quasi totalità dell'informazione schierata ancora con un partito e leader scomparsi. Il Banana con le badanti si è rifugiato in una delle sette ville sarde. Però non si trova più un giornalista che si arrampica come Tarzan sugli alberi per fotografarlo. Tutte le riprese sono vecchie o truccate. Il tramonto desolante di un personaggio della politica. A lui non avranno bisogno di ridurre la pensione. Ho letto un commento di un viserbese, sullo "scippo" finanziario perpetrato ai danni (solo) di Gnassi. Diciotto milioni il bottino che i gialloverdi destineranno certamente ad un sindaco a loro più vicino. Avevano già iniziato a bucare la ferrovia nel posto e nel modo più sfigato, in una via che permette a malapena il passaggio a senso unico. Ricordo che Melucci, allora più che vice-sindaco, oggi presente, ma in lotta per..Bernabè&Petitti, fece fare uno studio (TI)  che si risolse con un esito negativo, in quanto non vi erano le condizioni per un sottopasso carrabile. Solo nelle vicinanze del camping Italia è possibile un sottopasso perfettamente carrabile, a norma. Ma lì ancora non vi sono ..Superstore. Diciamo che l'ipotesi via Lamarmora assomiglia (molto) ad un regalo. Il cittadino viserbese era preoccupato giustamente per lo stato comatoso delle attività turistiche ormai scomparse e di quelle commerciali, ma pensare che le slides di Ermeti possano rianimare un comparto agonico per ragioni strutturali, significa essere piddini fino alla morte..stupida. Siamo alle comiche della disperazione. Diciotto milioni sono molti, ma per un bilancio come quello del nostro comune, non sono (spalmati in più esercizi) una cifra impossibile. Provi il "viserbese" a conteggiare tutte le cazzate ciclo pedonali, toilette degli sposi, teatro, passerelle per il futuro, fulgor  e..trc. Tralascio le colonie. Le periferie che una volta chiamavamo più degnamente quartieri, in particolare la nostra e quella a sud, erano le più importanti fornitrici di linfa turistica. Con quello che ci sono costati e ci costeranno nella gestione, solo il Trc e Teatro, avrebbe trasformato le banlieues riminesi in giardini, da consegnare alla sua ..Anthea. Ogni mezz'ora nella nostra periferia si abbassano le sbarre di tre passaggi a livello prebellici. La permanenza media è di 8 minuti. Morollino nel frattempo rilascia ancora i suoi..santini.

domenica 12 agosto 2018

Il Partito del Colle

Vi rendete conto che abbiamo (anche) un Partito del Colle? Il ministro e segretario Tria sembra abbia il compito di selezionare le spese e bocciare quelle invise al suo raggruppamento. Il nostro Presidente è stato eletto dalla sola maggioranza di allora, il che significa Pd + parlamentari prestati da Berlusconi, con l'obbligo delle "frequenze". Una anomalia presente in altri ordinamenti che crea però disturbi alla quotidiana governabilità. E' vero che finora il Presidente si è esibito in innocue esortazioni, al pari del Papa. Rimane il fatto che la costituzione di questo governo ed i "paletti" imposti sono sintomi di sorveglianza attenta. Ambedue i personaggi citati non vivono i momenti migliori della loro vita politica e religiosa, rimane però lo sconcerto nel leggere tutti i giorni che esiste ed opera alacremente questo Partito, naturalmente all'opposizione del governo voluto dai cittadini. Il segretario è un certo Tria, uno dei tanti professori diventati celebri dopo la loro nomina al governo. Infatti sembra che ogni spesa, anche innocua, debba avere il suo imprimatur come terza "gamba" di garanzia..europea. Deve sorvegliare che i discoli sovranisti, eletti dai cittadini, non escano dai parametri che la Merkel e Macron impongono. La barzelletta di un'italia mai adulta. Il bello è che tutte le mattine, Repubblica, a capo dell'opposizione giornalistica, ammonisce i pochi lettori rimasti che siamo sotto schiaffo e presto ci sarà un altro cambiamento. Martina è il candidato. Fate scrivere Scalfari, aumentate le vendite.

Al Bano&Romina

A parte dire che Al Bano e Romina ad agosto a Rimini è come dire Liza Minnelli a New York a Capodanno o Francesco Guccini al Concerto del Primo Maggio a Roma, ossia il cacio sui maccheroni, la persona giusta nel posto giusto al momento giusto e che il concerto della Coppia per antonomasia non poteva non avere il successo che ha avuto il 10 a Marina Centro e questo insegna che non occorre andare a cercare l'artista del momento come si fa a Capodanno spendendo tanti quattrini ma ci vuole... "quell'idea piccolina che tutto risolve", insomma che Ballandi quando portava il carrello dei "bolliti" a Capodanno, sapeva fare molto bene il suo mestiere, pur chiedendo tanti soldini etc. A parte dire questo, si fa sempre più... "cupa" la vicenda della chiusura del Beat Village alla Darsena, con recenti inquietanti sviluppi che solo un giornale riminese on line riporta: ossia (scoop) Al Bano sarebbe stato invitato a NON cantare, con la promessa che avrebbe fatto un concerto "riparatore", aggettivo che ho sempre sentito associato a "matrimonio" mah!, a spese di sponsor "comunali" e organizzato dal Comune. Ora se tutto era saltato, quale interesse poteva mai avere il Comune a prodigarsi per raggranellare quella cifra (60.000 euro) fra sponsor grossi, "istituzionali", per un concerto gratis!? Che senso ha se non pensare che questa cosa fosse stata promessa ad Al Bano per il mancato introito del Beat Village e perché mai il Comune si è prodigato per non fargli perdere quei quattrini se non avesse avuto responsabilità in merito!? L'unica spiegazione è che lo stesso Comune aveva stoppato la manifestazione, altre ragioni non ne vedo e così emergerebbe da una lettera dei legali di Al Bano al Patron del Beat Village. Insomma io sono persuaso che non si volesse la nascita di un nuovo polo di leisure alla Darsena, in competizione diretta con la zona Boscovich Tintori e Parco Marecchia Borgo, a fare il vaso di coccio in mezzo a due vasi di ferro, alla fine lo hanno fatto capitolare e se queste ipotesi sono vere come sembrerebbe ,sia alla luce dei fatti emersi, sia alla luce di questo strano concerto organizzato dal Comune MA NON ALLA DARSENA. Certamente vi sono profili piuttosto inquietanti in ordine a persone, cani sciolti che si muovono al di fuori del monopolio comunale delle manifestazioni e che vengono dissuase dal farlo, non dico mandargli uno, per fortuna non siamo in quella parte d'Italia, ma con metodi, insomma... QUEI metodi! 
 Nello P.

Era scritto

Come già scrissi tempo fa nella mia accorata "Lettera aperta al popolo di Viserba" per quanti abbiano la pazienza di rileggersela, i viserbesi, a mio parere, dovrebbero opporsi strenuamente come si dice al sottopasso in via Lamarmora. Torno su questo argomento perché sono emerse novità in relazione alla vicende dei mancati quattrini per il c.d. "bando delle periferie".Non erano passate 24 ore dalla notizia della "rapina" dei 18 mln che la Giunta riminese emetteva un comunicato stampa per rassicurare (chi?) che detto sottopasso, una goccia nel mare, a livello di riqualificare tre frazioni, sebbene i quattrini non arrivano, si farà comunque, in quanto lo finanzia RFI con circa 5,5 mln di euro. Ossia dato che questo sottopasso era inserito nella riqualificazione di Rimini nord, pensate voi cosa mai avrebbero riqualificato se un piccolo sottopassaggio costa quella cifra, ossia quasi un terzo di quanto avrebbe sganciato il Governo. Ma c'è molto di più che bolle in pentola. Restano dunque aperti nella zona riqualificanda ben cinque, dico cinque passaggi a livello e anche se fossero arrivati quei quattrini la loro eliminazione non era inserita nel progetto; e 5 passaggi a livello in circa 5 km di linea ferroviaria ci collocano tra l'altro molto lontano dall'Europa e dallo stesso Nord Italia! E si realizza ora come da comunicato "rassicurante" questa incomprensibile infrastruttura in zona supermercato La Fonte su una strada strettissima lasciando tutti i restanti passaggi a livello. Allora per dire pane al pane e vino al vino, cosa si persegue e soprattutto chi comanda oggi in città, quali sono i nuovi poteri forti che decidono le infrastrutture. No sarà che la riqualificazione di Rimini Nord sia una grossa menzogna e celi altre manovre? Ebbene io credo che si procederà nella direzione di isolare Viserba dai flussi auto con le sue decine di attività commerciali che ancora resistono, accanto ai negozi "tutto a un euro!" o "Il paradiso della cover" e tante serrande abbassate. In pratica il traffico proveniente da Rimini Nord (che conta nell'insieme 25mla anime) da Rivabella a Torre Pedrera, finirà in bocca a questo nuovo passaggio, per finire poi a monte della ferrovia in zona supermercato; e verosimilmente il traffico proveniente da sud sarà stoppato con un divieto all'altezza di via Lamarmora e direzionato anch'esso verso il nuovo sottopassaggio. La zona centrale del lungomare di Viserba sarà pedonalizzata estate inverno come si evince anche dal rendering che circola. Via Polazzi non sarà più percorribile (né vi si potrà parcheggiare) per chi proviene da nord con un divieto di svolta a sinistra. In breve il quadrilatero compreso fra linea ferroviaria, via Dati da via Lamarmora in su, sarà isolato dai flussi auto, sarà la fine commerciale della frazione. Questo è il futuro di Viserba, questo è per me il leit motiv occulto della riqualificazione di Rimini Nord, a parte l'accorpamento di qualche bagno (e l'isolamento di tutto il lungomare fino via Tolemaide che si inserisce nella strategia citata): distruggere commercialmente Viserba e tutto il lungomare Nord. La prova è il comunicato dell'amministrazione: tutto può saltare se non arrivano quattrini, ma il sottopasso si farà, volere volare, e attenzione questa sarà l'unica strada in zona che collega in modo diretto la zona monte al lungomare a passa tangente alla area commerciale citata ed ivi ci sono margini sia per ampliamenti sia per nuove costruzioni. E la cosa paradossale è che le precedenti giunte mai avevano accennato a interventi di questo tipo. Si era parlato di eliminare il passaggio a livello su via Polazzi Marconi tramite sottopassaggio (giunta Ravaioli); si era parlato di eliminare tutti i passaggi a livello secondo i desiderata di RFI che intendeva rendere più veloce e sicura la linea (in una interrogazione del consigliere riminese... un attimo scusate, fa vedere... Casadei, Casadio, Casalbani, ah Casalboni Umberto 9/2008) ma nessuno prima di questi signori A Servizio DI aveva mai pensato di lasciare tutti i passaggi a  livello e fare un sottopassaggio in bocca al Superstore. Bando o non bando e cazzate varie!
 (in foto via Lamarmora una stradina che diventerà trafficatissima).
S.M. 

sabato 11 agosto 2018

CS Gatteo Mare

DAL RECORD DELLA SCRITTA UMANA SULLA SPIAGGIA ALLO “SCONCERTO ROCK” DI GENE GNOCCHI: LA SETTIMANA DI FERRAGOSTO A GATTEO E’ DIVERTIMENTO ALLO STATO PURO Si balla con i Moka Club e i “Miti” della musica dance di Radio Sabbia Gatteo, xx Agosto 2018 – Settimana di Ferragosto all’insegna del divertimento a Gatteo Mare. Continua senza sosta l’animazione a cura dell’Associazione Gatteo Mare Turismo. Nell’unico paese della Romagna trasformato in un grande villaggio turistico all’aria aperta, le proposte per divertirsi dalla mattina presto fino a notte inoltrata si susseguono senza fine. La capitale del liscio, anche in occasione del festa più importante dell’estate, regala ai suoi ospiti una serie infinita di appuntamenti. Tante infatti le iniziative nell’ambito della settimana di Ferragosto a Gatteo Mare. Si parte lunedì 13 agosto, quando si andrà a caccia di record! Sulla spiaggia si tenterà di battere il record dello scorso anno, quando oltre 800 persone hanno realizzato la scritta umana GMSV 2017. Quest’anno per realizzare GMSV 2018 si punta ad un numero con tre zeri. Per chi vuole far parte di questo grande raduno e contribuire alla realizzazione del record, l’appuntamento è presso il Bagno 20, alle 10. Come l’anno scorso un drone realizzerà un video che sarà poi pubblicato sui social e la mattinata si chiuderà con un grande tuffo collettivo nel mare Adriatico. Martedì 14 agosto, alla vigilia di Ferragosto, Gatteo Mare propone una serata che alternerà la comicità di Gene Gnocchi con le loro sonorità anni 80/90 e 2000 dell'emozionante spettacolo live dei Moka Club. Musica e tanto divertimento per una serata che sarà aperta da Sconcerto Rock un esilarante spettacolo che vede il comico e scrittore Gene Gnocchi indossare le vesti di The Legend, un’anziana rockstar tornata sul palco dopo anni di silenzio, nella speranza di risolvere i suoi problemi economici. Il ritorno sulle scene si trasforma ben presto in un calvario. Gnocchi sarà accompagnato in queste scorribande musicali dalla chitarra di Diego Cassani. In chiusura il tradizionale appuntamento con i fuochi d'artificio alla foce del Rubicone. Presenta la serata il conduttore Andrea Prada. Ma è sempre il ballo l’indiscusso protagonista delle serate gattesi, ancora di più nella giornata del 15 agosto. Si parte dal mattino, quando alle 10.30 si aprono le danze sul Molo del Rubicone con il gruppo d’animazione del Gatteo Mare Summer Village che nel pomeriggio proseguirà a far ballare tutti nel Pala G con il Sangria Party. Mentre la serata di Ferragosto si divide su due location per accontentare tutti i gusti musicali. Si comincia con la cover band di Joe Coker “Le Origini” dalle 21 e 30 in Piazza della Libertà, mentre dalle 22 presso i Giardini Don Guanella si “Balla coi Miti”, grazie alla notte dance di Radio Sabbia che approda a Gatteo. Luigi Del Bianco in consolle accompagnato dalla voce di Monica Kiss, regalerà a tutti gli amanti del genere, una selezione di musica dance dagli anni 70 ad oggi. Ma i festeggiamenti di Ferragosto non si chiudono il 15. Giovedì 16 agosto grande festa con lo Schiuma Party alle 21.30 nei Giardini Don Guanella, per ballare ricoperti da una fresca schiuma profumata. “Anche quest’anno abbiamo proposto un ricco calendario di appuntamenti per la Settimana di Ferragosto – commenta l’Assessore al Turismo di Gatteo, Roberto Pari – a dimostrazione che la forte sinergia tra il Comune e l’associazione Gatteo Mare Turismo funziona. La formula che vede gli appuntamenti musicali e culturali affiancati all’intrattenimento a tutte le ore del giorno è stata una scelta vincente e la Settimana di Ferragosto ne è la dimostrazione. I nostri ospiti avranno l’imbarazzo della scelta tra le tante proposte di divertimento”. 
 Per informazioni: Ufficio Iat Piazza della Libertà 10, 47043 Gatteo a Mare (FC) tel 0547 86083 E-mail: iat@comune.gatteo.fc.it

Grande ...Alice

Ho visto ed ascoltato, per caso e curiosità, un video pubblicato da Alice Salvatore una delle portavoci del M5S. Spesso sono prevenuto nei confronti del "prodotto" dell'ultima lotteria, guidata da Casaleggio e purtroppo anche Bugani. Conosco bene solo i polli riminesi, mi basta per avanzare giudizi (alle volte) sprezzanti. Terminato l'ascolto della ricostruzione che l'onorevole ha fatto della inquietante vicenda delle "Periferie" alla Gnassi, mi sono precipitato a scrivere una lode all'Alice. Brava. In pochi minuti ha riassunto una vicenda che la stampa (tutta) e le televisioni nazarene, hanno trasformato in una avvilente bugia, per salvare la faccia al Pd. Hanno riusato perfino l'Aquarius, la nave che ha la dote di trovare un ago in mare. Usano ancora il termine "salvati", invece del veritiero "trasbordati" su prenotazione. Dalle ong che "salvano" (per caso) migliaia di finti profughi, alle uova allevate in casa, alla lanciatrice italiana che è pronta per nuovi palcoscenici, tutte bugie che vengono amplificate per trasformare un paese incazzato in..razzista e non bastasse perfino fascista. Avete davvero rotto i... I cittadini si sono ribellati consegnando con il voto un giudizio inappellabile. L'Alice ha raccontato con disarmante semplicità e chiarezza cosa voleva fare Renzi. La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il Decreto, in quanto ledeva i poteri regionali ed il Senato ha giustamente approvato l'emendamento relativo. Solo i progetti di 26 città erano stati finanziati, non le figurine di Ermeti, Per fare un'enorme "marchettone" referendario, il bulletto ha voluto ampliare il raggio dei regali, tentando di inserire tra le altre 64 città, anche quella piena di passerelle del suo amico Gnassi. Fine della storia e della farsa. Dovrebbe essere così anche per i due giornali di casa. Fate un articolo riparatorio, come per Al Bano, se servono preghiere c'è un Blog sempre pronto. Volevo dire, per chiudere, che non basta essere sempre presenti alla scuola (pagata) parlamentare, dovresti almeno fare finta di capire cosa dicono i pochi professori rimasti. I nostri portavoce hanno però l'alibi che "prima" faceva e diceva tutto Cardone.

PS Il Buongiorno di Gnassi questa mattina ha annunciato che per Ferragosto è ..quasi pieno e non piove. Altre due bugie

Il Polverone

Perfino la zattera di salvataggio, chiamata Corriere del Pd, è dovuta intervenire sulla buffa querelle scatenata dal Sindaco in scadenza. Ho letto quasi distrattamente l'articolo che la badante giornalistica è stata costretta a scrivere sull'emendamento votato all'unanimità dal senato. I parlamentari si erano resi conto che si trattava dell'ennesima pagliacciata gongia di promesse verso città che non avrebbero mai visto una lira. La merolata inscenata da Gnassi lo testimonia. Invece di incatenarsi al guard rail della circonvallazione che rimarrà così per altri 70 anni, come fosse la spiaggia di Marina Centro, ha voluto al solito strafare (?). Davanti alla stampa, nella solita posizione ed un blog curiale disposto alle preghiere riparatrici, ha intonato una serie di invettive contro il governo che permetterà (forse) il cambiamento anche a Rimini. Con o senza Barboni. L'unica forza politica che può e deve prendere il comando delle operazioni è la Lega. Non conosco (?) la sua consistenza e struttura locale. Basterà un sindaco/a presentabile ed il Pd verrà cacciato tra i ricordi fastidiosi. Le Oasi sono accontentate, i bagnini dopo avere esaurito in andata e ritorno l'arco costituzionale e inventato perfino la loro insostituibilità, possono vocarsi al M5s. E' come prendere un'aspirina se stai molto male. Chi garantiva il Sindaco di Rimini che i 18 milioni sbandierati sarebbero stati finanziati? Anche con una modesta conoscenza dei meccanismi non cadi in questo tranello gnassiano. Quante volte (Lui) ha promesso un'opera che non è mai arrivata? Ho seguito l'iter della sceneggiata, con la scenografia della piazza viserbese, capoluogo della zona nord. Voglio ricordare che da decenni il voto nel comune (mancato) di Viserba rispecchia fedelmente quello della città. Andate a vedere gli ultimi risultati, aggiungete un sicuro peggioramento climatico per il Pd ed il gioco è fatto. Vi posso anche consigliare di prendere, in scadenza di contratto, il mio Morollino. Fedele, lavoratore e disposto a tutto. Non va bene per il movimento. Il risultato è scontato, nessuno accetterà scommesse, nonostante l'uso scandaloso dei vaccini come terrorismo elettorale. La prossima amministrazione sarà sicuramente simile a quella nazionale se ci fosse la stessa volontà aggregatrice. Una maggioranza schiacciante ogni residuo del passato. I piddini superstiti (4) saranno costretti nella sala consiliare a sedersi vicini ai due "bananisti", di cui uno di cielle. Non vi interessa? Sembra così oppure siete troppo impegnati a disbrigare le faccende che una maggioranza a tre (?) comporta. E' ufficiale esiste anche il Partito di Mattarella. Non saremo mai un paese normale.

venerdì 10 agosto 2018

Presente&Futuro

Pur conoscendolo dall'infanzia, sono rimasto sconcertato quando, tempo fa, prima dell'ultima "sbroccata", Gnassi accusava la Società Autostrade di essere latitante sulle opere concordate in occasione della terza corsia. Interventi in gran parte inaugurate dal Signore di Rimini, ma frutto dell'eredità di Ravaioli, meglio dire, per onesta, di..Melucci. Torniamo a dodici (almeno) anni fa. La domanda che anche un distratto giornalista (?) riminese avrebbe dovuto azzardare: cosa ha fatto Signore? Ha aspettato l'arrivo del Cambiamento? Il grande amico Renzi non avrebbe gradito critiche alle sue Autostrade? Debbo ammettere che nell'attesa si è specializzato nelle mini-rotatorie, alcune carine, nella loro inutile pericolosità. Per dimenticare questa ignobile sconfitta si è dedicato alle "periferie". A sud non c'era trippa per gatti piddini, i fallimenti sono stati troppi. A nord invece, grazie sempre alla splendida accoppiata di cugini Morollini, qualche balla la potevano ancora digerire. Il Sindaco ha esagerato. Intanto Mastro Oasi Mussoni ha portato a casa un regalo demaniale in perfetta (?) sintonia con il Piano Spiaggia, da lui disegnato. Sulla sabbia valgono le sue figurine, sulle terre vergini si diletta ancora Toulouse Ermeti. E' finito anche questo giochino. Le grandi rotatorie e qualche sottopassaggio sulla circonvallazione fanno parte dei ricordi pruriginosi che nessuno riecheggia. Ci sono due senatori vaccinati e (sembra) anche una deputata, eppure l'unica politica oppositoria è delegata al duo "denuncia" i grandi Camporesi e Gioenzo Renzi. In tutti i consigli comunali, come nei condomini, ci sono quelle presenze insostituibili. I tre eletti dovrebbero fare parte dell'opposizione a Gnassi. Se non fosse per la legge si potrebbe tranquillamente ricandidare e devo dire, al momento avrebbe il mio voto. Ha il benestare di cielle e della curia. Ma la storia dei tanti (troppi) preti che ospitano aitanti nigeriani come la vedete? Non ditemi che è solo per carità. La conferenza stampa del sindaco è "cult" virale. Il bignami dei suoi (quasi) dieci anni di dominio incontrastato, senza avere la più timida opposizione, tanto meno giornalistica. Non ho ricordi di un simile trattamento. Sono preoccupato per la fine della stampa italiana. Devono riconvertirsi come fossero delle Ilva. Le sei reti televisive sono ancora di indole piddina-berlusconiana, stessa robaccia. Le testate più importanti, iniziando dall'ammiraglia Repubblica, puzzano ancora delle veline del Nazareno, Mattarella è come il Papa, lancia messaggi che nessuno capisce. Gigetto ha portato a casa il trofeo parlamentare chiamato Reddito Dignitoso. Cosa sarà? Difficile capirlo e spiegarlo, spero siano soldi che arrivano ai più bisognosi non sbarcati. Vi faccio una impertinente domanda? Vi sarete accorti che corriamo il rischio di avere ancora per almeno altri cinque anni un discepolo allevato da Gnassi? Con la scusa che interpreta la continuazione di una buona amministrazione, un pò teatrale, ma sempre migliore di quella senza copione pentastellato. Si chiami Jamil, Emma o ..Lisi ed il gioco è fatto. Cielle è sempre d'accordo. Il Carlino non ne parliamo. I bagnini sono preoccupati. Il loro presidente ha avuto la sua..Oasi. Sarti, Croatti e Barboni sono contentissimi del regalo avuto. Nessuno di questi, se rivince Gnassi, si metterà a piangere. Era meglio Cardone. 
PS Siamo partiti nel 2006 elencando (solo) 100 NonFatti o Misfatti. Adesso?

giovedì 9 agosto 2018

Poooorca miseria!!!

Pooooorca miseria, oh! Laaaa ma' doooonna... iiiddio bono che rrrroba!, fiuuuuh... Miiiiiii': mai visto uno così incazzeto come ieri Gnassi in piazza che ha fatto la classicissima piazzata perché questo Governo gli ha fatto lo scherzo di cui tutti sanno ormai: non arriva una lira dei 18 mln coi quali si sarebbe dovuta riqualificare la parte Nord di Rimini, limitatamente alla fascia costiera. Quattrini stanziati dal precedente governo in base a un iter abbastanza complesso su cui non entro e ora ritirati da quello attuale. Il sole picchiava, sarà stato anche quello e qualcuno dice di averlo visto prendere un microfono a un cronista che aveva osato proferire l'espressione "finanziamenti a pioggia" al che avrebbe sbroccato, scagliandolo per terra e distruggendolo calpestandolo, saltandoci sopra con i piedi, ma non sembra credibile, voci; certo è uno che guai toccargli i soldi a Gnassi è buono e tutto, ma sui $ mmmh! Poi avrebbe dato un pugno contro il muro e si sarebbe anche leso e anche questo lo riporto come voce non confermata; infine (questo è vero perché c'ero) ha stramaledetto tutto e tutti, parlando di rapina che sarebbe andato a Roma a riconsegnare la fascia di sindaco; una sceneggiata napoletana con tutti i crismi, roba che scotta, materiale che se lo metti su youtube diventa subito virale. Vabbé comunque il senato ha votato unanime quindi si suppone anche il nostro Barboni fosse d'accordo di rivedere questi contributi coi quali peraltro per me non è che arrivi tanto lontano parlando di riqualificare uno scacchiere intero di una città, tre frazioni, davvero spicci ottenuti, poi se non ricordo male soltanto perché Gentiloni alla fine decidette di dare questi quattrini a tutti i Comuni capoluogo in quanto Rimini non si era piazzata in posizione utile nella graduatoria per ottenerli secondo il progetto presentato per Rimini Nord. Questo è bene chiarirlo e non è cosa da poco per questo qualcuno ha parlato nei termini che hanno fatto sbollire Gnassi. Con questi quattrini ricordiamo si sarebbe dovuto fare anche un per me discutibile sottopasso sulla minuscola via Lamarmora a Viserba in prossimità del Conad, senza eliminare il passaggio a livello e senza eliminare gli altri tre passaggi a livello nei dintorni. Dico: per mettere mano ad uno scacchiere cittadino, 18 milioni sarebbero stati meglio di niente, se spesi bene, ma sono spicci, occorrerebbero i centinaia di milioni girati a Hera per le fogne a scatola chiusa, i 100 del Galli, i 100 dell'inutile TRC, uniti ai vari quattrini spesi in patacate come il ballatoio (vedi foto). Questo accade quando il governo non è più dalla tua parte politica, sempre pronto esempio quando passavano di qua Galletti o Franceschini, due signori, Ambiente e Beni Culturali, ambedue emiliani, li portavi a mangiare il pesce e alla fine staccavano sempre l'assegno ministeriale, chi un milione, chi due, per quella o quell'altra puttanata, metti i lampadari del Fulgor; ah no perdio: non si facevano guardar dietro i due ex ministri! Ma la musica è cambiata, perdi potere, perdi consenso, è sempre stato così, ma attenzione ai facili entusiasmi: hanno il Colle che può sciogliere le camere, presiede tanti organi etc., che dal Dopoguerra per prassi consolidata o forse sarebbe meglio dire altro comunque, va ad un atlantista che puta caso è sempre di quell'area, prima dc poi ds pd etc.. Anche con Berlusconi gli enti locali della parte opposta hanno visto tempi di magra, questo provvedimento tuttavia non sembra "contro" i Comuni per quel poco che ho letto in merito. Però però insomma è un segnale che diventa difficile governare se a Roma non hai più una mano santa. E perdendo quattrini perderanno consenso, questo la politica poi se il Senato ha votato a favore all'unanimità, PD incluso, a meno di pensare che non sappiano cosa votano evidentemente quel provvedimento era andato indigesto ai 7900 comuni che non beccavano una lira a occhio e croce. Non credo ci siano margini per riavere questo malloppo, dovranno continuare a vendere, se vogliono stare in piedi dopo le farmacie comunali, le azioni di Hera, la Fiera a chi toccherà?
(in foto la taglianastriatura del ballatoio alveo). 
"Ziggy" Zobeta

Il Grande Gatsby

Il nostro immenso Di Caprio ha interpretato, nella versione riminese, la parte dello scippato del Grande Sogno. Voleva ridisegnare le periferie, ha "passerellato" solo il suo Borgo. La fandonia per cui il governo gialloverde avrebbe cancellato il sogno del nostro Sindaco, in scadenza ravvicinata, è durata poche ore. I social sono feroci. L'emendamento che ha scatenato il grande fake è stato votato da tutto il Senato. Il curiale blog, rimasto nella funzione della fedele sentinella del Palazzo, lacrimava: dopo le rotonde dell'Anas, la toilette degli sposi (civili), le questure, colonie, trc, sono molti di più i clamorosi insuccessi delle Notti Rosa. Aveva presentato ai tanti creduloni rimasti, in verità più per disperazione commerciale o turistica che per sincera convinzione, un magnifico disegno di Toulouse Ermeti. Nessuno ci capiva, per fortuna sono intervenuti i cugini Morolli di campagna, per rendere la cosa più incomprensibile. Un lascito testamentario, un'opera che per realizzarla (tutta) con i soldi in tasca, in Giappone, ci avrebbero impiegato quattro anni. Ettari di terreno da acquistare, buchi nella ferrovia, parcheggi e tanta fede. Al confronto scie e vaccini sono atti di verità. I cittadini in procinto di cessare le poche attività in essere, hanno osannato la performance di Andrea Di Caprio e si sono accodati plaudenti al Grande Gatsby. Un pifferaio che di magico ha fatto solo il suo..Borgo. 

mercoledì 8 agosto 2018

CS Il Palloncino Rosso

 RIUTILIZZASI COLONIA BOLOGNESE presenta NOVENSEMBLE in “MUSICHE IN PARALLELO.
 Da Mozart a Michael Jackson” Ore 21. Colonia Bolognese, Via Principe di Piemonte, 62 (adiacente Rimini Terme) Rimini, 8 agosto 2018 – “Musiche in Parallelo, da Mozart a Michael Jackson” è il titolo del Concerto di Novensemble/Orchestra Senza Spine di Bologna che si svolgerà Venerdì 10 agosto a Miramare di Rimini. A far da cornice al concerto, sarà la bellissima e suggestiva Colonia Bolognese che dal 21 giugno ospita il progetto di riuso temporaneo “Riutilizzasi Colonia Bolognese”. Dopo le lezioni di Yoga e Pilates, gli shooting fotografici, le serate di cinema all’aperto e il concerto di musica brasiliana di Barbara Casini, l’Associazione Il Palloncino Rosso porta alla Colonia Bolognese una delle orchestre più giovani e innovative che arriva a Rimini con un originale concerto contente vari generi musicali. Sotto le stelle, a pochi passi dal mare si potranno ascoltare i più bei brani tratti dalle colonne sonore dei grandi maestri come Nino Rota ed Ennio Moricone, ma anche i “classici” fino alle canzoni di Michael Jackson. Un concerto dove si contaminano brani di musica classica, popolare, pop, rock, colonne sonore, trasformandosi uno nell’altro, in un gioco fra strumenti musicali e pubblico. L’allestimento della serata sarà a cura della GRABO Ballons di Coriano. Novensemble si pone come obbiettivo quello di spaziare nei diversi generi musicali, mantenendo come base solida un organico che, batteria a parte, resta quello composto da strumenti “classici”, quali il violino, la viola, il violoncello, il contrabbasso, l’arpa e, nella sezione dei fiati, oboe, flauto traverso e clarinetto. La presenza della cantante rende questo gruppo più completo e aperto ai diversi generi. Novensemble sono: Daniele Negrini, Violino e direttore - Rebecca Dallolio, Violino - Giuseppe Donnici, Viola - Jacopo Paglia, Violoncello - Paolo Molinari, Contrabbasso - Annamaria di Lauro, Flauto Traverso - Enrico Paolucci, Oboe - Simone Santi, Percussioni e Batteria - Eva Macaggi, Voce So lista. Perché Riutilizzasi Colonia Bolognese ha scelto Novensemble/Orchestra Senza Spine? “Non è un caso che la nostra scelta sia caduta su questa Orchestra – spiega il presidente dell’Associazione Il Palloncino Rosso, Luca Zamagni – Novensemble, è una costola dell’Orchestra Senzaspine che ha trovato la sua casa ne Il mercato suonato, a Bologna. Si tratta di un centro polifunzionale e un luogo d’incontro dove condividere la cultura in tutte le sue forme. Mercato Sonato è un progetto di rigenerazione di uno spazio pubblico per dare una nuova centralità urbana alla musica classica e ai giovani. Noi, a Rimini abbiamo lanciato il primo progetto di riuso partecipato di uno spazio, la Colonia Bolognese, per ridare dignità a un luogo che fino a tre mesi fa era conosciuto solo per il degrado e l’abbandono in cui versa. Portare a Rimini, in un luogo che vogliamo rigenerato, una orchestra nata proprio in un luogo già rigenerato grazie alla cultura, è un messaggio che vogliamo lanciare al nostro territorio attraverso una serata di musica”. L’ingresso è libero. “RIUTILIZZASI COLONIA BOLOGNESE 2018” è un progetto ideato e curato dall’Associazione di Promozione Sociale Il Palloncino Rosso reso possibile dalla Curatela Fallimento CMV (Curatori fallimentari Rag. Ettore Trippitelli e Dott. Fabrizio Tentoni) con il patrocinio del Comune di Rimini ed in collaborazione con Festival Le Città Visibili, Riminiterme S.p.A., Ristobar Oasi del Mare s.r.l, Spiaggia 151 Gustavo Vergoni, Aereonautica Militare 15° Stormo, Pro loco Miramare da Amare e Sputnik Cinematografica.
 Per informazioni: IL PALLONCINO ROSSO Ufficio Stampa (3351386454)

E se piove?

Auguro a turisti ed imprenditori (?) che continui l'estate calda ed assolata. Ricordo stagioni finite anticipatamente a dispetto del Meteo Rinaldis. Meglio dirlo piano, per non fare rumore, che il "tempo" è sempre stato decisivo nel prodotto turistico, anche quando, fino a venti anni fa, le prenotazioni, si facevano in inverno. Oggi avvengono in diretta, il posto c'è ..sempre a Rimini. Eppure l'industria del turismo italiano non ha mai goduto di aumenti performanti come in questi anni. La presidente degli albergatori gnassiani ha ragione, siamo il paese più immune dagli attentati, ma non la città più sicura, anzi. Il regime spande fandonie, basterebbe ingaggiare qualche ardita ragazza come esca passeggiante sul lungomare di notte, verrebbe fuori un servizio da incubo. Non parlo nemmeno della spiaggia, usata ormai come scenografico horror. Il fatto che non siamo i soli, può soddisfare i due giornali superstiti e poi c'è sempre il "male" riccionese cui ricorrere. Il più accanito "trollista" è diventato Daniele Imola. Sembra che il comune lo abbiano rubato a lui. L'inesistente sicurezza non è il solo male che affligge il nostro turismo, si sta riaccendendo un dibattito del ca..sulle acque di balneazione. Una goletta di sicura opposizione, testa il Marano, mentre il Marecchia sversa acqua bevibile. Sono sicuro che sull'Ausa stia montando un "pastrocchio" che la prossima sindaca (leghista) dovrà dipanare. Il Belvedere sembra il casello autostradale che vogliono fare per la Fiera, dopo però che avete sottoscritto (tutte) le azioni vendute con il consenso di Gnassi. Struttura assurda a partire dalle rampe di.,.lancio. La mobilità, cosa seria e malridotta, l'hanno appaltata in cinese, tutti in bicicletta. Mi fermo. Gerarchizzazione del traffico, flussi, servizi, merci, fino ad arrivare ai tre segmenti importanti del turismo: ricettivo, commercio e spiaggia? Nel primo caso potremmo scoprire che tantissime strutture sono in affitto a soggetti che con Rimini, intesa come origine, ma soprattutto cultura, non c'azzeccano niente. Anche la nostra eccellenza gestionale finirà come i negozi...bengalesi. La spiaggia viste le prerogative, storicamente favorevoli, è ancora in mano ai riminesi. Tralascio le solite manfrine e la corsa inspiegabile all'adulazione di una delle categorie meno numerose, tutto è fermo agli anni 60, la cartolina dell'immobilismo speculativo. Strutture inventate, non per tutti, come i chiringuitos, trasformati con la benedizione sindacale, in bar e ristoranti..invisibili. Più facile multare, per un cestino della carta, il commerciante. Se lo fai chiudere ti ringrazia.  Questa è Rimini.. Dottor Barboni!! La tua richiesta di rinnovo delle concessioni demaniali per (altri) dieci anni non è opera originale. Prima di te ci hanno provato tutti. Volete diventare una credibile alternativa solo perchè affermate di essere nuovi? Vi comportate come gli antichi democristiani ed avvallate le peggiori scelte politiche di questi anni. Passata la sbornia i cittadini vorranno vedervi in faccia. Presentate la..Taverna?

PS Per avere notizie della Sarti a chi devi rivolgerti?

CS Gatteo

 In attesa della “Notte delle Stelle” a Gatteo si susseguono tanti appuntamenti per celebrare la festa di San Lorenzo, patrono di Gatteo, che si chiuderà venerdì 10 agosto con un super ospite: Luca Barbarossa. Il tradizionale appuntamento con la festa dedicata al Patrono di Gatteo: San Lorenzo si svolgerà in piazza Vesi e in tutto il centro storico. Tanti gli artisti presenti e i momenti di intrattenimento di questa due giorni. Si parte giovedì 9 agosto alle 21 con lo spettacolo comico di Duilio Pizzocchi. Con i suoi personaggi e le sue divertenti barzellette, Pizzocchi, conosciuto al grande pubblico per aver inventato insieme a Giacobazzi il “Costipanzo show” e per essere stato spesso ospite di Zelig, aprirà la serata con il suo esilarante spettacolo di Cabaret. Subito dopo saliranno sul palco i Pop Deluxe, band a 360° che si esibisce con brani che spaziano dal Pop Soul, al Revival ‘70-’80 fino alla Pop Dance grazie alla duttilità dei musicisti. Sono la grande energia oltre che la presenza e simpatia di Cristina Di Pietro, conosciuta al grande pubblico per la sua partecipazione ad una delle edizioni di “The Voice”, a rendere i Pop Deluxe un gruppo tutto da ascoltare e vedere dal vivo. Luca Barbarossa in Concerto Grande finale venerdì 10 agosto, nella notte delle stelle, con il Concerto di Luca Barbarossa che si svolgerà in piazza Vesi. Il Cantautore romano porta sul palco di Gatteo “Roma è de tutti” non un semplice concerto ma un vero e proprio spettacolo. Roma è de tutti è un insieme di storie di quartiere, nella lingua parlata per le strade e nelle case della Capitale. Questi racconti di vita quotidiana – ironici, drammatici, sentimentali – sono i protagonisti di questo spettacolo che Luca Barbarossa sta portando tra la gente grazie ad un fortunato tour. Ogni volta che Barbarossa sale su un palco, porta con sé un intero mondo: dagli echi dei suoi esordi come musicista di strada a metà degli anni Settanta al successo popolare degli anni Ottanta e Novanta, dalle indubbie doti autorali (ha scritto canzoni per Mannoia, Pavarotti, Morandi e Turci) all’affabilità quando veste i panni dell’intrattenitore ironico, empatico e attento, elemento fondamentale in tante conduzioni. “Abbiamo voluto proseguire il percorso intrapreso ormai da tempo e far si che la festa Patronale sia una festa dell’intera comunità – spiega l’assessore alla cultura Stefania Bolognesi – Gli spettacoli e gli intrattenimenti in programma sono pensati per coinvolgere e divertire un pubblico variegato e di tutte le età, senza tralasciare momenti di approfondimento culturale. Ci fa inoltre molto piacere ospitare un artista del calibro di Luca Barbarossa, che fa parte a tutti gli effetti della storia della musica italiana. Questo spettacolo è un viaggio attraverso le radici della musica popolare e Barbarossa racconta storie di gente come noi: piccole comunità. Storie che sono patrimonio di tutti”. La mostra San Lorenzo per Gatteo è anche cultura. In biblioteca è già allestita, e visitabile tutti i giorni, la mostra “Impronte nel Tempo” del pittore Guerrino Siroli che ha realizzato opere d’arte utilizzando vari materiali. La mostra può essere visitata nei giorni e orari di apertura della biblioteca e dalle ore 20 alle ore 23, nei giorni 9 e 10 Agosto 2018. La festa del Patrono Nel giorno dedicato al Patrono San Lorenzo, venerdì, la Santa Messa verrà celebrata alle 20 alla chiesa parrocchiale dal Vescovo monsignor Douglas Regattieri, mentre fin dalle 19 le due piazze centrali ospiteranno il mercatino dei bambini. La serata terminerà con il coloratissimo spettacolo dei fuochi d’artificio. Ogni sera funzioneranno gli stand gastronomici e sarà allestita un’area espositiva a cura delle associazioni del territorio. Per l’occasione sarà disponibile un Bus gratuito da Gatteo Mare (Viale Europa) previa prenotazione (tel. 0547 86083) Ingresso libero a tutti gli spettacoli, info Biblioteca 0541 932377 – Urp 0541 935521 PROGRAMMA DI SAN LORENZO _ Comune di Gatteo Giovedì 9 agosto Dalle ore 21.15 - Piazza Vesi DUILIO PIZZOCCHI Varietà comico e POP DELUXE International pop hits Venerdì 10 agosto Ore 20.00 – Piazza Fracassi-Poggi SANTA MESSA con la presenza del Vescovo S.E. Douglas Regattieri Ore 21.30 – Piazza Vesi LUCA BARBAROSSA Concerto "Roma è de tutti" Al termine FUOCHI ARTIFICIALI SAN LORENZO DEI BAMBINI Giovedì 9 agosto Ore 20.30 – Centro storico CACCIA AL TESORO Per info e iscrizioni: 338 5957104 Ore 20.45 – Giardini Biblioteca Comunale LA MIRABOLANTE STORIA DI FAGIOLINO Spettacolo di burattini tradizionali a cura della compagnia Teatro del Drago / Famiglia d'arte Monticelli (dai 3 anni) Venerdì 10 agosto Ore 20.45 – Giardini Biblioteca Comunale SPUTNIK & LAIKA Spettacolo di marionette a cura della compagnia All'Incirco (dai 3 anni) 9-10 agosto Dalle ore 19.00 – Piazza Vesi e Fracassi-Poggi MERCATINO DEI BAMBINI SAN LORENZO E’ ANCHE… LE VISITE GUIDATE: Giovedì 9 ore 23.30 e venerdì 10 ore 20.30 - Visita ai monumenti e alle mostre del centro storico con passeggiata sulle mura del castello malatestiano a cura dell'Associazione Italia Nostra. Prenotazione obbligatoria presso Ufficio IAT 0547 86083 e Biblioteca 0541 932377 LE MOSTRE: Dal 28 luglio negli orari di apertura della biblioteca - 9 e 10 agosto dalle ore 20.00 alle 23.00 - Biblioteca comunale IMPRONTE DEL TEMPO Dipinti di Guerrino Siroli Dal 7 al 10 agosto dalle ore 20.30 alle 23.30. Sabato 11 e domenica 12 su prenotazione (cell. 333 6822695) - Oratorio di San Rocco LA BELLEZZA DELL'AMORE - Piccolo percorso sull'affettività. Mostra a cura dell'Ass.ne VAR ragazzi Giovedì 9 agosto Dalle ore 18.00 alle 19.00 - Campo sportivo CORSO DI HATHA YOGA a cura dell'Associazione "CIRCOLO CHAKRA" Partecipazione libera ED INOLTRE TUTTE LE SERE: Dalle ore 19.00 - Piazza Vesi e Fracassi-Poggi, Parrocchia di San Lorenzo Stand gastronomici, area espositiva delle associazioni del territorio 9 e 10 agosto: BUS GRATUITO DA GATTEO MARE (viale Europa) Per info, orari e prenotazioni: UFFICIO IAT - tel. 0547 86083 Ingresso libero, ad eccezione degli stand gastronomici · quando: inizio: giovedì 09 agosto 2018 fine: venerdì 10 agosto 2018 · telefono: 0541 932377 · e-mail: biblioteca@comune.gatteo.fo.it 
 Ufficio Stampa Laura Ravasio – Nuova Comunicazione cell. 348 9330574 – email ravasio@nuovacomunicazione.com www.nuovacomunicazione.com https://www.facebook.com/NuovacomunicazioneRimini/ -- Laura Maria Elena Ravasio cell. 348.9330574 e-mail ravasio@nuovacomunicazione.com consulta le ultime news su www.nuovacomunicazione.com 

Un Cavallo di Battaglia

Un mio cavallo di battaglia che ripropongo per il lettore che voglia seguirmi leggendo oltre le apparenze, la mia tesi sui lavori in zona Ponte Tiberio di questa Giunta, illuminata da recenti sviluppi. Ebbene: piú che una passerella sembra un ponte quello realizzato fra le due sponde dell'ex alveo foce Marecchia, una struttura grossa, ci potrebbero passare bici e ci passeranno credo. Una struttura che non è stata ancora collaudata e che ha cannato per ragioni che non si conoscono ma dicono burocratiche l'inaugurazione del 21 luglio. Vedremo se sono ragioni di lentezza burocratica o c'è qualcosa di piú sul collocare una simile struttura "monstre"; non un semplice passaggio pedonale come si diceva ma una diga al deflusso delle acque e che deve fare i conti con le maree, come osservato dal consigliere Gioenzo Renzi che ha sempre osteggiato questo assurdo onerosissimo progetto che tra l'altro "violenta" un paesaggio storico urbano stratificato nei secoli, come fanno poi la "Piazza sull'acqua" e il ballatoio nei pressi della storica vestigia del Ponte; e tutto per cosa? Perché mai questa ormai quinquennale e oltre ossessione di interessarsi a quell'area come fosse l'Ombelico di Rimini? Concretamente a ben vedere con la passerella-ponte e la piazza sull'acqua sono stati triplicati gli accessi al borgo S. Giuliano, prima costituiti dal solo Ponte Tiberio (tra l’altro esiste uno studio in cui le passerelle erano addirittura due!). Ora esso è piú "vicino" al centro e quasi parte di esso: non potendo fare una colata di cemento sull'alveo per “annettere a centro il borgo, evidentemente altrimenti arrivano i Beni Culturali e… ti impiccano, si è ricorso a questi pazzeschi stratagemmi adducendo motivazioni pretestuose su cui nessuno o quasi del nutrito parterre degli storici o pseudostorici locali riminesi che dipendono dal Comune o dal Pd o da ambedue, ha avuto nulla da ridire. Ora l'antico ponte che tutta questa bellezza non è ai miei occhi almeno, ma aveva una sua dignità e ovviamente è tutelato, detta blasonata vestigia si trova in un contesto totalmente mutato, ossia lo stesso trattamento da luna park che ha avuto la Rocca. Ma non sarebbe questo ma piuttosto l'idea folle di iper-collegare il Borgo sia al centro, sia alla zona mare (non è dietrologia basta guardare una pianta della zona come era e come è ora) con la ciclabile su Dx del Porto, strada già pericolosa prima (2 morti causa restringimento carreggiata 2016 e 2017, per ora...) per i turisti, che lasciati al loro destino diciamo andrebbero verso Tre Martiri, Cavour, Arco (zona oggi dove non ne vedi più). Ma li si prende per mano nella zona dove circolano quelli stranieri russi e non con le banconote da 500€ Grand Hotel e limitrofi, e si serve loro Il Borgo da strafogarsi e svuotare il portafogli. Pochi hanno colto questo aspetto che è centrale e fine ultimo di queste opere inguardabili a mio parere (mettere, collocare, strutture effimere o sgraziate in metallo, cemento, legno nei pressi di un monumento in pietra d’Istria, farne un fenomeno da baraccone come altri ha osservato). O sia il “travaso” di turisti dal centro e dal mare al borgo S. Giuliano, il resto che si racconta le visuali etc. sono puttanate per gonzi. Come già detto la stessa Piazza sull'acqua altro non è che una ciclabile larga e breve per rendere piú comoda detta "transumanza" turistica. E la cosa più strana in tutta questa dietrologia di cui faccio esercizio e che per quanto mi scervelli non riesco a trovare un trait d’union fra questa Giunta e il Borgo, una ragione, un motivo che giustifichi tante attenzioni. Ma passerà poi il collaudo l'assurdo ponte di legno spacciato per passerella in mezzo a due ponti? Io non ci giurerei: come si dice, il diavolo fa le pentole...
 M. A.

martedì 7 agosto 2018

Giochi Pericolosi

E' facile addossare al governo gialloverde la colpa della "proroga" dell''autocertificazione, contenuta in un Decreto che di Proroghe ne permette..Mille. Non m'interessa stabilire chi è più cretino. Fino a quando la politica renziana o del cosiddetto cambiamento, da me votata, gioca con le solite pugnettine all'italiana, i pericoli sono quelli che corriamo da sempre, ma se arrivano a scommettere, per qualche voto o senatore in più, sulla salute dei bambini o nipoti, personalmente e spero di non essere solo con Morollino, diventato una star, li mando a fan... Il nuovo vaccino politico di maggioranza, un misto ideologico di stregoneria, pericolosità, velleitarismo e furbizia da cinque lire, viene usato in un gara per aggiudicarsi anche un cinque per cento di popolazione, renitente ai vaccini. Un paese quasi normale non avrebbe permesso una caduta così in basso della politica. Il Pd, dalle mille colpe prorogate, ha compiuto, forse costretto dalle poche menti libere di questa nazione, un unico lodevole atto: l'obbligo delle vaccinazioni, se vuoi andare a scuola. Perchè i miei nipoti regolarmente vaccinati contro tutti e tutto, devono vedersi sorpassare nelle pubbliche graduatorie da prossimi elettori di Croatti? Perchè Salvini da me personalmente considerato, dopo Cagnoni, il migliore politico, si presta a queste pantomime? Possibile che la cultura del nostro Paese sia caduta così in basso? Gli obbedienti (per una volta) alle regole sanitarie vengono scambiati per deficienti, non sanno che pericolo corrono i loro figli e..nipoti. Non minacciatemi di morire affogato, non sono così importante e poi è l'ultima paura della mia vita. Il Dottor Burioni dice quello che la scienza medica, al netto dell'Ordine degli Stregoni, pubblica da sempre. Volete fare un referendum per la Tav ormai finita, mentre il Trc viene allungato alla Fiera di ..Marzotto, segnando un'altra pericolosa iniziativa dopo il..Palas dei Debiti e non profferite parola su un tema che colpisce i nostri/vostri figli? Si fanno forti con i vaccini degli altri, dopo che abbiamo debellato (forse) mortali epidemie. Mi dispiace, ho amici che la pensano diversamente, sono giovani e quasi tutti di indole pentastellata. L'ìngresso dell'invenzione di Grillo nel panorama italiano ha inculcato volutamente mille dubbi: il passo dalle scie chimiche, ai pericolosi vaccini è stato facile e frutto dello stesso disegno. Come definire l'invenzione di Beppe? Non è neanche un movimento, ma un'amalgama di odio, livore, presunzione, stupidità, misconoscenze condite con ataviche supponenze. Solo il Pd poteva permettere la crescita smisurata di questo ..antidoto. Gli stupidi sono gli altri. Hanno ragione, io ho (solo) la colpa di averli votati, resisto e non affogo.

Goletta Verde

Per carità c'è bisogno come mai oggi di tutela e sensibilità ambientale, eppure Goletta Verde nei suoi risultati che danno la foce del Marano inquinatissima da ben otto anni, viene sconfessata dall'assessore all'ambiente di Riccione. Lui dichiara che le analisi arpae e ausl dei 4 giorni precedenti davano parametri ok, dunque non si comprende chi sbaglia o chi ci prenda. Da dire anche che pur considerando questa iniziativa ambientalista oggi utilissima quanto meno sotto il profilo della sensibilizzazione, personalmente trovo metodologicamente errato che puntualmente ogni anno, da anni, detto bastimento green si faccia i prelievi in bassa stagione nel Tirreno partendo da Chiavari per poi passare in alta stagione in Adriatico ed essere puntualmente sotto Ferragosto, quando il carico antropico è massimo, nel riminese. Comunque sia sono sincero quando dico che bagnandomi in passato non lontano dal Marano non ho mai avuto percezione di inquinamento come ho ed ho avuto per esempio in alcuni punti di acqua stagnante per scogliere a Rimini nord, o alcune località in Romagna fuori comune e fuori provincia ove ti viene immediato di andare alla doccia, dopo essere uscito dall'acqua. Ma queste sono impressioni personali a-scientifiche. Certo Goletta Verde non fa prelievi in prossimità di scogliere e l'acqua ristagna. E se partisse a giugno da Riccione e si trovasse ad agosto ad Ostia penso avremmo altri risultati, comunque tanto di cappello a questi benemeriti che mentre la gente comune lavora e si fa una settimana al mare a Zadina col canotto, loro sentinelle verdi si fanno un mazzo tanto a veleggiare da giugno a settembre nel Mediterraneo e totalmente gratis! 
A.S.

Premesso

Premesso che non mi sono mai interessato molto alla cosa, pur essendo come riminese, in modo virtuale, "azionista" della Fiera, vorrei dire due parole, come parlare al bar, del tipo "oh bella gioia hai mica sentito che la Fiera chiede sghei al Mercato!? Chissà come risponderà...". Ecco per me del bar sport, quotarsi è una stronzata. Inizialmente si disse per ridurre drasticamente il mutuo con Unicredit per il Palas, ora si dice per investimenti. A vendere è soprattutto il Comune e colloca in borsa un pacchetto azionario ingente perdendo la quota di maggioranza assoluta, incamerando decine di milioni (quelli spesi per le poltroncine del Galli, per la pietra alberese, per l'acciaio corden, per la passerella, per i grifoni dorati da 5000 euro l'uno?) che evidentemente non torneranno perché è improbabile che un domani il Comune abbia soldi per comprare azioni proprie di IEG. Intanto a Vicenza contentissimi non sono. Né è contento il consigliere monarc... pardon "sovranista" Gennaro Mauro che dovrebbe spiegare perché egli ritiene che questa operazione abbia paternità bolognese, una cosa che sarebbe preoccupante se vera. Ci si quota con una capitalizzazione che è lo 0,0... esempio di quella di... Amazon (!), nel segmento dei piccolini, come si dice ad altissima volatilità, quelli che quando ci sono turbolenze nei mercati possono perdere in un giorno il 20% del valore, quelli che basta un soggetto con qualche milione e finalità speculative o altre per muovere di molti punti il titolo etc. La Fiera è strategica più che altro per riempire gli alberghi, non perché sia un titolo col quale ti arricchisci. Quindi come è stato osservato, perderne il controllo pur con alcune garanzie, per me non è una scelta saggia. Tanto è vero che le uniche fiere quotate sono Milano, che essendo sede di Borsa Italiana sono fissati e si quotano anche i ferramenta, e Basilea. Questa cosa dovrebbe far riflettere: perché gli altri non lo fanno? Cosa temono? Inoltre ci sono gruppi molto più grossi di IEG riminesi che avrebbero i numeri per quotarsi ma che dalla borsa stanno alla larga, non hanno necessità, anzi. Se qualcuno comincia a comprare azioni di IEG, cosa accade dopo e chi potrebbe essere questo qualcuno e con quali fini?? Solo suggestioni, cederei la parola a chi più competente e informato, ma non vorremmo che con questa privatizzazione si passasse da 10 a 2 come accaduto per ora, speriamo meglio nel futuro, con l'aeroporto, perché il giro quello è, a occhio e croce e dar retta a Mauro.
 PS Mauro deve sbottonarsi, la sua affermazione è vaga e sibillina
(in foto in primo piano il consigliere Gennaro Mauro). 
Lucaenea FintoPesce

lunedì 6 agosto 2018

CS Demo Tour Duotone

COMUNICATO STAMPA per conto di "SURF PARADISE" Riccione Domani Martedì 7 Agosto 2018 il negozio "Surf Paradise" con sede a Riccione in Viale Cimarosa, 14, organizza presso il "VELA CLUB MARANO RICCIONE" Zona Spiaggia 140 il Demo Tour DUOTONE 2018 con la partecipazione straordinaria del pluricampione del mondo di kitesurf AIRTON COZZOLINO, della vice campionessa mondiale FRANCESCA BAGNOLI e del campione italiano GIANMARIA COCCOLUTO. Vi aspettiamo per provare insieme i migliori materiali di questa disciplina. Ringraziandovi per l'attenzione l'occasione ci è gradita per porgervi cordiali saluti, Alfredo Grassi Surf Paradise Riccione Cell. 333 8879976

CS Gatteo Mare

ANCORA MUSICA E ALLEGRIA A GATTEO MARE CON LA SETTIMANA DELLA SINGOLAR TENZONE Dalla sorpresa di mercoledì 8 agosto con i balli in Piazza della Libertà al concerto all’alba di venerdì 10 agosto con Denis Zardi Si balla tutti i giorni: mercoledì con i Caiman e gran finale con la febbre del sabato sera insieme alla New Dance Club Gatteo, 06 Agosto 2018 – La musica a Gatteo non si ferma mai! Tante le iniziative nell’ambito della settimana della Singolar Tenzone. A partire da domani, martedì 7 agosto, con lo spettacolo itinerante con archi dell’Orchestra Archimossi che prenderà il via alle 21.00 dal viale delle Nazioni a Gatteo Mare per le vie del paese. La serata prosegue alle 21.30 con Moreno il Biondo & Friends scaldando il pubblico con la note delle più belle musiche romagnole – ma non solo - a Villamarina. Ritmo e balli latini con i Caiman in programma per l’8 agosto in piazza Romagna Mia. La formazione romagnolo-argentina ritorna a Gatteo a Mare per scaldare il pubblico grazie ai ritmi calienti tipici della musica latino americana come salsa cubana e portoricana, merengue, bachata, cumbia, cuarteto, salsaton e reggaeton. La band nasce in Argentina nel 1985 proponendo il sound, i colori e la forza trascinante dei ritmi latini, per poi proporsi sei anni dopo al pubblico italiano con un repertorio sempre più ritmato e ballabile per una media di circa 160 concerti l’anno in discoteche, piazze e feste. Mercoledì in Piazza della Libertà, serata davvero speciale con i balli liscio e di gruppo con l’animazione del Gatteo Mare Summer Village. Nel viale delle Nazioni giovedì 9 ancora musica itinerante con Music-Car. E dopo tanto ritmo incalzante, torna venerdì 10 agosto, il suggestivo concerto all’alba. Si prevede un’emozionante esibizione di Denis Zardi con un concerto di pianoforte classico. Zardi annovera tra le sue composizioni, 24 preludi e le tre sonate per pianoforte, la Suite per pianoforte a quattro mani, il Trio per violino, violoncello e pianoforte, “Baroccontemporaneo” per violino e clavicembalo. Come solista ha vinto oltre 20 primi premi in Concorsi Nazionali e Internazionali distinguendosi per le esecuzioni di Schumann, Liszt e Rachmaninoff. La settimana si conclude sabato 11 agosto con Saturday Night Fever e lo spettacolo della scuola di ballo News Dance Club e una divertente “febbre del sabato sera”, sempre in piazza della Libertà dalle 21.30. Per informazioni: Ufficio Iat Piazza della Libertà 10, 47043 Gatteo a Mare (FC) tel 0547 86083 E-mail: iat@comune.gatteo.fc.it Ufficio Stampa Laura Ravasio – Nuova Comunicazione cell. 348 9330574 – email ravasio@nuovacomunicazione.com www.nuovacomunicazione.com https://www.facebook.com/NuovacomunicazioneRimini/

CS Hera

Hera incontra i cittadini a Spadarolo e Santa Giustina La nuova raccolta stradale nel forese, Hera incontra i cittadini Martedì 7 e Mercoledì 8 agosto due appuntamenti a Spadarolo e Santa Giustina per ricevere informazioni e ritirare la Carta Smeraldo Per fare il punto sulla nuova raccolta stradale nella zona forese di Rimini, Hera organizza alcuni appuntamenti per incontrare gli utenti a Spadarolo e Santa Giustina. 

Laura Maria Elena Ravasio cell. 348.9330574 e-mail ravasio@nuovacomunicazione.com consulta le ultime news su www.nuovacomunicazione.com

Fate finta di niente

Il sub-potere riminese si è accorto che la spiaggia è semivuota, gli ordini calano, e..udite, udite, andrebbe ripensata la nostra offerta turistica. Qualcuno sta pensando perfino di ingaggiare, per la prossima stagione, una jhiad di finti terroristi, a buon prezzo, che seminino (solo) paura in Egitto e Tunisia, così tutti prenotano a Riccione. Ognuno ha il governo (locale) e le rappresentanze che si merita, noi ce l'abbiamo fatta. Questo ho letto ieri sul Carlino. Era meglio se facevate finta di niente. E' una stagione come le altre, una decina di giorni ed è finita. La stupida domanda mi spinge a chiedere dove avete vissuto in questi anni. La crisi turistica è una componente di quella terribile che ci attanaglia da troppo tempo. Solo le finestre giornalistiche hanno l'ordine di fare finta di niente, una festa e passa. Almeno 15 anni di ininterrotto calo di presenze e ricavi, quello che veniva definito turismo di massa, non esiste più da un pezzo. Manca la massa. Solo pochi alberghi, definibili tali, legati alle mostre o avvenimenti fieristici, in attesa di quelli congressuali, dopo la collocazione in borsa, hanno resistito. E' sbagliato osservare il nostro prodotto dalla coda. Non siamo più competitivi da anni, l'offerta più attraente che abbiamo è la spiaggia, unica in europa. Possedere un albergo oggi è un calvario imprenditoriale e finanziario. Sei costretto ad abbassare prezzi e servizio, una duplice tragedia. L'eccellenza che ci caratterizza, rendendoci esclusivi, sarebbe la gestione del nostro arenile. La lasciamo ancora in mani medievali. Però Croatti e la Raffaelli sono i più presenti in Parlamento, 

domenica 5 agosto 2018

I Veri Migranti

Terminato il lancio di uova fresche di presunto razzismo, sembra che l'attenzione si sposti sul versante più serio e veritiero: in meno di 15 anni, quasi due milioni di cittadini italiani sudisti, sono emigrati all'estero. Al nord sembra meno, ma con una continuità crescente. Non avevano apprezzato il Job'S Act, non si accontentavano degli 80 euro del bulletto ed hanno preferito scegliere mezzi di trasporto normali, senza trasbordi sulle Ong del regime. Un rapporto Svimez che cancella tutte le bugie e pagliacciate statistiche, proiettando la verità su un Paese in forte difficoltà.  Per i gaudenti piddini rimasti asserragliati nella fortezza regionale di via Moro a Bologna, il turismo veleggia. Solo qualche vecchio bagnino e perfino albergatori non facenti parte della cordata gnassiana, riescono a vedere che non c'è (quasi) nessuno. Lungomari deserti, buchi negli ombrelloni, solo nel fine settimana gli indigeni fanno sembrare la nostra spiaggia la pallida cartolina di una volta. Oltre 200 mila laureati ed 1 milione e 883 mila persone, in soli 16 anni, di cui 900mila giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni, sono migrate in silenzio. E ancora: 580mila posti di lavoro persi per chi ha dai 15 ai 34 anni, nel decennio tra il 2008 e il 2017, pari a un tasso di occupazione giovanile del 28,5%, con quasi tre giovani su quattro senza lavoro. Ecco i migranti di cui dovremmo preoccuparci, la vera emergenza di questo Paese. Quella dei giovani che scappano dal Mezzogiorno, come dal Pd, alla ricerca di un futuro, che è ovunque tranne che in quel pezzo d’Italia, sempre più povero, sempre più disgraziato. Una emergenza che ci coinvolge al momento della lettura, poi le uova (piddine) lanciate alla discobola prendono il sopravvento. I sovranisti aspettano (pochissimo) che qualche clandestino commetta il reato quotidiano e ..Francesco lanci la solita litania sui poveri. Lo strabismo curiale li identifica sempre con gli stranieri sbarcati, non vedono la guerra tra disgraziati italiani. L'incazzatura globale dei cittadini aumenta quando nelle graduatorie sociali sono superati da Rom e Sinti dotati di splendide casette. Se non ti vaccini puoi andare all'asilo. Un'altra grande cazzata pentastellata. Vergogna sanitaria ed una presa per il cu..ai genitori obbedienti. 
PS Il vero Grillo faceva il comico di mestiere