domenica 13 ottobre 2019

Orogel

Rivolgo con piacere i complimenti a questa azienda. Un esempio di come si possa collegare economia ed ambiente, in presenza di fatturati da multinazionale. Ho  visto i mezzi Orogel che andavano a metano, con l'intenzione a breve di utilizzare il bio-metano di loro produzione, per abbassare tutti i tipi di inquinamento del 95%. Mi sono chiesto perche invece di blaterare come le gretine non imitate questa semplice innovazione? Mi riferisco alle pubbliche amministrazioni, in particolare la nostra, specialista nei cartelli inneggianti il Principe ma pieni di stupidi slogan, usando opere famose. Un bel dì vedremo..Gnassi fuori dal Palazzo? Hera la multinazionale regionale, pronta per tutto, con le mille cooperative, usa mezzi alle volte da museo. La Start? Nei bandi di assegnazione occorre inserire questi vincoli. Creare incentivi per aziende e consorzi. Sarebbe un confortante inizio mettere mano ad un settore, quello del trasporto pesante, che tutti sembrano ignorare. I camions elettrici per noi non esistono. Smettete anche con la farsa del Metromare. Cosa sbandierate dopo 27 anni di avere finalmente un certificato grazie a Santi? Voglio leggere il primo bilancio del mostro su pista protetta dal..Pd.

Dura Lex Sed Lex?

Ho letto il grido di dolore del titolare dello Squero, prossimo locale sul Porto che potrebbe chiudere. Uso il condizionale per scaramanzia, anche se nell'articolo viene dato per certo. Quello che emerge è il senso di ingiustizia espresso in modo drammatico, difficile spiegare le ragioni. Da quando (2005) mi sono correttamente pensionato dalla politica locale, sono diventato un frequentatore (mattutino) dell'area. Uno dei posti più belli della Città, nonostante gli interventi che ogni tanto inventano. Non ricordo nei miei 3/4 di secolo vissuti un ristorante diverso da quello di oggi. Se poi dietro c'è il solito rifiuto della sovrintendenza alla richiesta di condono avanzata 30 anni fa, mi fermo. Non capisco la decimazione o meglio la violenta rottamazione. Sono curioso di sapere se avviene dopo il parere negativo della commissione (sic) ambientale del Comune. Un apparato che trovo discutibile, in quanto agisce secondo logiche più vicine al mi piace o no. Parliamo di impatto ambientale vicino ad una ruota alta cinquanta metri? Mentre la tettoia non supera i due? Come mai non giungono notizie di comportamenti simili in altri territori? Non lancio accuse sempre in virtù di una timida esperienza nell'amministrare il settore in momenti in cui rilasciavamo 2000 licenze mensili. Secondo le gretine che urlano a comando del Principe, c'è da vergognarsi. Andate a fare una nuotata nell'Aquarena. Ci sarebbero anche una trentina di consiglieri. Quelli di maggioranza balneare e civica hanno l'ordine di non parlare, gli altri sarebbero occasionalmente all'opposizione. Non vi esorto più all'incatenamento ma almeno una veloce discussione, invitando il Sindaco a presentarsi, compiendo il suo dovere di primo consigliere.

sabato 12 ottobre 2019

L'Isola delle Rose

L'Isola dell'ingegner Rosa, viene magnificata non per l'opera in sè, ben poca cosa ed inesistente nei presupposti normativi, ma realizzata in base alle norme delle piattaforne continentali. Non c'era Casaleggio. Rappresentava però una delle sfide impossibili che avevano reso grande Rimini. C'è un'altra esperienza che nessuno ricorda: il progetto del sindaco Pierani per creare un'isola-porto, presentato alle autorità competenti, come Toninelli. Ho voluto ricordare due esempi per dimostrare quanto i politici di allora sapessero interpretare il futuro. Sono sicuro di avere gettato un sassolino nello stagno. Qualcuno benevolmente dirà che erano altri tempi. Certo anche miei e posso affermare che amministrare era diverso dalle social giunte di adesso. Non si ha più il coraggio di sperimentare. Al massimo mettiamo plastica gonfiabile in mare. Ai gretini contrari o gli ambientalisti del soccorso piddino che sbraitano a comando ricordo che il Principe sta facendo una strage arborea in quel di Viserba per fare (finalmente) un buco dove serve ad..uno. Un'isola fatta con scogli naturali, riempita con materiale recuperato, sarebbe meglio delle altre usate come porti sicuri per il Pd. Il silenzio sulla merda in mare la dice lunga sulla complicità vigente. Un rifugio meraviglioso per le creature marine e per ogni imbarcazione in difficoltà, grazie ai profondi fondali. Un riferimento per i diportisti e un probabile attracco per le navi che stuprano Venezia. Esiste la contropartita economica? Si inizia un rapporto con stato e regione. Progetto di fattibilità a concorso (vero). Concessione eterna come per la spiaggia. 
PS Se non è fattibile vi rimane sempre il Parco del Mare.

venerdì 11 ottobre 2019

Padulli

La faccio breve, i drammi impongono il silenzio. Non sopporto però la mistificazione della realtà. Sembra che il fatto riguardi solo coloro che hanno comprato un appartamento con mutuo da un costruttore che, a sua volta, aveva sborsato milioni per terreni regolarmente (?) edificabili. Alla faccia delle richieste avanzate (a suo tempo) di permettere l'edificazione di appartamenti per i figli. Si doveva costruire dopo avere realizzato una corretta urbanizzazione. Significava la cessione di parte delle aree per parcheggi, strade e servizi. Raccontare che il problema dei Padulli è un costruttore fallito è voluta distorsione dei fatti. Giornalisti andate a vedere la realtà. 
PS  Il Piano Particolareggiato, da me votato, è una vergogna.  

Fiumi di Propaganda

Arriva un sottosegretario alla difesa per dar vita ad uno dei tanti siparietti della prossima campagna regionale. L'interprete principale è la Petitti. Hanno abolito forzatamente le correnti interne, si erano trovati con due civivo in ogni parrocchia piddina. Fanno finta di essere tutti amici, il termine compagni sarebbe ridicolo anche per il misterioso segretario. Se facciamo un concorso chiedendo chi è, scommetto che solo un cittadino su mille, iscritto, lo conosce. Si chiama Sacchetti, ma risponde solo a Gnassi. Il Principe della città esegue un giochetto che gli riesce sempre bene, dopo averlo mandato in anteprima alle finestre prospicienti per la pubblicazione. Il consenso deve passare da lì. Lo può usare anche l'ex nemico Melucci. L'invenzione, in realtà non nuova, si chiama Caserma G.Cesare. Secondo il Sindaco deve essere destinata a magazzino della Polizia e Finanza, Il sottosegretario e l'assessore erano figure arredanti l'incontro. Ha esibito anche una "insolita" sbroccata quando ha accusato i governi precedenti di non avere voluto risolvere il problema della Questura del Gabibbo. Renzi sarà contento di avere passeggiato in bici con un amico di corrente così leale. Lo stile è quello: parla dell'immobile di via Ugo Bassi frutto esclusivo delle scelte del suo partito e di....accusando tutti i governi romani che si sono interessati, fregandosene del fatto che fossero nazareni. Usa però l'antica furbizia di non dire cosa farne. Lo ritengo pericoloso perchè quel manufatto in assenza della destinazione a Questura diventa abusivo. Senza alcun valore. Sarebbe troppo e leggermente illecito, una volta venduto, cambiargli destinazione. Un solo uomo al comando. Ci sarebbe una insolita via, mai percorsa finora: Il consiglio comunale. Strana figura istituzionale, dovrebbe approvare una delibera d'indirizzo, su proposta della giunta (Gnassi) che, usando i due siti potrebbe creare un polo universitario, se Bologna lo permette, di ricerca in materia turistica. Assieme alla Fiera di Cagnoni potremmo ambire  per una volta a diventare leader di qualcosa. Con le invenzioni sindacali si spolpa solo il centro storico, spostando l'asse degli interessi dove vogliono i facilitatori della spesa. Con le sue proposte, se va bene, si fa un "lifting" urbano. Come diceva il tale: è come spostare un malato grave in un salone di bellezza. Muore bello.

giovedì 10 ottobre 2019

Due Parole

Volevo dire due parole di numero sulle manifestazioni di questi giorni alla Fiera e al Palacongressi manifestazioni 360 gradi su tutto ciò che attiene il turismo. Come osserva $Cagnoni$ intervistato ieri in effetti non si può negare che questa manifestazione sia diventata il riferimento italiano per il settore e che IEG, parole di Cagnoni, "vince" sui competitor e s'impone come leader su tutti gli altri, Milano etc. Apro e chiudo parentesi: sono rimasto imbottigliato nel traffico un'ora per percorrere la rotonda della fiera, un'ora d'orologio: prima o poi dovranno affrontare questa cosa ossia che ogni manifestazione paralizza la città. Gli interventi costosissimi di Gnassi sulla viabilità non hanno sortito alcun effetto, il numero di vigili è larghissimamente insufficiente, IEG stesso deve mettere fra le priorità di ogni manifestazine l'enorme criticità che fa pagare alla città dell'afflusso e deflusso dei visitatori e ma non sembra interessarsi della cosa e questo è molto grave! Comunque allora ci vado e passo proprio mentre intervistano Corsini che gestisce (per me) male il Turismo nella Giunta Bonaccini. E dice queste parole che riporto a memoria: "oggi migliaia di persone vengono in Emilia Romagna per vedere come si fa il Parmigiano...". Ora chiccazzo mai può essere interessato a vedere coi propri occhi come si fa il parmigiano parlando di "Turismo"?? Un'affermazione dem...! Una scolaresca di un alberghiero, uno che si nutre di solo parmigiano... uno psicopatico... altro non mi viene in mente. Ma se anche fosse vero: dico: sei in Riviera che con mille problemi fa comunque milioni di presenze ma potrai mai concentrarti su quelli che vengono a vedere a Parma o dovecazzo si fa il parmigiano!? Si insiste inoltre a voler equiparare la scolaresca che va una mattinata in "avatiana" Gita Scolastica a Bologna da Budrio al Turismo della Riviera. E a voler lanciare l'Emilia come meta turistica a portare milioni di persone a vedere come costruiscono le Ferrari ma se io ho una vecchia modesta minuscola Daewo Matiz e metti vado in vacanza in Sud Corea la prima cosa che faccio è fiondarmi allo stabilimento dove la costruiscono!? Ma mettiamo che abbia un mezzo blasonato come la Ferrari diciamo una Harley secondo voi non so dove la facciano suppongo ancora in America quando passo da quelle parti (non passo) mi fiondo a vedere come costruiscono le H.D. o addirittura organizzo un viaggio per andare a vedere Oltreoceano come costruiscono la mia ipotetica moto? E tutta l'attività di Corsini in veste di assessore è stata improntata ed orientata a promuovere un turismo emiliano di... nicchissima che fa numeri risibili paragonati alla Riviera per ovvie ragioni perché in massa la gente va al mare non nella fabbrica del parmigiano e tutto quello che viene speso per promuovere marchi improbabili sotto il profilo turistico ("food valley", "motor valley"...) non ritorna sono quattrini buttati girati solo a chi li incassa per promuovere un turismo improponibile che nessuna agenzia o tour operator proporrebbe mai. Queste realtà Parmigiano etc. certamente di prestigio e di importantissima economia sono industriali non turistiche! Nessuna Regione fa così! Ci sono fabbriche del Nord o altrove che producono marchi blasonati ma nessun assessore si sognerebbe mai di promuoverle turisticamente! Una cosa è ora dunque per me di sancire che dire Turismo e dire Emilia Romagna è dire Riviera, il resto è escursionismo, gita etc. da numeri come presenze, pernottamenti, fatturato risibili paragonati alla costa e anche la visita alla città d'arte parlando di realta piccole o medie Reggio-Emilia o Bologna non è turismo cercare di promuovere "una settimana in Emilia" per visitare le città d'arte non ti restituisce quello che spendi in promozione con quattrini pubblici ammesso che qualcuno ci venga non essendo Roma o Parigi o Londra ed anche la scolaresca che pernotta una notte prima colazione non può essere considerato turismo certo lontanissimo dai numeri della Riviera quindi è ora che si ponga fine a questa mistificazione, l'Emilia ha molte risorse economiche il turismo resta affare per 4 gatti; ma Corsini continua con 'sto mantra di visitare turisticamente le fabbriche emiliane e lo fa anche quando si trova nel cuore della Riviera, Rimini, in importantissima manifestazione, rivolto ai giornalisti. Dunque possiamo pensare di tenerci un assessore simile che rischiamo davvero di vedere confermato nella prossima giunta e che ovviamente non agisce di testa sua ma fa quello che gli viene detto di fare: promuovere turisticamente l'Emilia, più facile far passare un cammello etc...!? 
In foto scattata dal sottoscritto notasi Corsini con inguardabile zazzera corvina farlocca a cui sarà lo stress prende l'abbiocco proprio mentre lo intervistano (!) 
A.M.

Il Taglio

Il taglio di 230 deputati e 115 senatori è servito. Il disegno di legge di riforma costituzionale ha superato la sua quarta votazione a Montecitorio, l’ultima prima dell’approvazione. Tuttavia, sono ancora molte le polemiche all’interno della maggioranza. Il bibitaio era euforico, trasformato magicamente in vice premier dalla piattaforma e nel governo delle bugie proposto come ministro degli esteri americani. Una vittoria dei cinque stelle pari a quella su Autostrade. Il Pd furbescamente ha concesso quello che i cittadini hanno già deciso. Le due forze, nel governo deciso da Macron, avrebbero perso lo stesso numero di parlamentari, se fossimo andati alle elezioni. Una riforma del ca.. La legge elettorale che vogliono è il puro proporzionale, di antico sapore democristiano. Hanno rieletto Conte grazie a quel sistema. La riduzione dei parlamentari, così come è strutturata, è sbagliata nelle forme e nei modi. Il taglio impone l’abbassamento dei quorum per le elezioni delle cariche, come il presidente della Repubblica e una necessaria riforma della Costituzione, che riporta il numero di deputati e senatori. E' necessaria anche una nuova legge elettorale che garantisca rappresentanza e governabilità. Occorre un voto maggioritario a doppio turno con ballottaggio a livello nazionale ed elezione diretta del Presidente. Una conseguenza salutare sarà la riduzione del numero delle commissioni. Visto quello che contano a Rimini sono d'accordo. Il Rosatellum, a seguito del taglio, trasforma i seggi in regali più importanti. Essendo il Senato eletto su base regionale, molte regioni rischiano di essere privi dei Croatti. Oggi i parlamentari così come (peggio) i consiglieri comunali contano niente. Le leggi sono tutte di iniziativa governativa, così come a Rimini di natura principesca. Ogni tanto dicono arrivi un "facilitatore" per aiutare nelle scelte. Ma questa è un'altra (brutta) storia che lascio agli avvocati con buona memoria.

mercoledì 9 ottobre 2019

Per Fortuna

Epper fortuna c'è il Dottor Giammaria Zanzini Presidente e Consigliere Na-zio-nale!, di Federmoda a scagliare una pietra a difesa di noi piccoli commercianti recentemente battezzati "di vicinato" piuttosto che "commercianti" tout court "fatta la parola fatto l'inganno" ci hanno declassato nei fatti in quanto la specificazione serve solo a "promuovere" l'altra forma di commercio concorrente (Grande Distribuzione Organizzata GDO) e sempre più agguerrita che ha quasi sempre soldi cash alla mano con per costruzione e oneri di urbanizzazione (ci fermiamo a questo aspetto...) l'appoggio delle amministrazioni locali che autorizzano questi templi del consumo dell'inutile, del dannoso a Gaia ove poveri di spirito si caricano di bottiglie d'acqua DI PLASTICA così malviste in questi tempi per fare solo un esempio, autentiche "centrali della plastica" con imballi e quant'altro come le citate famigerate bottiglie per toccare solo un aspetto di come sarebbe buona amministrazione vedere questi luoghi come la peste nera salvandone ovviamente qualcuno perché il mondo cambia ma non si può dall'oggi al domani far diventare il commercio (terziario) qualcosa di simile all'industria come accade in questi luoghi ove c'è il GAP direbbe Giulietto Chiesa (Grande capitale apolide) che dispone delle ingentissime risorse per le amministrazioni sempre affamate di quattrini da poter pagare la realizzazione di qualsiasi struttura una volta che ci sia l'ok da parte dei tre enti competenti Regione Provincia Comune in nome di una malintepretata "libera concorrenza" sancita dalla Costituzione. Questi luoghi hanno creato danni ingentissimi sotto ogni profilo a 360 gradi sul lavoro in primis ma anche ambientale per l'esagerato consumo di merci spazzatura che generano e il giorno dopo sono da smaltire e gravano su Gaia etc. senza dire del consumo del suolo secondo le direttive UE 20150 etc, La... "famigerata" CIA Forlì ha addirittura... stuprato... "sverginato" la nostra Valmarecchia di Tonino Guerra proprio in sulla sponda del fiume di Tonino che diceva "aaah, il nostro fiume" e che in quelle zone si era ritirato cosa avrebbe detto di questa deflorazione con colata di cemento preesistente ma modificata ulteriormente da CIA se fosse vivo nel centenario del Maestro!? Ma tornando a Giammaria: Giammaria hai il mio appoggio: chiamami! Ora a Misano sono riusciti con un éscamotage a dare altri 6 mesi per la conclusione della Conferenza di servizi per la sottoscrizione dell’Accordo di programma richiesta dal Comune di Misano il 9 agosto scorso e avallata dal presidente della Provincia Santi Riziero circa la realizzazione di nuovo centro commerciale che i misanesi NON vogliono! E a Rimini recentemente aperti altri due maxistore: questo è darsi la zappa sui piedi fare cassa sulle spalle della decadenza di una comunità che si avvia a diventare esercito di schiavi pensare anche al centro Amazon in apertura a Santarcangelo quindi commercio schiacciato fra l'on line (che non paga l'assicurazione sanitaria ai dipendenti: leggere notizia di questi giorni relativa a Amazon) online che pure è assolutamente non sostenibile farsi consegnare con camion un inutile gadget elettronico da bidone in 2 giorni e che, vedrete, al contrario di ciò che si dice dovrà arretrare ridimensionarsi perché scarica i costi sul pubblico e sull'ambiente. Comunque 3 comuni sedicenti rossi: Misano Santarcangelo Verucchio si mostrano sordi e se ne fottono e il commercio diventa industria. E infine ma non ultimo: iniziare a defenestrare qualcuno degli organi delle nostre associazioni noi piccoli commercianti che NON ci tutelano e pensano solo alle discoteche, pub e quant'altro e non faccio nomi perché non mi piace mettere alla berlina le persone e i panni sporchi li laviamo in casa!
 Inn foto vedesi voce sola (non sòla romanesco nel senso di "unica") il grandissimo Presidente Zanzini nel suo atélier.
 Zobeta 

I Fantomatici

Dopo il primo "fantomatico" diventato Premier, senza avere mai frequentato un aula parlamentare, ma profondo conoscitore dei saloni vaticani, arriva il secondo: Joseph Mifsud della Link University di Roma. Accostamento azzardato? Forse. Sembra che Renzi e Obama, con l'aiuto del (secondo) fantomatico abbiano orchestrato un’operazione spionistica per inguaiare il presidente americano, cucendogli addosso un finto collegamento con i russi. Cose inaudite per un paese come il nostro, fiero della sua autonomia. L'unico premier che ebbe il coraggio di cacciare gli americani dal feudo, finì amaramente i suoi giorni in esilio. Solo Andreotti riuscì a morire di normale vecchiaia, Terreno pericoloso quello che i pochi giornali interessati stanno percorrendo. Non sanno più cosa inventare per cancellare l'errore dei cittadini votanti. I democratici dovrebbero avere imparato a perdere. Nel caso possono andare in terapia con gli interisti di Gnassi. Un procuratore americano da alcuni anni si dedica solo a trovare od inventare prove per il cosiddetto impeachment che pare impraticabile. Eppure ci sono potenti mezzi di comunicazione che escono tutti i giorni con notizie sconvolgenti. Molto meno di quello che succede nel Pd. I servizi russi avrebbero interferito sulle elezioni americane del 2016 a favore di Trump, numerosi uomini del presidente sono stati condannati o hanno collaborato con la giustizia a causa dei loro rapporti ambigui con i russi durante la campagna elettorale. Con queste deliziose informazioni volete cancellare il Bulletto dal panorama politico?. Mantiene in vita il governo Conte che vede nella riduzione dei parlamentari una polizza "kasko" per i bugiardi nelle promesse. Croatti, specializzato negli annunci da rotatoria, potrà vantarsi, al gazebo di Ghinelli, stracolmo di grillini di essere il vero signore delle rotonde...no vax.

martedì 8 ottobre 2019

Incatenatevi

Non è un gioco erotico ma una delle iniziative forti che il ruolo di consigliere comunale imporrebbe nel caso lo si volesse interpretare seriamente. Nella ibrida maggioranza alla riminese i ruoli sono interscambiabili come nel gioco della famosa Olanda. Brandine ed ombrelloni vanno e vengono assieme ai ciellini-curiali. Testomoniano cosa ha prodotto il renzismo nella sinistra storica. Va bene così, il Carlino lo dice tutti i giorni. L'altro non fa testo, è dipendente. Se esistesse una minoranza e non una schiera di consiglieri che siede (occasionalmente) dall'altra parte, si sarebbero già "incatenati". Corrono il rischio/certezza di rimanervi. Un sopportabile prologo per arrivare all'ultima (?) sceneggiata. La II Commissione Consiliare ha chiesto, giustamente, di discutere di quello successo 3 anni fa, Invece di fare finta di dimenticare, l'Avv.Biagini ha voluto ricordare, aggiungendo una mole di documenti, che sembrano avere prodotto meno scandalo del Viale Ceccarini da sistemare. Il sindaco Gnassi e i dirigenti invitati, hanno "disertato" la commissione consigliare convocata per affrontare la vicenda Tecnopolo, Aquarena, Conad e non solo. L’inchiesta vede indagate 18 persone tra le quali tre dipendenti comunali. “Il fatto che il Sindaco e i dirigenti abbiano deciso di non prendere parte alla seduta, secondo il presidente di commissione Matteo Zoccarato della Lega, la dice lunga, ma non tutta (aggiunto) sulla sbandierata trasparenza di questa Amministrazione”. Volevo fare una domanda, apparentemente, ingenua al Presidente che mostra una comprensibile ingenuità: se Biagini non avesse indetto una conferenza stampa con i giornalisti schierati in difesa del Sindaco, come faceva il grande Rocco nel Padova, cosa avrebbe fatto? Fate politica leggendo la rassegna stampa che vi regalano? Cosa deve succedere ancora a Rimini perche facciate il vostro dovere? Non trovate scuse, conosco il gioco come pochi. Non può essere sempre il Truce a levare le castagne dal fuoco. Provate a scottarvi qualche volta.
PS Aeradria l'avete dimenticata?

lunedì 7 ottobre 2019

L'Assessore Felice

L'attestato di questa giunta. Ho letto su uno dei blog di regime che l'assessore era felice della "trappola" inserita nell'impianto semaforico della Consolare, all'incrocio con la Grotta Rossa. Credo che il giubilo sia dovuto agli incassi che lievitano senza mettere vigili con la mascherina. Il sottoscritto, residente in zona, pensa a figli e nipoti che potrebbero essere vittime di queste infrazioni. L'assessore dovrebbe sapere che quando impareranno dove si nasconde il fotografo, le multe saranno inferiori al costo dell'impianto. Ho pagato 65 euro per avere superato di un chilometro la velocità permessa vicino all'Ospedale. Giusto così la legge è uguale per tutti, anche se a Rimini spesso concedono qualche dubbio. Ci sono ancora dei turisti che credono in San Marino, usano spensieratamente l'arteria per riuscire a raggiungere la tombola del verde. Faccio il bilancio con voi e chiedo uno spazio a questo blog che nuota controcorrente come i salmoni destinati ad una brutta fine. Perchè la "specializzata" in mobilità lenta, nominata assessore, non prende in considerazione quanto scritto da Lugaresi sulla Consolare? Più importante il Borgo Fortunato? Quanti parcheggi volete regalare a quella zona? Una volta qualcuno protestava. Oggi avete in mano l'informazione. Al contrario di qualche amico, elargitore di consigli e previsioni, confido che i cittadini sappiano scegliere, Lo hanno dimostrato. In America c'è Trump, in Russia Putin forever, in Cina non ne parliamo, in Europa stanno facendo i salti mortali per arginare quello che chiamano sovranismo. Sarebbe la volontà degli elettori. Una volta era democrazia popolare. Rimane il Portogallo ma lì è pieno di pensionati della cigielle.
Un residente

Una Riflessione Industriale

Non ho capito come le statistiche vengano interpretate da Paolo Maggioli, Presidente degli Industriali. Rappresenta l'intero distretto economico romagnolo, ma secondo lui e le stime di casa, quello riminese è il migliore. Difficile assumerla come rassicurazione. Mi ricorda il pericoloso vizio degli anni 90, quando la capitale del turismo iniziò a perdere le presenze straniere. I giornali, ancora non tutti casalinghi, scrivevano che però erano aumentati gli italiani. L'approccio è rimasto quello, con l'aggravante che oggi il ristretto mondo dell'informazione attinge da una sola fonte. Il sistema riminese è al palo, lo conferma lo stesso Maggioli quando affronta il dramma dell'edilizia. Un settore che ha sempre rappresentato il nostro termometro. Ha giustamente affrontato altri temi, usando però generiche espressioni. L'accessibilità del territorio viene curata con l'alta velocità, senza specificare se pensa ad una nuova ferrovia oppure treni più veloci sulla linea esistente. Va detto che con precisi aggiustamenti strutturali e tecnologici sarebbe in grado di fornirci la velocità occorrente. Era in grado di consentirlo anche nella tratta Rimini-Riccione, invece di creare un muro di stupidità politica ed ambientale. Il problema sono le fermate ogni 30 chilometri. Dimostrazione del fallimento del sistema emiliano-romagnolo in ogni settore: fieristico, congressuale, turistico, universitario, aeroportuale e perfino marino. Condivido l'interesse sulla Consolare S.Marino. Non si dilunga sui rimedi di cui ho parlato in un precedente articolo. Finisce naturalmente in gloria, come richiesto. Le lodi al Parco del Mare spero facciano parte di una forzata coreografia più che una personale convinzione. come richiede il Principe. Un confuso intervento di arredo urbano può fermare l'agonia turistica della città? Nell'Associazione sanno bene che il sindaco soffre di allergie da dibattito e non disturbano con le polemiche. Provate a pensare al casino che combinano con i condhotel. Una furberia elettorale, sostenuta naturalmente dalle categorie, che distruggerà le poche possibilità di rilancio della nostra industria. La farsa informativa sbandiera successi e poi è costretta a locandineggiare situazioni da terzo (?) mondo. Gennaio è vicino. Lo si capisce dalle promesse della Petitti.

domenica 6 ottobre 2019

Qui Comando Io

Questa è casa mia. Vecchia canzone popolar sovranista. La canta spesso Salvini al nemico Conte. L'uomo dalle origini e curricula misteriosi. Sembra che molte delle faccende russe siano state sceneggiate in Italia. Devo ammettere che hanno ragione i tre iscritti al Pd di Zingaretti quando dicono che Salvini era troppo preso dalle social discussioni per usare il suo importante ministero. Possibile che nessuno gli abbia suggerito all'orecchio senza cuffie chi era il premier amico del cardinale? Lo sconosciuto avvocato è diventato boriosetto. Impartisce lezioni etiche da un pulpito almeno discutibile. L'Iva doveva essere rimodulata. Non si tocca. Lo Ius culturae un incomprensibile regalo è stato subito accantonato. La revisione dei decreti sicurezza è scomparsa dall'agenda politica. Il terrore di Salvini. I selfie fatti a Riccione hanno prodotto nella maggioranza Divani$Poltrone una paura fottuta. Sembra che Renzi stia giocando di sponda, come nello squash ,con il Matteo più religioso di lui. Quanto possono contare l'attaccamento all'incarico ed i rispettivi emolumenti? Per la mandria grillina esiste la certezza anche di un oblio familiare. La Taverna potrà fare l'ultrà. Con un delizioso sussidio di 6 mila euro mensili. Toninelli? Si stanno sgolando annunciando la fine della Lega e nel contempo complici i soliti scandali vaticani hanno perso l'appoggio di Bergoglio. Non sa dove fare il prossimo viaggio. Ci sono alti prelati che spingono perchè vada a visitare l'America di Trump. Le ragioni sono note. La mia impressione invece è che la prossima tornata elettorale per quanto dilazionata permetterà alla Lega di vincere con largo, largo margine. Ci sono parole d'ordine che viaggiano più potenti della Gruber. 


sabato 5 ottobre 2019

La Rivoluzione della Viabilità

Boh io non lo so a me mi sembra di sognare Niasso annuncia la rivoluzione della viabilità tutti zitti si riporta la notizia nessuna voce critica ma io dico se cambi la viabilità toccherà che spieghi perché lo fai nessuno lo chiede, la stampa dorme è "collusa", dice sempre sì e la pubblica opinione, l'Intelligencija cittadina, i commentatori: tutti zitti?? Deve spiegare se fa una cosa la ragione per cui la fa quali sono i benefici, mi spiego, o siamo servi suoi!? E' il padrone... il Lucumone... il Tiranno, nell'accezione arcaica del termine, della città che fa quel cazzo che gli pare senza fornire spiegazioni forse!? Perché adesso inverte il senso di marcia sui bastioni perché s'interessa sempre di quell'area cosa c'è li in zona da attirare la sua attenzione interventi continui milioni e milioni spesi senza fornire spiegazione? La passerella: come si può bere una idiozia come il fatto che serva ad avere un nuovo punto di vista del ponte di Tiberio: un insulto al cervello! La Piazza sull'Acqua: è una piazza o è una strada nel parco per unire il borgo al centro nella prospettiva di chiudere per lavori il ponte quella volta che dicono da Ravenna "stop" al traffico? E la passerella non ha forse la stessa funzione di scongiurare l'isolamento del borgo? E' una passerella o meglio un "ponte di barche" seppure in formato mignon?? E perché mai non si potrà più circolare in piazza Malatesta quando ovunque nell'universo mondo auto passano di fianco a monumenti storicissimi cento volte quell'assurdo teatro imposto dalle élites locali ai riminesi e fatto loro pagare per avere un luogo esclusivo di incontro che ricordi gli ambienti che frequentano il loro club le loro abitazioni? Colosseo, Arena di Verona... cattedrale di Notre dame 700 anni più antica del teatro rifatto in falso antico 300 più antica della Rocca non-del-Brunelleschi, le auto ci passano di fianco siamo di fronte a una grande mistificazione per isolare il centro che non ha eguali non in Italia: nel mondo! Sembra che la viabilità la progetti qualcun altro e passi i desiderata al Comune parlando in astratto e per paradossi, Ora hanno allontanato ulteriormente il trasporto pubblico dal centro portando i capolinea su piazzale Cesare Battisti lato mare, 'te casein! Ogni anno li allontana: finiranno... alla Zingarina, così il centro può anche chiudere irraggiungibile da auto moto mezzi pubblici...assurdo! Tutte le città hanno monumenti non per questo chiudi al traffico ma nemmeno moto e mezzi pubblici... a Milano parcheggi davanti al Comune! Ci sarà qualcosa che non torna se ronzano sempre attorno o al ponte di Tiberio e isolano sempre più il centro o dico una capzata?? C'è qualcuno che può "indagare" su 'sta cosa anche alla luce del fatto che sono emerse stranezze di rilevanza penale nella gestione del Comune recentemente grazie al coraggio dell'avvocato Biagini!? O siamo tutti tutti somari che ci beviamo ogni cazzata che Gnassi spara... i "punti di vista" per godersi il ponte ma sai cazzo me ne frega di vedermi dal canale quello stupido ammasso di vecchie pietre tutte'ssstuorte che se voglio poi posso andarci a toccarle col naso: ma dove?, ma stai sognando ma siamo tutti rincoglioniti forse, c'è del marcio in Danimarca 100%!
In foto: Parigi, 'Île de la Cité, una delle zone più "centrali" del pianeta, Cattedrale di Notre-Dame de Paris recentemente appicciata, XII secolo, un gigante antichissimo e maestoso visitato da milioni di persone, alto 75 metri con le torri: le auto ci passano di fianco! 
 A. S. M. 

Supercazzole

L'ultima è il dibattito aperto sulla porta: aprire o no, dentro Castelsismondo? Vengono usati i mezzi a disposizione: giornali, blog e le parrocchie piddine per le proposte dei presunti esperti, fino ad arrivare ad una votazione sulla piattaforma locale. Per le scelte (?) urbanistiche da lungomare invece può parlare e decidere solo Uno. Gli ottimisti dicono che si gioca il destino di Rimini. Dai grattacieli firmati ed esportati fino a Londra, siamo passati modestamente a figurine in scala 1:2 con dune e negozi. Hanno annunciato bandi e vincitori. Poi arriva un contrordine agli ex compagni. Con la scusa della omogenizzazione, tutto cambia. Spariscono i privati ed i negozi, si inventa un modesto arredo urbano da Anthea. Avete letto un articolo, un cenno, una modesta polemica? Siamo caduti nel regime del silenzio. Controllano ogni aspetto della vita pubblica, con l'aiuto di quelli che si definiscono organi d'informazione. Da oltre 15 anni su questo blog amatoriale confezioniamo proposte, suggerimenti, convinti di conoscere la città meglio di quelli seduti attorno al tavolo (rettangolare) di Gnassi. Non è presunzione. Quanti articoli abbiamo usato per chiedere una vera innovazione della spiaggia riminese? Lo stabilimento era la nostra stella polare. Il Papeete che usate per denigrare Salvini da noi non esiste. Se il nostro Principe vuole arringare i bagnini lo può fare comodamente nella sua maggioranza. Nel contempo abbiamo una organizzazione balneare da medioevo. Però con un tubo spariamo al largo la..me. Quando ritorna, la corrente la conduce (politicamente) verso Riccione. Abbiamo assistito ad un festival dell'incapacità che dura da troppo tempo. I protagonisti sono sempre quelli. Fanno finta di litigare poi si spartiscono le poltrone. Quelle della famiglia, di fatto e partito, Bernabè&Petitti sono troppe.

venerdì 4 ottobre 2019

Non solo Rimini

Rimini ma non solo Rimini: Salvarimini "HA" il polso di tutta la provincia e non solo ebbene anche Santarcangelo ha il suo piccolo scandalo Acquarena e non mi riferisco all'inchiesta ma alla mancata realizzazione della piscina comunale che a detta dell'assessore Brasini già nel 2014 era cosa indispensabile in quanto quella di via Flaminia era vecchia e urrrr-geva una nuova piscina per avviare i riminesi alla pratica natatoria, addirittura olimpionica si diceva. Com'è finita con il doppio risvolto che la piscina non c'è e che ci sono invece inchieste lo sappiamo. Dicevo Santarcangelo come denuncia Samorani mancato sindaco ha una vicenda per certi versi simile i bimbi di Canonica amena frazione clementina un po' dimenticata dall'Amministrazione Parma come sovente accade alle frazioni devono andare alla scuola per l'infanzia di Montalbano frazione collinare mi pare (c'è un omonimo nel cesenate) e la Parma si era impegnata in campagna elettorale a dotare questo fazzoletto di terra di una nuova scuola appalto già dato rendering strepitoso e tutto il repertorio che si vede in questi casi anche a Rimini e dove c'è questa usanza di usare gli effetti speciali per autopromuoversi come Amministrazione. Poi un contenzioso con la ditta appaltatrice di cui pare la Parma fosse al corrente in campagna elettorale che giammai avrebbe potuto consegnare la scuola per quest'anno come prometteva quindi mentiva. E a Canonica sono passato avant'ieri sono incapzati neri perché della nuova scuola che sarebbe già dovuta essere pronta non v'è traccia, certo c'è il rendering ma è difficile entrarci dentro! E ogni giorno i canoninecesi o canoninecensi o come si chiamano onestamente non so devono portare i figli a Montalbano, non il commissario per fortuna che chi sa dove si sollazza, e hanno barrato la croce "Parma" nella gabina pensando alla scuola a 5 stelle e ora lo prendono lì come lì lo presero i nuotatori riminesi che aspettavano la piscina olimpionica e si ritrovano con una decina di palazzoni sul lago proprietà Conad e con la miliardesima Conad supermercato. Tags: #dovenonbatteilsole, #scuola, #Canonica, #Parma, #Samorani. In foto il rendering della superscuola mai fatta che non c'è e la "colpevole" che se la ride pure: incroyable! 
Prof. Nemo Pascale

Parenti e Serpenti

Mio figlio, da qualche anno, lavora per una delle (poche) aziende riminesi che non hanno usato il mattone per scomparire più rapidamente. Avevo proposto, in altri tempi che il proprietario si candidasse come Sindaco. Ho sempre sentito parlare bene di lui anche da persone con l'elogio difficile. Oggi la sua azienda sta viaggiando a velocità da noi sconosciute. Faccio il tifo perchè rimanga. Va bene anche la Petitti. Dobbiamo abituarci ad usare la giusta espressione: Rimini sta fallendo. Le due fotocopie della notizia, prendono diligentemente la linea da Palazzo Gnassi, ma sono state costrette a locandineggiare che 25 esercizi turistici corrono il rischio di chiudere, non avendo pagato le tasse locali. Gli altri cessano per ragioni più convincenti come la mancanza della materia prima. Aspettate quando ci imporranno la remunerazione del monumento alla me.....sparata al largo. Gli stessi (due) giornali a lato pubblicano che siamo sempre la Capitale. Però si apre la borsa del turismo nel tempio di Cagnoni. Una autentica presa per la..prenotazione. Vanno dappertutto fuorchè nella vecchia Pensione Rosina. Il Sindaco, indubbiamente bravo nel mascherare la situazione, tratta i sudditi come la famosa regina francese. Non usa brioches o bomboloni ma feste e proclami da lungomare. Tutto ruota ormai attorno alla distribuzione..grande. Sono padroni di risorse che nessuna impresa può disporre. Succede che dopo essersi insultati amabilmente per anni, Luigi Di Maio e Matteo Renzi hanno fermato insieme l’aumento dell’Iva. Si telefonano, si scambiano messaggi, provocando qualche etero gelosia. Hanno in comune un nemico: il Pd.  Roberto Gualtieri, economista, ha assunto i panni scomodi del piccolo Tria. Lui risponde a Bruxelles. Un governo di parenti serpenti. Rimane un borioso premier che come gli altri, eccetto Berlusconi, non è stato scelto dai cittadini. Lui è frutto della Piattaforma, accreditata all'Onu come il 194° paese... di Casaleggio. 

CS Amir Spa

Studenti riminesi a lezione dal climatologo Luca Mercalli Un’iniziativa di Amir SpA per approfondire i temi del riscaldamento globale e delle emergenze ambientali ‘Questioni di tempo’: lunedì 7 ottobre al Teatro degli Atti l’incontro tra il professore e i ragazzi delle scuole superiori Trecento studenti delle scuole superiori riminesi a lezione dal climatologo Luca Mercalli. L’iniziativa è organizzata da Amir SpA, azienda pubblica di riferimento per la rete idrica in larga parte della provincia, con il patrocinio del Comune di Rimini. Un contributo all’incalzante richiesta, soprattutto da parte dei giovani, di affrontare il tema del cambiamento climatico come priorità dell’agenda politica. È un dibattito di portata internazionale quello sulle emergenze ambientali, affrontato in queste ultime settimane in due momenti simbolo, il summit delle Nazioni Unite (New York, 23 settembre) e il terzo sciopero per il clima (oltre un milione le persone in piazza solo in Italia il 27 settembre). In questa congiuntura mondiale, la città di Rimini - che nel bel mezzo della calda estate 2019 ha dichiarato lo stato di emergenza climatica e ambientale - si ritrova al centro di una recente indagine de Il Sole 24 Ore per un incremento della temperatura media annua di tre gradi rispetto alla minima registrata dal 1900. Un dato che di per sé indica l’urgenza di informazione scientifica su argomenti trasversali tanto ai percorsi scolastici quanto alla vita quotidiana. Nell’incontro tra il professor Mercalli e gli studenti si parlerà proprio di questo, di riscaldamento globale e delle sue conseguenze, ma anche di tutto quel che può significare crisi ambientale, dallo scioglimento dei ghiacciai all’innalzamento del livello del mare con la progressiva riduzione di riserve di acqua dolce. Ci si soffermerà sulle responsabilità dell’uomo, sul suo impatto sull’ecosistema terrestre, e sulle possibili contromisure, il ricorso alle energie rinnovabili per esempio, per evitare di compromettere per sempre il nostro rapporto con la natura. Ad introdurre la lectio - ‘Questioni di tempo’ - in programma lunedì 7 ottobre (a partire dalle 9.30) al Teatro degli Atti, sarà Alessandro Rapone, amministratore unico di Amir SpA. “Si tratta di un’iniziativa divulgativa spinta dalla volontà di contribuire ad affrontare un tema di forte attualità - dichiara Rapone - Per questo ci siamo rivolti ad un esperto autorevole in materia come il professor Mercalli, docente universitario, da ben 25 anni impegnato nella formazione scientifica. Quindi abbiamo pensato di coinvolgere gli studenti, i ragazzi delle scuole superiori di Rimini, che stanno dimostrando grande attenzione e interesse per i temi ambientali. Un gesto di responsabilità da parte di un’azienda pubblica come la nostra, ente strumentale che ha come sua principale mission la salvaguardia delle infrastrutture idriche funzionali al sistema idrico integrato, prezioso patrimonio della collettività. In un momento come quello attuale c’è bisogno che ognuno faccia la propria parte e crediamo che l’incontro con Mercalli per giovani che stanno per decidere del loro futuro possa offrire molti spunti di riflessione”. Al Teatro degli Atti interverrà per un saluto anche il sindaco Andrea Gnassi: “Ci è sembrato giusto - aggiunge in proposito Rapone - condividere questa iniziativa con l’amministrazione comunale, che sta concentrando enormi sforzi economici sul fronte ambientale. In particolare per realizzare il Piano di salvaguardia della balneazione, con il sostegno anche di Amir. Rimini inoltre ha aggiornato il suo Piano Strategico al 2039 proprio per introdurre un approccio strutturale al cambiamento climatico. La nostra è una città che sta lavorando e investendo molto per un futuro più sostenibile, occorre darne testimonianza”. Al termine della lectio saranno poi i ragazzi con le loro domande a interrogare il professore su quelle che Mercalli è solito definire “istruzioni per l’uso del pianeta Terra”. L’incontro, a posti limitati, è stato pensato in particolare per gli studenti di quarta e quinta superiore. Saranno presenti alcune classi dei Licei ‘Cesare - Valgimigli’, ‘Einstein’, ‘Serpieri’ e degli Istituti Tecnici ‘Valturio’, ‘Belluzzi - Da Vinci’. Nell’occasione Amir SpA consegnerà a ciascuno dei presenti una pratica borraccia, un gesto simbolico da parte dell’azienda per sensibilizzare stili di vita più sostenibili. Luca Mercalli, docente di Sostenibilità Ambientale alle Università di Torino (SSST) e di Pollenzo, è presidente della Società Meteorologica Italiana (costituita nel 1865). Giornalista scientifico, nel 1993 fonda la rivista di meteorologia ‘Nimbus’, che tuttora dirige. Dopo aver pubblicato su riviste internazionali e su alcune delle principali testate italiane (La Repubblica, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, Donna Moderna, Rivista della Montagna) approda alla divulgazione televisiva partecipando a diverse trasmissioni Rai (tra cui la popolare ‘Che tempo che fa’, ‘Tg Montagne’, ‘Scala Mercalli’). Ad oggi conta circa duemila conferenze sulla crisi climatica ed energetica. Tra i suoi libri Filosofia delle nuvole (Rizzoli 2008), Che tempo che farà (Rizzoli 2009), Viaggi nel tempo che fa (Einaudi 2010), Prepariamoci (Chiarelettere 2011), Il mio orto tra cielo e terra (Aboca 2016), Non c’è più tempo (Einaudi 2018).

giovedì 3 ottobre 2019

Risiko no grazie!

Avevamo fatto un’interrogazione per conoscere lo stato delle nostre scuole in riferimento ad un evento sismico, il 15 gennaio 2019, poi sulla base dei dati fornitici il 14 febbraio 2019 avevamo chiesto la messa a disposizione di fondi per un intervento urgente sulla scuola “Girotondo" di Montalbano già nel 2019. Ci fu risposto che non c'era carattere d’urgenza, che l’adeguamento sarebbe partito nell'estate del 2020 e che il nostro insistere era imbarazzante. Considerato che fu presentato un esposto alla Procura di Rimini da parte di alcuni genitori preoccupati, ci chiediamo ora a che punto siano le indagini e se sia stato preso in considerazione un sequestro cautelativo da parte della Procura. Adesso l’amministrazione Morelli, citiamo testualmente: “Richiamata la delibera della Giunta Comunale n. 93 del 12/09/2019, avente ad oggetto: “RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA" SULLO STATO ATTUALE DEL FABBRICATO RELATIVO ALLA SCUOLA MATERNA DI MONTALBANO, RELATIVAMENTE ALLE INDAGINI DI VULNERABILITA' SISMICA SVOLTE. INDIRIZZO AGLI UFFICI”, immediatamente esecutiva, con cui, rilevata la necessità di acquisire una relazione tecnica redatta da professionista abilitato alla professione che esplichi lo stato attuale della scuola materna “Girotondo” in loc. Montalbano, sia in relazione alle NTC (Norme Tecniche di Costruzione degli edifici) vigenti all’epoca della costruzione (se esistenti), sia che in relazione a quelle attuali vigenti, al fine di verificare la permanenza delle condizioni di legge per l’utilizzo della struttura”. A questo punto un’opposizione politica degna di questo nome dovrebbe quantomeno porsi una serie di domande: - perché viene chiesta una relazione tecnica sulla permanenza delle condizioni di legge per l’utilizzo della struttura solo oggi e questo dubbio non è venuto già a febbraio del 2019? - perché allora fu risposto che era tutto a norma e che i lavori potevano essere fatti anche nel 2020, se oggi viene chiesta questa relazione? Le risposte fornite allora non erano del tutto basate su documenti oggettivamente certi se solo oggi a distanza di mesi e a scuola iniziata viene chiesta questa perizia? - Indipendentemente dal fatto che la perizia dirà che è tutto a posto, questa non poteva essere già fatta a febbraio-marzo? Ricordiamo che stiamo parlando di strutture pubbliche frequentate da bambini e i loro insegnati e la sicurezza dovrebbe essere garantita al di là di ogni ragionevole dubbio e vista la richiesta di una perizia forse qualche dubbio è venuto anche all’amministrazione Morelli? Ci chiediamo come mai la Procura, visto che c’è un esposto in corso e alla luce di questa richiesta di perizia, quantomeno tardiva rispetto a quanto fu posta la questione sicurezza sismica, non sia ancora intervenuta con degli atti cautelativi, in attesa che la situazione si chiarisca e in considerazione del fatto che ad oggi i bambini stanno frequentando regolarmente quell’edificio. Queste sono solo alcune delle domande che quantomeno, quella che si definisce un’opposizione capace,dovrebbe fare e invece sembra che tutto taccia. Invitiamo la cittadinanza ad interrogarsi su questo modo di gestire i beni pubblici e sulla loro sicurezza! Probabilmente la scuola sarà adeguata (si spera), la relazione tecnica dirà che va tutto bene (dopo che qualcuno ha sollevato il problema), ma dato il carattere imprevedibile del sisma, se in attesa dell’adeguamento e della perizia tecnica avvenisse un terremoto di una certa magnitudo? A noi non piace “giocare a Risiko” con la sicurezza ed è per questo che terremo sempre alta l’attenzione fino a quando non si interverrà sulla struttura per renderla più sicura.

CS Confesercenti Santarcangelo

Comunicato Confesercenti Santarcangelo del 3 ottobre 2019. A seguito dell'articolo uscito sulle pagine del Resto del Carlino, riguardo al "fermo" del progetto di realizzazione di un nuovo parcheggio adiacente al piazzale Francolini, Confesercenti è alquanto preoccupata. La nostra Associazione ritiene che la situazione dei parcheggi adiacenti il centro stia notevolmente peggiorando, come del resto già esposto nei confronti preelettorali. Già alle ore 9:00 non ci sono più posti disponibili nel grande parcheggio Francolini. I parcheggi di Piazza Marini, Marconi, Lauro de Bosis, Cagnacci, Gramsci, Suor Angela Molari sono sempre pieni come tutti gli stalli lungo le vie limitrofe. La situazione migliora durante le giornate estive ma nelle ore serali e nel periodo invernale la carenza è evidente. Tra l'altro non si hanno più notizie del progetto, presentato dalla giunta precedente, inerente un parcheggio multipiano in piazza Suor Angela Molari, che sarebbe stato molto comodo a servizio di tutto il centro. Confesercenti si era già informata riguardo il fermo del progetto Francolini presso la Fondazione, la quale rispose che la sospensione momentanea era dovuta alle imminenti elezioni amministrative. Riteniamo che per risolvere la situazione, che inevitabilmente crea disagi a residenti, a chi lavora in centro e soprattutto a chi ci raggiunge per lo shopping o per turismo, sia fondamentale proseguire la progettazione del nuovo parcheggio, appendice dell'attuale Francolini, visto anche l'interesse per la realizzazione dei box interrati. Nel contempo si rinnova la richiesta, già effettuata in diverse occasioni di confronto con l'amministrazione, di rivedere la segnaletica stradale, affinché i nostri visitatori ed utenti possano raggiungere anche aree, ancora poco sfruttate, come il parcheggio gratuito Campana. La nostra città e cresciuta, sono aumentati gli abitanti e le persone che ci frequentano. La vivacità delle attività commerciali e ristorative, i numerosi eventi culturali e ludici ed i diversi servizi a disposizione (poste, banche, ospedale, scuole biblioteca, ecc) richiedono spazi adeguati per migliorare la viabilità e la fruizione del nostro centro.
 La Presidenza Confesercenti Santarcangelo
 Massimo Berlini Coordinatore Sindacale

Non mi diverto più

Non mi diverto più a causa dell'età e dello spettacolo trasformista ad andare in piazza. Non so chi sia più il mio avversario. Si sono dotati di armi Stealth... E quando li individui usano misure palliative, cd. contromisure elettronico webbarie. Usano i Ghinelli, le Sarti, le Appendono e quella di Roma. Usano i Renzi! L'innominabile collega dello studio del fu ministro della difesa dell'era Silviana la risparmio. Non posso! Ma poi mi scappa come fosse una... Raggi. Scuserete il linguaggio militare ma qual è l'arte che chiede maggiore efficienza se non quella della guerra?? A noi piace poco per fortuna... Ci piacciono i tarallucci e vino. Purtroppo sono troppo anglosassone di ignorantezza formativa per accettare le chiacchiere avvinazzate degli altri. Non sono una Taverna qualsiasi alla M5S maniera che con una lavata e asciugata torna tutto apposto. Sono una persona seria. Troppo! La capacità di indignarmi mi conduce verso l'anarchia. Plaza de Mayo, Tienanmen, della Loggia, Fontana... Quante di questi luoghi misurano la nostra sconfitta collettiva. Quante? Troppe per me che mi sono rassegnato. Lascio i picchetti ai Fassina e a quelli come Egli... A quelli che dicono ad un lavoratore: "lei non sa che sono io! Sono un deputato della Repubblica... " Per fortuna aveva davanti un poliziotto o più, perché avesse avuto quelli che mettono in conto di prenderle gliele avrebbero date veramente.
P. S. Pensate se al Viminale ci fosse stato Salvini. Per fortuna si è ubriacato al Papeete... Non vi dirò di votare per Dini per mere ragioni di strategia. Non ambisco a nessun rettorato universitario.
Roberto Urbinati

mercoledì 2 ottobre 2019

I Mille

Purtroppo non saranno i 1000 in piazza a Riccione per Salvini a cambiare l'esito elettorale delle prossime regionali per me a parte che il dottor Grillo a Rimini se non ricordo male fece cinque, dieci volte tanto come piazza anni fa come ai concerti in piazzale Roma per dire sono molti molti di più la grandissima Grandi anni fa fece mi pare 10.000 ("...bruuuuuuci la cit-tààààààà...": straordinaria). Dice Salvini: "l'ER è contendibile", purtroppo come si dice "mente sapendo di mentire" una pietosa bugia per una conferma certa: ci toccheranno altri 5 anni di verboso, ubiquo Bonaccini. Che fa campagna elettorale da mesi e in posizione favorevolissima di Presidente quindi... un gioco da ragazzi rimanere dov'è in un deserto di sfidanti di peso. La candidata della lega secondo sondaggi fra i più prudenti e attendibili è data staccata di 15 punti senza contare che queste elezioni si terranno con il Pd al governo e che se anche il M5S parrebbe si presenterà solo nulla toglie che... una manina si potrebbe staccare dall'elettorato 5S e spingere Bonaccina. Quindi altroché contenbile: risultato scontatissimo, passeggiata di salute per Bonacci che si appresta così a concludere la propria vita adulta da politico come l'ha iniziata 30 anni fa dalla maturità alla pensione. Mai l'ER da che esiste è stata espugnata. Una volta Bologna lo fu per un soffio per chi ricordi il "macellaio" Guazza: è la città ed è la regione-culla della sinistra (ora sedicente): giammai potrà passare in mani avverse anche in virtù del fatto come qualcuno ha osservato degli "intrecci" (leciti) fra Regione, PD, cooperative e altro cose note... sulla bocca di tutti, nulla di nuovo, non invento cose legali ma arcinote. 37% gli elettori ultima tornata per dire quanto gli abitanti di questa Regione, che aspirerebbe a uno statuto semi-speciale non si comprende in virtù di cosa se non per spremerci ancor più, gli abitanti se ne sentano parte. Quanti ne andranno in un gelido gennaio in cui si vota solo in ER e i tg oscureranno la notizia se già non lo faranno le celebrazioni del Giorno della Memoria previsto il lunedì successivo la domenica elettorale cosa che favorirà il PD (l'astensionismo)? Ed è così famosa la candidata della lega che manco mi ricordo il nome e così forte che ha preso il 22% contro Merola penultime comunali primo turno a Bologna: per Bonazzani sarà pura formalità entra ed esce dalla Presidenza. Diversamente potrebbe andare se e solo se accadranno fatti rilevantissimi scena italiana o mondiale da qui a gennaio si votasse domani Bonini doppierebbe l'avversaria quindi la scelta furbesca di procrastinare le consultazioni all'ultimo giorno utile e legare al Giorno della Memoria con conseguente retorica antifascista si rivolta contro chi l'ha pensata e diventa l'ultimo disperato fievole filo di speranza che l'ER sia contendibile. 
In foto Salvini a Riccione con alcuni militanti o fans.
 Finto Pesce 

Fine del Sogno

Inizia la transumanza della mandria grillina verso pascoli più sicuri. I cittadini avevano concesso un terzo dei loro voti con la speranza che il sogno si avverasse. Il risveglio è stato amaro. Volevano abbattere il Pd come simbolo del regime e si trovano al Nazareno. Il movimento 5 stelle si deve usare solo come prova spesso la Franchini, ancora con scarsi risultati. O sei una Sarti o Sensoli o meglio un Croatti o.. sei fuori. Le scelte vengono decise (oculatamente) da uno strano strumento chiamato Piattaforma. Il manovratore è un commercialista. Riesce però a cambiare le condizioni di una vita. La politica è arrivata al punto più disgustoso dal dopoguerra. Inizia la compravendita dei parlamentari, Ti fai eleggere in uno di questi movimenti/partitini, privi di ideologia e struttura, poi mandi il tuo procuratore (politico) a trattare il cambio della casacca. Il genio Gigetto adesso vuole il vincolo di mandato. Fanno le multe come avessero l'autovelox in parlamento. L'uno che vale uno è morto. Hanno consegnato gli incubi rimasti nelle mani di un sconosciuto avvocato dotato però di luminosi curriculum. E' diventato anche altezzoso. Ho visto come ha cacciato la giornalista, non di Repubblica, che portava il parmigiano a..Pompeo. Grillo è finito fanculato dalle sue battute. La scissione renziana con la massa di onesti parlamentari che lo seguono è l'avvenimento più previsto dopo la cacciata di Toninelli. Però i pronostici elettorali come quelli turistici sono taroccati. Eppure sono costretti ad annuciare che La lega, da sola, vale come i due partiti dellle poltrone. Salvini nella sua visita a Riccione ha avuto lo stesso spazio di Biagini, sui due giornali del regime.. locale. Il governo Divani&Divani durerà. Il Colle difende la sua creatura, per caso simile a quella imposta dall'Europa. Sembra però a dispetto degli spot dei 7 grillini proclamati come pensanti si arrivi allo spolpamento pentastellato. Gli abbracci e foto con il sindaco sulle scale del Palazzo verranno fatte per Natale, con foto rsclusive per il Carlino? Il governo gialloverde aveva delle caratteristiche che lo potevano giustificare. Ha vinto la cricca dei potenti e la paura di Salvini, Non credo siano finite le convulsioni politiche. La buttano sull'ambiente e sulle marce dei giovani. Ve le ricordate quelle sulla scuola? Cosa hanno cambiato? Sembravano preludere ad una rivoluzione. Rimane un aspetto positivo: l'amore per la nostra terra. Tramutarlo in voti per Zingaretti nemmeno la Gretina sarebbe in grado di assicurarlo. Stanno sparendo antiche certezze. La Lega è la forza più vicina alla Chiesa nel senso vetero-culturale eppure le curie fanno un tifo sfrenato per il Pd e le Ong. Avevano riempito gli immobili con i nuovi pellegrini su appuntamento in mare. Quello che sta succedendo sembra andare bene a tutti. La frammentazione è aumentata. Vogliono ritornare al proporzionale, segno indiscutibile che intendono continuare a mangiare con la politica. Per fortuna le cose a Rimini vanno molto meglio, lo ha detto in conferenza un avvocato. Aspettiamo la risposta della ..Legge.

martedì 1 ottobre 2019

Consolare RSM

Una arteria stradale classificata tra le strade più pericolose d'Italia. Nei decenni, attorno alla Consolare, più o meno spontaneamente è cresciuto un mondo. Gravitano aziende, industrie, commercio e residenze, usando la programmazione urbanistica alla riminese, da anni il vangelo dell'abuso. La realtà, in sintesi, ci dice che nella parte sammarinese l'arteria è stata integrata nel tessuto cittadino e conseguentemente organizzata come tale, snaturando però l'originale progetto regolato da una convenzione tra i due Stati. Nella parte italiana, seppure con insediamenti leggermente meno invasivi, eccetto la realtà di Cerasolo, si continua con l'impostazione di una superstrada veloce, riempita di semafori. Uno dei tanti doni del (quasi) santo Don Benzi. I semafori creano problemi e morti. Negli anni, per evitare i sempre più numerosi incidenti ai relativi incroci, le due fasi iniziali sono diventate tre e poi quattro, allungando enormemente i tempi di fermata e la capacità di deflusso stradale. Molti automobilisti scelgono stradine alternative che non sono in grado di reggere l'urto. Le più gettonate si chiamano: Maceri, S.Cristina, Grotta Rossa, ecc. Sarebbe evidente anche per un assessore che portando enormi quantitativi di mezzi su strade di campagna, aumenti gli incidenti, rumori, inquinamento. Sulla superstrada le cose non vanno meglio. I maledetti semafori creano un pericoloso traffico a singhiozzo. E' usuale correre per trovare la pole position tra le 30/40 macchine che passano allo scatto del verde. Arrivati (?) al semaforo seguente, quando da lontano intravedi il verde, aumenti la velocità per evitare di essere nuovamente fermato. La sintesi di una battaglia quotidiana. La vera mobilità lenta. Che frega a loro di questa parte della città? Una volta c'erano i "frontalieri" di A Te Faz. Ora quel fronte è quasi sparito. La Consolare è un campo minato. Chi vuole fare uso della linea d'autobus deve sapere saltare almeno 1,30. L'altezza dello spartitraffico. Farete campagna elettorale in quella zona? E' la realtà quotidiana di residenti, operai, pendolari, studenti, anziani e disabili. Costretti a dedicare una settimana (scarsa) alle accuse di Biagini, le due ancelle curiali/ciellini riprendono l'assistenza politica e domiciliare a questa giunta con le solite buffonate: treni, funivie, monorotaie, senza dire che nel passato, come per il Trc, sono stati spesi milioni in progetti da..museo. I soliti noti sperano sempre nello stato pantalone. Con la scusa del progetto di fattibilità, sborsa i milioni per portare da Gennari la stronzata riminese. Con il governo giallorosso è cambiato tutto. Lo dice Croatti. E' possibile che riescano a proseguire il Metromare. Passo alle cose serie. Sostituire i semafori con rotonde: le velocità eccessive vengono ridotte e nel contempo la struttura crea una confortevole fluidificazione. Riduce i tempi di percorrenza, mettendo fuori gioco le stradine usate come alternative. Inoltre serve urgentemente una pista ciclo pedonale, che nel territorio riminese, metta in collegamento le quattro realtà più isolate: via Acquabona, via Sabanelle, via Pianazzo e il costruendo (?)  Polo Sportivo. Attraversando via Acquabona ti colleghi alla ciclabile di via Montescudo all'altezza del bar Neri, dove fino a qualche anno fa c'era un utilissimo ponte pedonale di ferro. Invece di essere sostituito con qualcosa di meglio, lo hanno rimosso. Usando una pista ciclabile l'utenza potrà organizzarsi per raggiungere quei due tre passaggi che nel tempo si possono realizzare per attraversare in sicurezza la consolare ed utilizzare l'autobus senza fare i..Tamberi. Ho preparato una proposta. Mi ero stancato di scrivere le stesse inutili cose, sono sicuro che a Rimini non succede niente. Conte 2 è un "gretino" di governo. Ci sarebbero altre questioni che dovrebbero essere patrimonio dei tecnici ancora non "avvisati". Nel Piano Strategico della Mobilità è previsto lo sfondamento di Via della Lontra, lungo l'Ausa, per mettere in sicurezza la via della Grotta Rossa. Con le ipotizzate rotatorie si rende possibile un senso unico, monte mare usando come risalita la stessa consolare. Permette di fare, senza soppalco, nella parte a valle di Covignano un'altra pista ciclabile. 
PS Sto preparando alcune considerazioni sul mondo dei pertinenziali.